keystone-sda.ch/ (PASQUALE CLAUDIO MONTANA LAMPO)
Carola Rackete è stata interrogata ad Agrigento.
+ 4
ITALIA
18.07.2019 - 15:060
Aggiornamento : 15:34

«Sono molto contenta di aver potuto spiegare»

Lo ha dichiarato Carola Rackete all'uscita dal palazzo di giustizia di Agrigento, dove è stata interrogata per poco meno di quattro ore

AGRIGENTO - «Sono stata molto contenta di avere avuto l'opportunità di spiegare tutti i dettagli del salvataggio del 12 giugno scorso. Spero che la Commissione europea dopo l'elezione del nuovo Parlamento faccia il meglio possibile per evitare queste situazioni e che tutti i Paesi accettino le persone salvate dalle flotte di navi civili». Lo ha detto l'ex capitana della "Sea Watch3" Carola Rackete , all'uscita dal palazzo di giustizia di Agrigento dove è stata interrogata per poco meno di quattro ore.

La giovane tedesca è stata sentita nell'ambito del primo fascicolo di inchiesta aperto a suo carico: quello in cui viene ipotizzato il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e la disobbedienza a nave da guerra.

«Ci sono migliaia di profughi che vanno evacuati da un paese in guerra. Mi aspetto dalla Commissione europea che trovi al più presto un accordo per dividere i profughi tra i paesi europei», ha detto ancora Carola Rackete, che è stata accolta con applausi e slogan da attivisti che per tutta la mattinata l'hanno attesa davanti al palazzo di giustizia.

keystone-sda.ch/ (PASQUALE CLAUDIO MONTANA LAMPO)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 20:44:42 | 91.208.130.89