KEYSTONE/AP (Kin Cheung)
Nove leader della "protesta degli ombrelli" di Hong Kong sono stati riconosciuti colpevoli.
+ 1
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
9 ore
Ponte Morandi, crollato per un cedimento del cassone?
A fare l'ipotesi è Carlo Casini, responsabile della sorveglianza dell'Utsa e indagato per i falsi rapporti sui viadotti
STATI UNITI
10 ore
Google ha raccolto le cartelle di 50 milioni di pazienti
I dati sono stati recuperati dalla catena Ascension, il secondo operatore sanitario del Paese
ITALIA
10 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
10 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
FRANCIA
11 ore
«Accuso Macron», lo studente si dà fuoco e il mondo studentesco scende in strada
Il 22enne è ora ricoverato in condizioni gravissime. E in Francia i giovani lanciano l'allarme sulla precarietà finanziaria nel settore accademico
THAILANDIA
12 ore
Sparatoria in tribunale, tre morti
È avvenuta a conclusione di una disputa legale relativa al possesso di alcuni terreni
POLONIA / STATI UNITI
12 ore
Lager nazisti «attribuiti» alla Polonia: Varsavia e Netflix ai ferri corti
Alle autorità polacche non va proprio giù una mappa che compare nella nuova serie documentario "The Devil Next Door". Netflix: «Stiamo seguendo la questione»
FOTO
ITALIA
12 ore
Acqua alta a Venezia, allagata San Marco: «Sistema largamente insufficiente»
Danni alla basilica. L'allerta non è finita secondo il Centro Maree
TURCHIA
13 ore
Jihadista americano espulso resta "nella terra di nessuno"
È bloccato fra Grecia e Turchia, nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule
CINA
09.04.2019 - 12:040

I nove leader della "protesta degli ombrelli" sono colpevoli

La protesta bloccò Hong Kong per due mesi e mezzo circa

PECHINO - Nove leader della "protesta degli ombrelli" di Hong Kong sono stati riconosciuti colpevoli oggi nel processo sulla "disobbedienza civile" del 2014 che bloccò l'ex colonia britannica per due mesi e mezzo circa.

Tutti, tra cui gli accademici Benny Tai e Chan Kin-man, e il reverendo Chu Yiu-ming, fondatori del movimento "Occupy Central", sono stati ritenuti responsabili dalla West Kowloon Magistrates' Courts di Hong Kong del ruolo attivo avuto nelle manifestazioni che variano dalla "cospirazione finalizzata al disturbo della quiete pubblica" all'"incitamento al disturbo della quiete pubblica".

Dopo aver comunicato la decisione, il giudice Johnny Chan ha aggiornato l'udienza al pomeriggio per la definizione e l'annuncio delle pene. I nove, che devono rispondere di una o più accuse, rischiano per ognuna la condanna massima fino a 7 anni di carcere.


KEYSTONE/AP (Kin Cheung)

«Sono calmo - ha commentato a caldo il reverendo Chu fuori dal tribunale -. Il verdetto non è la fine. La fine è quando finisco di scontare la mia sentenza. La libertà non viene a titolo gratuito. Spero che ci siano altre persone in grado di portare avanti la lotta».

All'udienza preliminare di metà novembre i nove imputati si dichiararono non colpevoli: oltre a Chu e agli accademici Benny Tai e Chan Kin-man, a finire sotto processo figurano i deputati della LegCo (il parlamentino locale) Tanya Chan e Shiu Ka-chun, gli ex studenti leader del movimento Eason Chung e Tommy Cheung, l'attivista Raphael Wong e l'ex deputato Lee Wing-tat.

Sui nove è stato emesso il verdetto di colpevolezza che va a vario titolo dalla "cospirazione finalizzata al disturbo della quiete pubblica" fino all'"incitamento al disturbo della quiete pubblica" e all'"incitamento di persone a incitare altri al disturbo della quiete pubblica" per le manifestazioni che avevano lo scopo di richiedere elezioni democratiche.


KEYSTONE/AP (Wally Santana)

L'ultimo governatore britannico di Hong Kong, Chris Patten, ha criticato il verdetto: in una nota rilasciata da Hong Kong Watch ha osservato che «nel momento in cui molti avrebbero pensato che lo scopo del governo di Hong Kong dovesse essere di riunire tutta la comunità, sembra terribilmente divisivo l'utilizzo di leggi anacronistiche nel perseguimento vendicativo di eventi politici che risalgono al 2014».

Ad Hong Kong, ex colonia britannica restituita alla Cina nel 1997, erano state promesse elezioni a suffragio prima per la scelta del "chief executive" (una sorta di primo ministro) nel 2017 e poi per il parlamentino locale nel 2020. Da Pechino ci fu tuttavia una correzione del tiro, con l'ipotesi che soltanto i candidati con l'approvazione "cinese" potesse correre per le cariche. Una sterzata che provocò la reazione e le proteste pro democrazia contro il "falso suffragio universale".

KEYSTONE/AP (Kin Cheung)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 06:55:43 | 91.208.130.87