Keystone
+4
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Una «chat dell'orrore» con violenze e mutilazioni: venti minori coinvolti
Sui telefonini dei giovani anche filmati pedofili e immagini di suicidi e decapitazioni.
CANADA
1 ora
Trudeau (di nuovo) nell'occhio del ciclone
Ha assegnato un contratto governativo da 625 milioni a un'associazione che ha poi pagato alcuni suoi famigliari.
STATI UNITI
1 ora
Elon Musk è sempre più ricco
Il patron di Tesla ha un patrimonio personale di 70.5 miliardi di dollari
FOTO
STATI UNITI
3 ore
Il coronavirus sospende un'esecuzione in Indiana
I giudici hanno accolto la richiesta dei famigliari delle vittime che temono un contagio assistendo all'esecuzione.
STATI UNITI
3 ore
Roger Stone è una «vittima della bufala russa»
Donald Trump ha deciso di commutare la sentenza emessa ai danni del suo ex consigliere.
ITALIA
14 ore
Elicottero precipita nel Tevere
Il relitto è stato localizzato dai vigili del fuoco. Ancora nessuna traccia invece dell'equipaggio
ITALIA
16 ore
Covid: «Sarà emergenza fino al 31 dicembre»
Il premier italiano Giuseppe Conte ha annunciato la proroga, che potrebbe essere ufficiale già la prossima settimana
STATI UNITI
16 ore
«Sono accuse prive di senso»
I legali dell'ex compagna di Jeffrey Epstein chiedono di concedere il rilascio dietro cauzione
Attualità
17 ore
Trump in Florida, nel cuore della pandemia
Un viaggio criticato da Joe Binden, secondo cui si tratterebbe di uno spreco di risorse «solo per farsi una foto»
FRANCIA
17 ore
È morto il conducente picchiato "per la mascherina"
L'uomo era stato aggredito domenica a Bayonne per aver chiesto ad alcuni passeggeri di indossarne una
STATI UNITI
19 ore
Coronavirus: negli Stati Uniti torna a salire il numero delle vittime
La tendenza si accompagna a una sequela di record giornalieri di nuove infezioni.
TURCHIA
19 ore
Erdoğan firma il decreto: Santa Sofia è di nuovo una moschea
La decisione arriva a poche ore dalla pronuncia del tribunale amministrativo. Cittadini in festa fuori dall'edificio.
MONDO
20 ore
Una gabola di Facebook sta facendo impazzire diverse app sugli iPhone
La causa è un bug al sistema di accesso del social, usato anche da app come Spotify, Tinder e tante altre
FRANCIA
01.12.2018 - 15:400
Aggiornamento : 21:54

I gilet gialli mettono a fuoco e fiamme Parigi

Alcune automobili nei pressi dell'Arco di Trionfo sono state bruciate durante la manifestazione. I feriti sono 110, mentre le persone fermate sono 270

PARIGI - La guerra dei teppisti ha travolto Parigi, investita da un'ondata di rara violenza, e ha oscurato la protesta dei gilet gialli. Gruppi di black bloc, organizzati ed estremamente mobili, hanno seminato distruzione per ore, incendiando, distruggendo e saccheggiando.

«Non accetterò mai la violenza - ha commentato Emmanuel Macron dal G20 di Buenos Aires - Chi ha fatto questo vuole solo il caos».

Solo i roghi restano stasera a illuminare le macerie nella Ville Lumière. Attorno agli Champs-Elysées, nei quartieri più chic, i casseur che accompagnano le manifestazioni dei gilet gialli non hanno lasciato in piedi nulla: carcasse fumanti di automobili, cataste di motorini, vetrine spaccate e buie nelle quali si saccheggia a piacere. E vetri, vetri ovunque.


Keystone

Il terzo sabato della protesta dei gilet gialli ha avuto i caratteri di un'insurrezione e si è concluso con 110 feriti, uno grave, e 270 fermi. La polizia è stata attaccata, bersagliata, le auto di servizio incendiate, in un'immagine di assoluta impotenza delle forze dell'ordine ad arginare poche centinaia di teppisti. «Molto mobili e difficilmente controllabili», li ha definiti il sottosegretario Laurent Nunez. Al punto da dare l'impressione - a metà pomeriggio - di una situazione ormai fuori controllo.

A differenza di sabato scorso, gli Champs-Elysees - semidistrutti una settimana fa dalla guerriglia - sono stati blindati: si poteva entrare solo a piedi e dopo un'accurata perquisizione ma soltanto 200 gilet gialli lo hanno accettato.

Gli altri hanno cominciato la battaglia dall'Arco di Trionfo, attaccando materialmente e simbolicamente tutto quello che capitava loro a tiro: la polizia ha risposto con i gas lacrimogeni e gli idranti. Poi la tomba del milite ignoto, che sorge al centro dell'Arco, con la fiamma perpetua e i fiori. Slogan, salti, con i più moderati a proteggere quel simbolo della Francia dai facinorosi. Che sono saliti sull'Arco di Trionfo a sventolare i loro vessilli, passando dall'interno dei pilastri e distruggendo molto di quello che trovavano sul loro cammino.


Keystone

 Poi, costretti a rinunciare agli Champs-Elysees, si sono scatenati - con asce, mazze da baseball e bottiglie incendiarie - contro tutto quello che capitava loro a tiro nelle grandi, eleganti e ricche avenue adiacenti.

I nomi di generali e di gloriose battaglie - Foch, Kleber, Friedland - sono da stasera i luoghi di incredibili devastazioni: i grandi marchi del lusso hanno visto i propri punti vendita devastati e saccheggiati, molte agenzie di banche e assicurazioni sono state distrutte, un paio di edifici sono stati invasi.

La polizia, a lungo, è rimasta impegnata a difenderli e ad aprire loro il passaggio prima di potersi dedicare all'ordine pubblico. A fine pomeriggio, l'onda dei teppisti ha investito altri quartieri, i Grands Boulevard, le Tuileries, con un incendio appiccato vicino al museo dell'Orangerie e una pesantissima griglia di ferro divelta, infine la Gare Saint-Lazare: i vicini grandi magazzini Lafayette e Printemps, affollati nel primo weekend di dicembre, sono stati evacuati, la polizia ha faticato a proteggere i passeggeri dei treni, che non si rendevano conto di quanto stesse accadendo attorno a loro.


Keystone

In serata, le parole durissime di Macron da Buenos Aires. Il presidente arriverà domattina a Parigi e sarà subito in riunione con il premier e il ministro dell'Interno. Qualcuno, nel governo, chiede ormai apertamente di aprire il dialogo con i gilet gialli che vogliono meno tasse e più potere d'acquisto. Altri cercano i responsabili di una gestione inadeguata dell'ordine pubblico nella giornata che si annunciava come la più difficile.

I gilet gialli che erano arrivati a Parigi per protestare, in tutto 5500, hanno lasciato in gran parte la capitale mentre era ancora illuminata dai fuochi della battaglia. Delle loro richieste, della tabella di 42 richieste che vogliono presentare al governo, della loro rabbia, oggi si è parlato poco.

Nel resto del paese ci sono stati incidenti a Marsiglia, Nantes, Charleville-les-Mezieres, Saint-Etienne, Nizza. Si sono mobilitate in totale 75'000 persone, 6000 in meno di una settimana fa.

Keystone
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 12:54:09 | 91.208.130.87