KEYSTONE/EPA (US CENTRAL COMMAND / HANDOUT)
+ 3
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Trovato senza testa e cuore nel '97: «Vorrei risolvere questo cold case prima della pensione»
STATI UNITI
10 ore
New York intende bandire le e-cig aromatizzate
Politica
11 ore
L'abbraccio di Pontida a Salvini, tra momenti "caldi" e critiche
MESSICO
11 ore
Orrore in Messico, almeno 44 cadaveri smembrati in un pozzo
SERBIA
11 ore
Tensioni e contestazioni al Gay Pride di Belgrado
STATI UNITI
12 ore
Cambiamento climatico: per il 56% degli americani bisogna agire «subito»
STATI UNITI
13 ore
Stati Uniti: l'attacco al petrolio saudita non favorisce l'incontro Trump-Rohani
TUNISIA
13 ore
Presidenziali tunisine: crolla l'affluenza
SERBIA
14 ore
Gay Pride di Belgrado: incidenti prima del corteo
ARABIA SAUDITA
14 ore
Produzione di petrolio dimezzata: Riad userà le riserve
STATI UNITI
14 ore
Ritrovati oltre 2'200 resti di feti in casa di un medico abortista
TERRITORI PALESTINESI
15 ore
Israele legalizza un avamposto in Cisgiordania
RDC
15 ore
Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi
CINA
16 ore
Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico
REGNO UNITO
17 ore
«Usciremo dall'Ue come farebbe Hulk»
STATI UNITI
14.06.2019 - 14:000

Petroliere, il video del "dopo attacco"

Gli Usa accusano l'Iran di aver attaccato le navi nel Golfo di Oman. Teheran: «Complotto dei falchi Usa»

NEW YORK (ats ans) - Attraverso un video diffuso dal comando centrale Usa, il segretario di Stato Mike Pompeo accusa l'Iran di aver rimosso, durante i soccorsi, una  mina dal fianco della petroliera colpita nel Golfo di Oman per nascondere le prove delle loro azioni.

In un filato fatto circolare dal Pentagono si vede infatti quella che viene descritta come una imbarcazione con dei Guardiani della Rivoluzione iraniani (Pasdaran), intenti a rimuovere quella che appare essere una mina magnetica inesplosa dal fianco della petroliera giapponese, la Kokuka Courageous, danneggiata probabilmente da un'altra mina, ieri nel Golfo di Oman. Le immagini in bianco e nero circolano in queste ore sui media.

L'armatore giapponese proprietario della petroliera Kokuka Courageous, riferisce però di aver notato 'oggetti volanti' prima dell'esplosione, escludendo in questo modo che a causare i danni siano state mine, come suggerito dagli Stati Uniti.

«Un complotto dei falchi Usa» - Le accuse all'Iran di essere l'autore degli attacchi di ieri alle petroliere nel Golfo dell'Oman sono «parte di un complotto da politici guerrafondai negli Stati Uniti e nella regione»: lo ha dichiarato su Twitter il ministro degli esteri iraniano, Javad Zarif.

«Gli Stati Uniti hanno immediatamente tratto conclusioni contro l'Iran, senza avere neanche uno straccio di prove fattuali circostanziate», ha scritto Zarif, aggiungendo che Washington sta solo cercando in questo modo di «coprire il terrorismo economico», riferendosi alle sanzioni imposte a Teheran.

«Operazione Usa sotto falsa bandiera» - «Le dichiarazioni provocatorie del rappresentante degli Stati Uniti contro l'Iran al Consiglio di sicurezza dell'Onu di ieri fanno parte di un'altra campagna iranofobica. L'Iran respinge categoricamente le accuse infondate degli Stati Uniti riguardo agli incidenti delle petroliere del 13 giugno e li condanna nei termini più forti possibili». Lo scrive in una nota la missione di Teheran alle Nazione Unite, citata da Press Tv.

«Né le prove fabbricate né le campagne di disinformazione o le accuse senza vergogna ad altri possono cambiare la verità. Gli Stati Uniti e i loro alleati regionali devono porre fine all'atteggiamento guerrafondaio e ai complotti maligni e alle operazioni sotto false bandiere nella regione», prosegue Teheran. L'Iran ribadisce di considerare l'episodio "sospetto" e chiede alla comunità internazionale di contrastare «le incoscienti e pericolose politiche e pratiche degli Usa e dei loro alleati regionali, che innalzano le tensioni nella regione».

«Evitare escalation» - «Il governo tedesco condanna duramente questi attacchi a tutte le navi della zona e mantiene uno scambio di informazioni costante con gli Usa e con gli alleati». Lo ha detto Ulrike Demmer, portavoce del governo di Berlino riferendosi all'attacco alle petroliere nel Golfo.

«Si tratta - ha spiegato - di notizie eccezionalmente preoccupanti. Bisogna evitare una spirale di escalation, in gioco c'è la sicurezza dell'area e quella della navigazione. Bisogna lavorare perché prevalga il dialogo».

 
 

KEYSTONE/EPA (US NAVY / US CENTRAL COMMAND HANDOUT)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 07:06:18 | 91.208.130.89