keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
THAILANDIA
1 ora
Il re licenzia i suoi funzionari per "malvagità"
Pochi giorni fa aveva allontanato la sua consorte per «comportamento scorretto e slealtà nei confronti del monarca»
BOTSWANA
2 ore
Più di cento elefanti morti negli ultimi due mesi
«Le indagini preliminari suggeriscono che gli elefanti stanno morendo di antrace, mentre alcuni sono morti a causa degli effetti della siccità»
STATI UNITI
3 ore
Libra ed elezioni 2020, il Congresso contro Zuckerberg
Sulla moneta ammette: «È un'iniziativa complessa e rischiosa. Non so se funzionerà»
REGNO UNITO
3 ore
Brexit, ok dell'Ue alla proroga
La campagna elettorale è già partita, sia da parte del premier conservatore, sia dei leader delle forze di opposizione
ISRAELE
3 ore
Incarico a Benny Gantz, Israele prova a voltare pagina
Il presidente Reuven Rivlin ha incaricato l'ex capo di stato maggiore e leader del partito centrista Blu-Bianco di formare un nuovo esecutivo
ITALIA
3 ore
False comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, bufera sulla Bio-on
La vicenda rischia di trasformarsi in un nuovo caso di 'risparmio tradito', con oltre un miliardo di euro di capitalizzazione bruciata e i piccoli azionisti già pronti a costituirsi parte civile
STATI UNITI
5 ore
Trump: «Toglieremo le sanzioni alla Turchia»
Damasco creerà 15 check-point al confine. Mosca: trattative per venderle altri missili S-400
ITALIA
5 ore
Querela Fedez-Martani: «Insultare sui social non è diffamazione»
È quanto sostiene la procura di Roma. «Sui social network tutti si sfogano, ma in concreto gli insulti sono privi di offensività»
GERMANIA
6 ore
Evacuato per incendio parte dell'aeroporto di Berlino
Il traffico aereo non è stato alterato
BELGIO
6 ore
Eutanasia per Marieke Vervoort, non voleva più soffrire
La campionessa paralimpica aveva 40 anni. Combatteva dall’età di 14 anni con una malattia muscolare degenerativa incurabile
STATI UNITI
7 ore
Quelle aziende che per assumere chiedono alle intelligenze artificiali
Negli States lo fanno in molte, anche le multinazionali, e si parla di oltre un milione di candidati vagliati dalle app di selezione
CILE
8 ore
L'auto di un ubriaco contro i manifestanti: 2 morti e 17 feriti
Fra le vittime anche un bambino, l'uomo alla guida avrebbe accelerato al posto di frenare. In seguito ha rischiato il linciaggio
VIDEO
DANIMARCA
8 ore
Spostato il faro, rischiava di cadere
Importante operazione nel comune di Hjørring. Salvata una struttura risalente al 1899
GERMANIA
8 ore
Sette maxi-attentati sventati dal 2016
Lo ha comunicato il presidente dell'Ufficio federale criminale tedesco Holger Muench
NORVEGIA
9 ore
Oggi gli interrogatori dei due arrestati
Gli investigatori stanno ancora indagando sul movente dell'attacco
STATI UNITI
07.02.2019 - 20:100

Woody Allen fa causa ad Amazon e chiede 68 milioni di danni

Il motivo? Violazione del contratto su quattro film fra cui l'ultimo con Selena Gomez

NEW YORK - Woody Allen fa causa ad Amazon Studios. E chiede 68 milioni di dollari per la violazione del contratto su quattro film, fra i quali quello per la distribuzione della sua ultima creazione 'A Rainy Day in New York' con Selena Gomez e Timothee Chalamet.

Nell'azione legale deposita al Southern District di New York, il registra accusa Amazon di aver fatto nel giugno scorso un passo indietro sull'accordo raggiunto in precedenza senza fornire valide spiegazioni. «Amazon ha cercato scuse per la sua azione facendo riferimento alle accuse senza senso vecchie di 25 anni contro Allen. Accuse note ad Amazon e al pubblico prima dell'intesa» con il regista: le spiegazioni offerte non sono una base valida per mettere fine al contratto, si legge nei documenti presentati da Allen in tribunale.

Il riferimento è alle accuse di molestie avanzate contro il regista dalla figlia adottiva Dylan Farrow. Accuse che risalgono agli anni 1990, ma che di recente - grazie anche al #MeToo - hanno ripreso slancio. Da diverso tempo Farrow è più attiva nel puntare il dito contro il padre. Lo ha fatto con un intervento nel 2014 sul New York Times, dove ha criticato coloro che continuavano a lavorare con lui. C'è stata poi l'intervista del 2018 a Cbs, quando Farrow ha dettagliato le accuse, che ha spinto una serie di attrici e attori a scusarsi pubblicamente per essere comparsi nei suoi film. Allen ha sempre negato le accuse.

Secondo il regista, i rapporti con Amazon hanno iniziato a scricchiolare nel 2017, con le dimissioni da presidente degli Amazon Studios di Roy Price in seguito alle accuse di molestie. Price era già sotto pressione per i suoi legami con Harvey Weinstein, l'ex produttore star di Hollywood. Nel dicembre 2017 - spiega Allen - alcuni manager di Amazon lo hanno poi contatto per discutere l'impatto negativo che il caso Price stava avendo sugli Amazon Studios.

Colloqui che si sono chiusi con la decisione di far slittare il film di Allen, 'A Rainy Day in New York', al 2019 dal 2018. Nel giugno dello scorso anno, però, il legale di Amazon ha contattato Allen via email, inviandogli la notifica di cessazione del contratto senza offrire - è l'accusa - "basi legali o fattuali" per la decisione. «Non so se questa si chiama arroganza o miopia da parte di Amazon, ma è chiaro che non è una modalità accettabile di comportarsi» spiega John Quinn, legale di Allen. Il regista premio Oscar è nel limbo da quando Amazon ha messo fine all'accordo e cerca un nuovo distributore per i suoi film.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 23:40:19 | 91.208.130.86