PAESI BASSI
06.06.2019 - 19:280

Noa, parlano i genitori: «È morta in nostra presenza»

La famiglia Pothoven chiede a tutti il rispetto della loro privacy e del loro dolore

ARNHEM - «Noa aveva scelto di non mangiare e bere più. Vorremmo sottolineare che questa è stata la causa della sua morte». È il messaggio diffuso dai genitori di Noa Pothoven sul quotidiano locale De Gelderlander dopo le polemiche scatenatesi in tutto il mondo sul caso della 17enne olandese che si è lasciata morire domenica scorsa dopo anni di sofferenza psichica a seguito di abusi.

Noa «è morta in nostra presenza domenica scorsa», scrivono ancora i genitori, rammaricandosi profondamente che sia stato suggerito dai media stranieri che la morte della figlia sia avvenuto per eutanasia attiva.

La famiglia Pothoven chiede a tutti il rispetto della loro privacy e del loro dolore, in particolare ai giornalisti di Inghilterra, Germania, Italia e Stati Uniti, che - riporta il De Gelderlander - sono giunti ad Arnhem, cittadina natale di Noa, per mettersi in contatto con le persone più vicine alla ragazza.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 15:04:16 | 91.208.130.86