ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
Un gesto patriottico per il 4 luglio? «Indossare la mascherina»
Il candidato democratico alla Casa Bianca ne raccomanda caldamente l'uso
MONDO
10 ore
Il Covid-19 non concede una tregua
Situazione sempre più critica negli Usa, centinaia di migliaia di persone in lockdown in Spagna
REGNO UNITO
12 ore
Farage primo al pub, ma viene denunciato per violazione della quarantena
Davey ha segnalato l'accaduto alla polizia del Kent affinché indaghi
ITALIA
13 ore
Umberto Bossi in ospedale da ieri sera
Il fondatore della Lega sarebbe ricoverato nel reparto di Gastroenterologia
STATI UNITI
13 ore
Auto contro i manifestanti a Seattle
Un 27enne è stato fermato dalla polizia
FRANCIA
13 ore
Sfilano i pro e gli anti-orsi
Le manifestazioni nascono dall'uccisione di un maschio di 4 anni all'inizio di giugno
STATI UNITI
14 ore
Coronavirus, un algoritmo prevede picchi e focolai
Ideato presso l'università di Harvard, il sistema utilizza anche Google e Twitter, ma non solo
REGNO UNITO
17 ore
Gli inglesi ritrovano il piacere di una birra al pub
Secondo una stima, oggi verranno consumati 15 milioni di pinte
SPAGNA
18 ore
Nove focolai, 209'000 persone in quarantena
Sono 38 i piccoli comuni coinvolti. Gli spostamenti sono consentiti sono fino alle 16 e per motivi di lavoro
GIAPPONE
18 ore
Allerta ai massimi livelli per il maltempo
Il premier ha deciso l'invio di 10mila uomini delle Forze di autodifesa.
STATI UNITI
21 ore
Spara in un centro commerciale e uccide un bambino
La vittima ha otto anni. L'uomo che ha aperto il fuoco è stato arrestato
STATI UNITI
22 ore
Covid-19: gli Usa continuano a battere il loro record
Terzo giorno consecutivo con oltre 50'000 nuovi contagi. Nel mondo superati gli 11 milioni
STATI UNITI
22 ore
Si fanno un selfie deridendo McClain, licenziati tre agenti
Il riferimento è alla morte di un altro afroamericano, immobilizzato a terra con una stretta al collo
STATI UNITI
22 ore
La "nuora" di Trump ha preso il coronavirus
Kimberly Guilfoyle non sarebbe stata di recente a contatto con il presidente
STATI UNITI
31.05.2019 - 16:080
Aggiornamento : 17:48

Gruppo record di migranti passa il confine. Trump risponde con i dazi

Il rapporto fra Stati Uniti e Messico si fa sempre più teso. Diffuso un video

WASHINGTON - Le autorità americane hanno fermato un gruppo di 1.036 migranti, il più grande finora mai incontrato, che attraversavano illegalmente il confine con il Messico. Lo riferisce l'agenzia della polizia di frontiera, che da ottobre aveva individuato 180 gruppi di oltre 100 persone, contro i 13 dei 12 mesi precedenti e i due dell'anno prima.

Si tratterebbe quindi di una conferma che i migranti arrivano sempre di più in grandi gruppi. L'ultimo fermato comprendeva 934 persone giunte con nuclei familiari, 63 minori non accompagnati e 39 adulti soli. In queste ore è stato diffuso un video che testimonierebbe il passaggio in massa da uno stato all'altro.

Il presidente Donald Trump - che nei confronti del Messico ha annunciato dazi al 5% a partire dal 10 giugno come 'punizione' per la crisi dei migranti - ha twittato: «Il Messico si è approfittato degli Stati Uniti per decenni: ha realizzato una fortuna sulle spalle dell'America. Ora è il momento che faccia quello che deve fare».  

L'arma dei dazi - Il presidente statunitense si gioca infatti l'arma dei dazi per fermare l'immigrazione illegale dal Messico. Le tariffe - avverte Trump - «saliranno gradualmente» fino a raggiungere il 25% in ottobre se il Messico non agirà per risolvere e bloccare il flusso di immigrati illegali.

Dal 5% di giugno i dazi saliranno al 10% in luglio, al 15% in agosto, al 20% in settembre e al 25% in ottobre. «Resteranno permanentemente al 25% fino a che e a meno che il Messico non fermerà il flusso di immigrati» e aiuterà a risolvere la crisi al confine fra i due paesi, spiega Trump. L'annuncio arriva come una doccia fredda sul Messico: «Non sapevamo, non era atteso» dice il vice ministro messicano per il Nord America, Jesus Seade.

«Non vogliamo una guerra commerciale con gli Stati Uniti», aggiunge Seade, precisando che non ci saranno ritorsioni fino a quando la misura non sarà stata attentamente esaminata. L'annuncio del presidente americano ha come effetto immediato quello di far crollare il peso messicano, che arriva a perdere fino al 2,3%.

I "dazi sull'immigrazione" sono un tema completamente separato da quello commerciale, spiega il capo dello staffa ad interim della Casa Bianca, Mick Mulvaney, mettendo in evidenza che il Congresso era stato informato in precedenza. «Ci auguriamo di non arrivare al 25%» aggiunge. L'affondo di Trump rischia comunque di complicare il braccio di ferro avviato con il Congresso sull'accordo di libero scambio con il Canada e il Messico, il Nafta 2.0. La Casa Bianca ha forzato la mano e avviato la procedura per l'approvazione nonostante lo scetticismo dei deputati democratici.

L'amministrazione ha inviato infatti una lettera ai leader del Congresso, il cosiddetto Statement of Administrative Action che consente alla Casa Bianca di inviare al Congresso l'accordo commerciale entro 30 giorni. Trump punta all'approvazione dell'accordo entro l'estate ma il Congresso sta temporeggiando. E i dazi annunciati sull'immigrazione, tema già controverso e di scontro con i democratici, rischia di complicare la partita.

Il muro - Intanto è fallito il tentativo dell'amministrazione di iniziare i lavori di costruzione del muro al confine con il Messico a El Paso, in Texas, e a Yuma, in Arizona. Il giudice federale Haywood Gilliam ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di sospendere l'ordine che vieta alla Casa Bianca di trasferire fondi dal Dipartimento della Difesa per avviare la costruzione del muro nelle due aree identificate. Gilliam la scorsa settimana ha emesso un'ingiunzione preliminare per bloccare il trasferimento dei fondi da usare per i lavori.

Non solo migranti - Il Messico deve «riprendersi il suo paese dai re della droga e dai cartelli. I dazi puntano a fermare la droga ma anche gli immigrati illegali». Lo twitta Donald Trump, sottolineando che il 90% della droga che entra negli Stati Uniti arriva dal confine con il Messico.

«Questo è andato avanti per troppi anni e nulla è stato fatto. Abbiamo 100 miliardi di dollari di deficit commerciale con il Messico».

Il ministro degli esteri messicano a Washington - Il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard si reca oggi a Washington con una delegazione governativa per incontrare funzionari del governo del presidente Donald Trump riguardo l'introduzione di dazi del 5% sulle importazioni di prodotti dal Messico, dovuta a quello che viene ritenuto uno "scarso impegno" del Messico per frenare i flussi migratori verso gli Usa.

Prima di partire Ebrard ha sottolineato via Twitter la "magnifica risposta" del presidente Andrés Manuel López Obrador López Obrador alle minacce al Messico, ed ha confermato il suo viaggio "per cercare un punto di incontro" con gli Usa. Ed ha concluso: «Dignità e fermezza in questa difficile ora».

Ieri, in una lettera a Trump, López Obrador aveva osservato che «i problemi sociali non si risolvono con tasse o misure coercitive», mettendo in evidenza di credere nella politica e in «soluzioni pacifiche alla controversie».


 
 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 06:37:46 | 91.208.130.85