Keystone
ITALIA
31.01.2019 - 11:180
Aggiornamento : 12:16

Sea Watch nel porto di Catania

I 47 migranti a bordo hanno festeggiato alla notizia che potranno mettere la parola fine alla loro Odissea in mare

CATANIA - La Sea Watch 3 è attraccata nel porto di Catania, al molo di Levante.

I 47 migranti a bordo - salvati il 19 gennaio scorso - hanno festeggiato alla notizia che potranno mettere la parola fine alla loro Odissea in mare. Per i 15 minorenni sarà nominato un tutore legale, saranno trasferiti in una comunità a Siracusa. Andranno invece a Messina, in un hotspot, e poi saranno divisi in diversi Paesi europei gli adulti.

«Missione compiuta! Ancora una volta, grazie all'impegno del governo italiano e alla determinazione del Viminale, l'Europa è stata costretta a intervenire e ad assumersi delle responsabilità. Sei Paesi hanno accettato di accogliere gli immigrati a bordo della Sea Watch3, coordinandosi con la Commissione europea: si tratta di Francia, Portogallo, Germania, Malta, Lussemburgo e Romania», ha scritto il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Iniziate le operazioni di sbarco - Sono iniziate le operazioni di sbarco al porto di Catania della nave Ong Sea Watch. Sulla banchina un centinaio di membri delle forze dell'ordine tra carabinieri, polizia e guardia di Finanza. Sul posto anche la Croce rossa.

Un mediatore culturale e due medici Usmaf sono saliti a bordo della nave per verificare le condizioni di salute dei migranti a bordo. Intanto si è appreso che è stato presentato un esposto contro il ministro dell'Interno Matteo Salvini per attentato alla costituzione, abuso in atti di ufficio, sequestro di persona, violenza privata, tortura.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 06:57:44 | 91.208.130.85