ARCHIVIO KEYSTONE
Il generale Haftar ha spronato i suoi soldati a proseguire la battaglia per la conquista di Tripoli.
LIBIA
06.05.2019 - 12:500

Haftar sprona i suoi: «Proseguite la battaglia per Tripoli»

Il generale ha incitato le truppe dell'Esercito nazionale libico ad andare avanti nella «lotta contro il terrorismo»

TRIPOLI - Nonostante l'inizio del Ramadan e un appello dell'Onu per una tregua umanitaria di almeno una settimana, il generale Khalifa Haftar ha spronato i suoi soldati a proseguire la battaglia per la conquista di Tripoli.

In un comunicato letto ieri sera in tv da un portavoce dell'Esercito nazionale libico di cui è comandante generale, Haftar ha chiesto a militari e soldati «di proseguire la battaglia della lotta contro il terrorismo», riporta il sito Alwasat.

Oltre a ribadire che considera formazioni terroristiche le milizie che difendono la capitale libica in cui è insediato il premier Fayez al-Sarraj, Haftar ha esortato a proseguire «le operazioni Dignità cominciate il 16 maggio 2014», riferisce ancora il sito con implicito riferimento alle conquiste di Bengasi (2017) e Derna (2018).

Haftar ha spronato i suoi soldati anche a «impartire al nemico una grande lezione», «fin quando non li sradicheremo dalla nostra amata terra», riferisce l'agenzia Ap.

Nel comunicato letto dal portavoce dell'Esercito nazionale libico (Lna) Ahmed al-Mismari e sintetizzato da Alwasat, il generale non ha fatto riferimento all'appello Unsmil per una tregua e ha sostenuto che «il terrorismo ha fatto ricorso a mercenari ed è sostenuto dal denaro e dalle armi di diverse parti».

Haftar ha anche esortato le sue forze ad evitare vittime civili e ad agire in maniera fulminea: «Individuare bene il nemico, localizzare la sua postazione con ogni precisione compiendo attacchi rapidi e precisi».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 13:07:11 | 91.208.130.89