MAROCCO
21.12.2018 - 17:140

Studentesse decapitate, altri nove in manette

Gli imputati sono stati arrestati per i loro «presunti legami con gli autori dell'atto terroristico» che ha portato alla morte delle due giovani scandinave

RABAT - Altre nove persone sono state arrestate ieri e oggi in diverse città del Marocco per i loro presunti legami con l'assassinio di due giovani escursioniste scandinave nel sud de Paese. Lo ha annunciato oggi l'unità antiterrorismo della polizia marocchina.

Gli imputati sono stati arrestati per i loro «presunti legami con gli autori dell'atto terroristico» che ha portato alla morte di una studentessa danese di 24 anni e una norvegese di 28 anni, secondo una dichiarazione del Central Bureau of Judicial Investigation (BCIJ).

Le perquisizioni, effettuate a Marrakech (centro), Essaouira, Sidi Bennour e Chtouka-Aït Baha (ovest), e Tangeri (nord), hanno portato al sequestro di «diverse attrezzature elettroniche, un fucile da caccia, coltelli (....) una divisa militare e materiali che possono essere utilizzati nella fabbricazione di esplosivi», ha aggiunto il BCIJ.

In totale, da lunedì scorso sono state arrestate in Marocco tredici persone per i loro presunti legami con l'assassinio delle due ragazze. I quattro sospetti diretti dell'omicidio sono stati arrestati tra lunedì e giovedì a Marrakech.

I corpi delle due vittime erano stati scoperti lunedì scorso in un sito isolato nell'Alto Atlas (sud), in una zona molto frequentata dagli escursionisti. Un aereo con le spoglie delle due giovani ha lasciato il Marocco oggi con destinazione per Copenaghen, ha detto all'AFP un portavoce della Direzione Generale della Sicurezza Nazionale.

Gli investigatori marocchini stanno ancora cercando di autenticare un «video trasmesso sui social network, presentato come l'assassinio di uno dei due turisti», secondo il procuratore di Rabat.

Il procuratore ha anche confermato giovedì sera l'autenticità di un altro video che mostra quattro uomini, questa volta presentati come sospettati dell'omicidio, che giurano fedeltà ad Abu Bakr al-Baghdadi, leader del gruppo jihadista dello Stato islamico (Isis).

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 03:47:39 | 91.208.130.89