Immobili
Veicoli
Guardia di finanza
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BRASILE
54 min
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
FOCUS
54 min
Quelle parole malate che rendono difficile curare
Il caso della schizofrenia, un nome che è un problema per chi ne soffre e per chi la cura. Vi raccontiamo come mai
RUSSIA / UCRAINA
8 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
10 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
FRANCIA
12 ore
Bimbo scomparso: trovato il suo cadavere in una valigia
La polizia è alla ricerca della madre, che era scomparsa insieme a lui
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Italia, calano i ricoverati nei reparti Covid e nelle terapie intensive
In Germania per la prima volta 200'000 casi. Vaccini per Omicron di Moderna e Pfizer in fase di test.
GIAPPONE
13 ore
Disastro di Fukushima: sviluppano un cancro e fanno causa alla Tepco
Per i querelanti, i tumori che hanno affrontato sono il risultato delle radiazioni a cui sono stati esposti da bambini
STATI UNITI
13 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
ITALIA
15 ore
Mattarella sale, ma la fumata è ancora nera
Nulla di fatto alla quarta votazione. In crescita il presidente uscente. Voti anche per Nino Di Matteo.
ITALIA
19.02.2019 - 17:560

50 arresti in un'operazione contro la camorra in Veneto

Smantellata una vasta presenza dei Casalesi sul territorio con una serie di crimini come estorsione, usura, traffico d'armi, rapine, spaccio e prostituzione

VENEZIA - I tentacoli della camorra si erano allungati in Veneto da ben 20 anni, subentrando alla Mala del Brenta, ormai in disfacimento. Con 50 arresti, di cui 47 custodie in carcere e tre domiciliari, e undici provvedimenti interdittivi che hanno portato al sequestro di beni per 10 milioni di euro, è stata disarticolata la più grande organizzazione criminale mai registrata nella regione.

Tutto documentato in un'ordinanza di 1'100 pagine firmata dalla Gip (giudice per le indagini preliminari) di Venezia Marta Paccagnella. Nella notte, dopo un'indagine congiunta della Guardia di finanza e della Polizia, guidata dal pubblico ministero veneziano Roberto Terzo, è stata chiusa l'operazione 'At Last' coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Venezia con la supervisione del Procuratore Bruno Cherchi.

In carcere sono finiti uomini delle cosche campane che in Veneto erano giunti soprattutto da Casal di Principe (Caserta), ma anche soggetti arruolati in loco, che avevano sostituito dagli anni'90 il clan messo in piedi dal 'boss' Felice Maniero.

Un'attività cominciata con il tradizionale 'pizzo' lungo l'asse della costiera Adriatica, da San Donà di Piave a Jesolo passando per Eraclea e fino a Caorle. I Casalesi sono riusciti ad entrare nel tessuto connettivo dell'area: prima prestando denaro a tassi usurai, poi acquisendo i beni di chi non pagava e che diventava a sua volta 'socio in affari'.

Infine allargando l'attività al traffico di armi, alle rapine e a una fitta rete di prostituzione e spaccio di droga. Un controllo così pervasivo che era arrivato a coinvolgere persino un sindaco, quello di Eraclea, Mirco Mestre, di professione avvocato, arrestato con l'accusa di voto di scambio: è il primo cittadino veneto a finire in manette perchè in odor di mafia.

Secondo gli inquirenti, la 'Camorra in Veneto' era comandata da Luciano Donadi e Raffaele Buonanno, giunti dalla Campania negli anni '90, e faceva capo ai clan Bianco e Bidognetti, il cui boss Francesco è noto con il soprannome 'ciccio e mezzanotte'. In carcere anche un direttore di banca che, invece di farsi tutelare dai carabinieri, ha scelto di finire nella rete della Camorra per recuperare al tesi di laurea che era stata rubata alla sua fidanzata; così come un poliziotto del commissariato di Jesolo, che passava informazioni al clan.

«Questa operazione per la prima volta ha accertato la presenza della criminalità organizzata strutturata nel territorio veneto, profondamente penetrata nel settore economico e bancario», ha detto il procuratore Bruno Cherchi.

A complimentarsi per l'operazione investigativa sull'asse campano-veneto è stato il ministro dell'Interno Matteo Salvini: «vogliamo inseguire i boss e i loro sporchi affari ovunque siano" ha detto, sottolineando che "notizie di questo tipo fanno cominciare bene la giornata».

«Credo di interpretare il sentimento dei veneti - ha aggiunto il Governatore Luca Zaia - nel rivolgere un ringraziamento riconoscente a tutti gli uomini e le donne delle forze dell'ordine».

In laguna, per illustrare i risultati del blitz, è giunto anche il Procuratore nazionale antimafia Ferdinando Cafiero de Raho. «La Camorra in Veneto - ha detto - agiva esattamente come in Campania».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 06:54:07 | 91.208.130.86