Keystone
ITALIA
12.06.2019 - 13:450

Bus dirottato e incendiato: chiesta la cittadinanza per "i piccoli eroi" di San Donato

Ramy Shehata e Adam El Hamami «hanno reso eminenti servizi al nostro Paese»

MILANO - È stata formalmente chiesta la cittadinanza italiana - per meriti speciali - per Ramy Shehata e Adam El Hamami. I due ragazzini di origine egiziana sono balzati agli onori delle cronache, il 20 marzo scorso, quando chiamarono i soccorsi mentre il loro autobus, a San Donato Milanese, fu dirottato verso Malpensa e poi incendiato.

Il vice premier Matteo Salvini ha portato in Consiglio dei ministri la proposta. Il passo successivo vedrà il passaggio al Quirinale dove Mattarella firmerà quanto già approvato.

Nella motivazione è stato sottolineato come «i giovani abbiano reso eminenti servizi al nostro Paese e abbiano contribuito, con il proprio gesto di alto valore etico e civico, a sventare la tentata strage, posta in essere il 20 marzo 2019 ai danni di 50 ragazzi sullo scuolabus in marcia lungo la strada provinciale Paullese in San Donato Milanese».

«È un grande dono - ha spiegato Adam a quotidiano.net - avevo cominciato a perdere la speranza perché nessuno ne parlava più. Invece mi hanno chiamato per dirmelo. I miei amici italiani mi hanno fermato mentre tornavo dal campetto per condividere con me la buona notizia. Nella vita quotidiana non cambia nulla perché noi siamo tutti uguali, ma è un grande riconoscimento e mi risolverà tanti problemi di documenti».

Il ragazzino è poi andato oltre: «Tante persone che sono nate in Italia e ancora non vengono riconosciute come italiane: se sono nati qua, studiano qua, dovrebbero avere la cittadinanza».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 07:23:12 | 91.208.130.85