Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UNIVERSO
3 ore
Un pianeta abitabile a soli quattro anni luce di distanza?
Un team internazionale di ricercatori indaga sull'abitabilità di Proxima b
HONG KONG
5 ore
Si alza l'ombra della Cina: l'inferno torna a Hong Kong
Le leggi al vaglio minano i diritti civili e le libertà del popolo di Hong Kong, l'allarme di Amnesty International
STATI UNITI
5 ore
Boston saluta la maratona
Era stata rimandata a settembre, ma per la prima volta in 124 anni non si terrà
STATI UNITI
6 ore
Trump ha firmato l'ordine esecutivo sui social
Il primo commento di Zuckerberg: «Censurare una piattaforma non è la giusta reazione»
FRANCIA
6 ore
Saltano 15mila posti di lavoro da Renault
Il costruttore spera di gestire i tagli attraverso le uscite volontarie, misure di mobilità interna e riqualificazione
VENEZUELA / USA
7 ore
Band venezuelane finanziate dagli Usa per «promuovere la libertà d'espressione»
L'idea era quella di destabilizzare il governo Chavez nel 2011. La stessa tattica è stata attuata anche a Cuba
STATI UNITI
7 ore
#icantbreathe, si muove anche l'Onu
L'alto commissario per i diritti umani chiede agli Usa di agire contro gli omicidi di neri da parte delle autorità
FRANCIA
9 ore
«Favorevoli a riaprire i confini interni europei il 15 giugno»
Il Governo francese ha presentato oggi la prossima fase di riapertura del Paese
NUOVA ZELANDA
9 ore
L'89% dei neozelandesi vuole continuare a lavorare da casa
Lo indica uno studio dell'Università di Otago: il 73% sostiene di essere stato "ugualmente o più produttivo"
STATI UNITI
9 ore
La Casa Bianca quest'estate non aggiornerà le previsioni economiche ufficiali
Non succedeva dagli anni '70, secondo alcuni si è deciso così perché Trump non vuole che si parli di recessione
INDONESIA
10 ore
«Il coronavirus è come tua moglie»: bufera sul ministro
Pioggia di critiche per Mohammad Mahfud. Le associazioni femministe: «Sessista e incompetente»
ITALIA
11 ore
«Magheggi sui numeri» in Lombardia? La Regione querela
Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, attacca le istituzioni. La replica: «Accuse gravissime»
ITALIA
30.06.2019 - 11:080
Aggiornamento : 16:41

L'Olanda contro Carola Rackete. La comandante si scusa: «Avevo paura»

I Paesi Bassi hanno spiegato la loro ferma posizione in merito ai migranti. L'attivista tedesca ha detto di aver sbagliato manovra entrando nel porto di Lampedusa

LAMPEDUSA - Più volte citata dal ministro dell’interno italiano Matteo Salvini - accusata di “menefreghismo” - l’Olanda ha preso posizione in merito alla vicenda della Sea Watch 3, attraverso le parole della segretaria di Stato all’immigrazione. In un’email inviata da Ankie Broekers-Knol - alla quale seguirà una missiva ufficiale - i Paesi Bassi hanno espresso il loro disappunto, come riporta il Corriere della Sera.

È stato chiarito che se una nave, come quella capitanata da Carola Rackete, sventola la bandiera di uno Stato «non implica un obbligo per quello Stato di prendersi carico delle persone soccorse». Inoltre è stato precisato che il paese non partecipa più agli schemi di sbarco “ad hoc” e non prenderà più migranti dalle operazioni Sar in un’area ampiamente colpita dalle attività dei trafficanti di esseri umani. L’Olanda condivide il pensiero di Matteo Salvini ritenendo che «le operazioni della Sea Watch contribuiscono alle attività criminali dei trafficanti». 

Sempre sulla stessa linea del vice premier Salvini, anche l’Olanda prende le distanze dalle scelte della capitana Carola Rackete: «Avrebbe potuto andare in Libia, in Tunisia, o anche nel porto olandese di competenza».

L’Olanda si dichiara comunque pronta per trovare nuove soluzioni perché l’emergenza non è finita: «Abbiamo registrato in questo periodo successivo alla crisi migratoria un continuo, alto numero di richiedenti asilo, molti dei quali provenienti dall’Italia. Questi movimenti sono un altro problema che dobbiamo affrontare».

Le scuse - Nelle stesse ore Carola Rackete si è scusata. «Non è stato un atto di violenza. Solo di disobbedienza. Ma ho sbagliato la manovra», ha spiegato la ragazza tedesca riferendosi all'aver urtato violentemente la motovedetta della Guardia di Finanza durante il suo ingresso nel porto di Lampedusa. «È stato un errore di avvicinamento alla banchina. Non era mia intenzione mettere in pericolo nessuno».

Le persone coinvolte pensano che la situazione sarà valutata dalle autorità, ma sono consapevoli di averla vista brutta. «Se non fossimo riusciti a compiere una manovra veloce probabilmente saremmo morti», hanno spiegato i cinque finanzieri a bordo.

E la comandante rincara la dose, spiegando al Corriere della Sera che «la situazione era disperata. E il mio obiettivo era solo quello di portare a terra persone stremate e ridotte alla disperazione. Avevo paura. Erano iniziati atti di autolesionismo tra i migranti. Da giorni facevamo i turni, anche di notte, per paura che qualcuno si potesse gettare in mare. E per loro, che non sanno nuotare, significa: suicidio. Temevo il peggio».

Nessun problema di salute per i migranti - «Nessuno dei 41 immigrati scesi dalla SeaWatch presenta malattie o problemi particolari come scabbia o disidratazione». È quanto affermano fonti del ministero italiano dell'interno, sottolineando che tutti «sono stati rifocillati, hanno passato una notte serena e per nessuno di loro è stato disposto alcun accertamento specifico, né il trasferimento in elisoccorso verso l'ospedale di Palermo».

La notizia non sorprende: i bambini con gli accompagnatori e i malati erano già scesi a terra col via libera del governo italiano. «Resta quindi da capire a quale stato di necessità si riferisse la Ong per giustificare l'attracco non autorizzato» a Lampedusa. 

Nuovo sbarco a Lampedusa - Nuovo sbarco di migranti a Lampedusa: un barchino con a bordo 17 persone, tutti tunisini, è approdato direttamente sull'isola la scorsa notte. I migranti sono stati fatti sbarcare e trasferiti al centro di Contrada Imbriacola. (ats ans)

Il presidente tedesco: «Chi salva vite umane non può essere un criminale» - Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier critica l'arresto della comandante della Sea Watch. «Può darsi che ci sia una legislazione italiana su quando una nave può entrare in porto e quando no, e può anche essere che ci siano reati amministrativi o reati penali. Tuttavia - ha detto Steinmeier alla Zdf - l'Italia non è uno Stato qualsiasi, è al centro dell'Ue, è uno Stato fondatore dell'Ue. Ed è per questo che ci aspettiamo che affronti un caso del genere in modo diverso. Coloro che salvano vite umane non possono essere criminali», ha concluso.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 03:21:38 | 91.208.130.87