Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
8 min
Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio
CINA
1 ora
A Hong Kong in migliaia in strada sfidano il divieto della polizia
STATI UNITI
3 ore
In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo
STATI UNITI
3 ore
Pompeo: «C'è Teheran dietro agli attacchi alle raffinerie saudite»
ARABIA SAUDITA
4 ore
Riad ferma la produzione nelle raffinerie colpite
STATI UNITI
6 ore
10 domande per fare bella figura al colloquio di lavoro
ITALIA / EUROPA
15 ore
Ecco dove andranno 58 migranti della Ocean Viking
REGNO UNITO
19 ore
Rubato il "water d'oro" di Maurizio Cattelan
STATI UNITI
21 ore
Il figlio di Osama bin Laden è stato ucciso dagli Stati Uniti
MALTA
22 ore
Air Malta: prosegue il braccio di ferro tra piloti e governo
ITALIA
22 ore
Due anziani escursionisti muiono in Valsesia
ZIMBABWE
22 ore
In migliaia ai funerali di Mugabe
ITALIA
23 ore
Barista gli serve la birra troppo fredda, lui tenta di strangolarla
REGNO UNITO
23 ore
Assange resterà in carcere anche dopo la scadenza della pena
STATI UNITI
23 ore
Nasce l'11 settembre alle 9.11, la piccola Christina diventa un simbolo della nuova vita
BURKINA FASO
17.01.2019 - 20:490

Canadese rapito, trovato il suo corpo

L'uomo lavorava per la società mineraria canadese Progress Mineral Mining Company

OUAGADOUGOU - Crivellato di proiettili: così è morto un canadese che era stato appena rapito questa settimana in Burkina Faso, la poverissima ex-colonia francese dell'Africa occidentale dove a metà del mese scorso si sono perse le tracce pure dell'italiano Luca Tacchetto e della sua compagna di viaggio, anch'essa del Canada, Edith Blais.

Il corpo dell'uomo, Kirk Woodman, è stato ritrovato ieri pomeriggio nella provincia di Yagha, nord-est del Paese, al confine col Niger: a circa cento chilometri dal luogo dove lavorava per la società mineraria canadese Progress Mineral Mining Company e dove era stato rapito da uomini armati nella notte tra martedì e mercoledì.

Woodman, vicepresidente per le esplorazioni minerarie della compagnia di Vancouver, è stato sequestrato da uomini armati che hanno saccheggiato l'impianto e non si hanno notizie di rivendicazioni o richieste di riscatto.

Oltre a quello di Tacchetto e Blais, ormai trattato come rapimento anche dalle autorità del Burkina, tra il 2015 e il settembre scorso nel Paese africano c'erano stati altri tre casi di sequestri che hanno riguardato cinque stranieri: da ultimo quello di un indiano e un sudafricano che lavoravano anch'essi per una compagnia mineraria nel nord.

Del padovano Tacchetto, 30 anni, figlio del sindaco di Vigonza, è dal 15 dicembre che non si hanno più notizie certe anche se un sedicente avvistamento arriva fino al 22: le tracce comunque si sono perse in un viaggio in auto verso il confinante con il Togo dove il giovane voleva fare volontariato.

L'incubo è che Tacchetto e Blais siano stati presi da jihadisti la cui pressione sul paese iniziata nel 2015 ha provocato da allora più di 270 morti. Il 31 dicembre il governo ha decretato lo Stato d'emergenza in sei delle 13 regioni del Burkina, Paese che fino al 1984 si chiamava Alto Volta.

Le forze di sicurezza sono alle prese con gli Ansaroul Islam, il "Gsim" alleato di al-Qaida e altri gruppi minori che, dapprima rintanati a settentrione al confine col Mali, anch'esso rifugio per jihadisti, dall'anno scorso hanno espanso il proprio raggio di azione all'est e ovest del Paese.

Un segno della loro forza è stato l'attacco portato nella capitale Ouagadougou a marzo, colpendo lo Stato maggiore delle forze armate e l'ambasciata di Francia con un bilancio di sangue di 7 morti e 80 feriti tra le forze di sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 12:42:42 | 91.208.130.89