Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
TUNISIA
1 ora
Naufragio al largo di El Aouabed, recuperati 3 corpi
REGNO UNITO
1 ora
Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta
STATI UNITI
2 ore
I big della tv americana dicono no agli spot sulle e-cig
ITALIA / FRANCIA
2 ore
Migranti, disgelo fra Conte e Macron
GIAPPONE
2 ore
Fukushima, assolti tre ex dirigenti della Tepco
STATI UNITI
3 ore
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
STATI UNITI
11 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
11 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
13 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
13 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
14 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
14 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
14 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
14 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
15 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
STATI UNITI
17.01.2019 - 07:180

Voleva colpire la Casa Bianca, arrestato un 21enne

Nel mirino c'era anche la Statua della Libertà. Voleva condurre attacchi con dispositivi esplosivi fatti in casa ma anche con razzi anticarro

WASHINGTON - Si era radicalizzato di recente, voleva colpire la Casa Bianca e altri edifici federali a Washington: l'obiettivo era condurre attacchi jiadisti con il mirino puntato anche sulla Statua della Libertà. Hasher Jallal Taheb è stato arrestato dall'Fbi al termine di un'indagine durata oltre un anno.

«Il suo presunto intento era quello di attaccare la Casa Bianca e altri target nell'area di Washington, indicando di voler colpire il Washington Monument, il Lincoln Memorial e una particolare sinagoga», afferma il procuratore BJ Park davanti al giudice dove Taheb è comparso brevemente dopo l'arresto.

Nell'annunciare il fermo, l'Fbi rassicura sul fatto che Taheb voleva agire da solo e con il suo arresto la minaccia è neutralizzata. «L'indagine continua ma al momento riteniamo che Taheb agisse da solo», spiega l'agente speciale dell'Fbi di Atlanta, Chris Hacker. Taheb è stato arrestato in Georgia e le autorità stanno al momento perquisendo la sua abitazione a Cumming.

Al giudice il procuratore Park spiega che il fermo è arrivato al termine di un'indagine durata oltre un anno, e partita da una segnalazione anonima nel marzo del 2018, in cui Taheb veniva descritto come radicalizzato, che di recente aveva cambiato nome e voleva andare all'estero.

L'Fbi è riuscita ad aprire un canale di comunicazione con Taheb che, nell'agosto scorso, voleva vendere la sua auto e raccogliere fondi per viaggiare all'estero, all'"hijra", termine che fa riferimento ai territorio sotto il controllo dell'Isis.

A dicembre un agente sotto copertura dell'Fbi lo ha incontrato: Taheb gli ha mostrato una piantina della West Wing della Casa Bianca e gli ha detto che avrebbe voluto colpirla. Nel mirino c'era anche la Statua della Libertà. Gli attacchi avrebbe voluto condurli con dispositivi esplosivi fatti in casa ma anche con razzi anticarro.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 09:41:14 | 91.208.130.87