Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
43 min
Trump segnalato da uno 007 per una «promessa» a un leader straniero
FRANCIA
45 min
Caccia belga precipita su un'area residenziale
AFGHANISTAN
51 min
«Un drone americano ha ucciso trenta civili»
AUSTRIA
1 ora
L'Ocse lancia l'allarme sulla crescita mondiale
RUSSIA
1 ora
Dalla Jacuzia a piedi verso Mosca per "espellere" Putin: arrestato
STATI UNITI
1 ora
La Marina Usa conferma: «Ci sono stati fenomeni volanti non identificati»
CANADA
2 ore
Justin Trudeau sotto attacco per una foto con "brownface"
ITALIA
3 ore
Napoli: «ripetuto» il prodigio della liquefazione del sangue
AUSTRALIA / REGNO UNITO
3 ore
Londra mira a un accordo di libera circolazione con l'Australia
TUNISIA
4 ore
Naufragio al largo di El Aouabed, recuperati 3 corpi
REGNO UNITO
5 ore
Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta
STATI UNITI
5 ore
I big della tv americana dicono no agli spot sulle e-cig
ITALIA / FRANCIA
5 ore
Migranti, disgelo fra Conte e Macron
GIAPPONE
6 ore
Fukushima, assolti tre ex dirigenti della Tepco
STATI UNITI
7 ore
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
BRASILE
13.05.2019 - 17:390

Bolsonaro: «Se entrano a casa mia, io sparo»

Il presidente brasiliano ha promosso una liberalizzazione delle norme sul porto d'armi

SAN PAOLO - Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che ha promosso una liberalizzazione delle norme sul porto d'armi, ha detto che se qualcuno cercasse di entrare nella sua casa lo accoglierebbe con la sua doppietta.

«Io, per esempio, sono un uomo e in quanto tale devo proteggere mia moglie: se un uomo entra nella mia casa beh, allora bisogna usare le pallottole», ha dichiarato Bolsonaro in una intervista radiofonica.

Mercoledì scorso, il presidente brasiliano ha varato un decreto in base al quale varie categorie di cittadini - fra i quali i camionisti, i dirigenti politici e i giornalisti - possono non solo possedere armi da fuoco nel loro domicilio ma anche circolare con le stesse armi, cariche. Secondo Bolsonaro, esiste un clamore del popolo a favore di una liberalizzazione delle regole sul possesso e il porto d'armi, che è stato del resto uno dei leitmotiv della sua campagna elettorale.

Il suo decreto, però, ha sollevato numerose obiezioni: Rosa Weber, magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf) gli ha chiesto di comunicare entro la fine di questa settimana i fondamenti legali della sua riforma, mentre nelle due camere del Parlamento si discute di una possibile incostituzionalità del suo contenuto.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 13:21:19 | 91.208.130.89