Keystone
+ 4
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Che settimana per Trump
Il cosidetto Ucrainagate approdalla alla Camera americana. Giusto in tempo per le primarie democratiche
UGANDA
6 ore
Uganda flagellato dalle alluvioni: almeno 16 morti
I volontari affermano di aver recuperato dei cadaveri che galleggiavano sull'acqua o erano impigliati sugli alberi di cacao
AUSTRALIA
7 ore
Figlia di un ex premier australiano rivela: «Mio padre mi chiese di tacere degli stupri»
La donna denuncia di essere stata molestata da un collega del padre. Bob Hawke è stato primo ministro dal 1983 al 1991
STATI UNITI
7 ore
Morto l'astro nascente del rap Juice Wrld, aveva 21 anni
Colto dalle convulsioni in aeroporto a Chicago, l'artista è deceduto poco dopo essere giunto in ospedale
NEPAL
7 ore
Primo arresto per la morte di una donna in una "casa del ciclo"
Una tradizione secolare indù vuole che durante le mestruazioni le donne dormano fuori dall'abitazione familiare
INDIA
8 ore
L'incendio di New Delhi è stato innescato da un corto circuito
È quanto rivelano le autorità. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri da foto scattate con lo smartphone
REGNO UNITO
9 ore
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
10 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
11 ore
Alta attività esplosiva dello Stromboli
Per gli escursionisti permane il divieto di scalare la montagna oltre quota 290 metri
BRASILE
12 ore
Amazzonia: due leader indigeni uccisi in un attacco
Gli indios brasiliani si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro
REGNO UNITO
12 ore
Dimissioni se non si raggiunge la maggioranza assoluta? Johnson glissa
Una recente rilevazione mette in dubbio la possibilità per i Tory di arrivare all'obbiettivo dichiarato dal premier britannico
ITALIA
13 ore
Torino: madre uccide figlia disabile a martellate
A dare l'allarme è stato il marito della donna, di 87 anni
FOTO
CINA
14 ore
Una marea mascherata manifesta per le strade a Hong Kong
Domenica in piazza per i pro-dem. 11 uomini fermati per possesso di armi, sequestrata un'arma da fuoco
FRANCIA
01.12.2018 - 15:400
Aggiornamento : 21:54

I gilet gialli mettono a fuoco e fiamme Parigi

Alcune automobili nei pressi dell'Arco di Trionfo sono state bruciate durante la manifestazione. I feriti sono 110, mentre le persone fermate sono 270

PARIGI - La guerra dei teppisti ha travolto Parigi, investita da un'ondata di rara violenza, e ha oscurato la protesta dei gilet gialli. Gruppi di black bloc, organizzati ed estremamente mobili, hanno seminato distruzione per ore, incendiando, distruggendo e saccheggiando.

«Non accetterò mai la violenza - ha commentato Emmanuel Macron dal G20 di Buenos Aires - Chi ha fatto questo vuole solo il caos».

Solo i roghi restano stasera a illuminare le macerie nella Ville Lumière. Attorno agli Champs-Elysées, nei quartieri più chic, i casseur che accompagnano le manifestazioni dei gilet gialli non hanno lasciato in piedi nulla: carcasse fumanti di automobili, cataste di motorini, vetrine spaccate e buie nelle quali si saccheggia a piacere. E vetri, vetri ovunque.


Keystone

Il terzo sabato della protesta dei gilet gialli ha avuto i caratteri di un'insurrezione e si è concluso con 110 feriti, uno grave, e 270 fermi. La polizia è stata attaccata, bersagliata, le auto di servizio incendiate, in un'immagine di assoluta impotenza delle forze dell'ordine ad arginare poche centinaia di teppisti. «Molto mobili e difficilmente controllabili», li ha definiti il sottosegretario Laurent Nunez. Al punto da dare l'impressione - a metà pomeriggio - di una situazione ormai fuori controllo.

A differenza di sabato scorso, gli Champs-Elysees - semidistrutti una settimana fa dalla guerriglia - sono stati blindati: si poteva entrare solo a piedi e dopo un'accurata perquisizione ma soltanto 200 gilet gialli lo hanno accettato.

Gli altri hanno cominciato la battaglia dall'Arco di Trionfo, attaccando materialmente e simbolicamente tutto quello che capitava loro a tiro: la polizia ha risposto con i gas lacrimogeni e gli idranti. Poi la tomba del milite ignoto, che sorge al centro dell'Arco, con la fiamma perpetua e i fiori. Slogan, salti, con i più moderati a proteggere quel simbolo della Francia dai facinorosi. Che sono saliti sull'Arco di Trionfo a sventolare i loro vessilli, passando dall'interno dei pilastri e distruggendo molto di quello che trovavano sul loro cammino.


Keystone

 Poi, costretti a rinunciare agli Champs-Elysees, si sono scatenati - con asce, mazze da baseball e bottiglie incendiarie - contro tutto quello che capitava loro a tiro nelle grandi, eleganti e ricche avenue adiacenti.

I nomi di generali e di gloriose battaglie - Foch, Kleber, Friedland - sono da stasera i luoghi di incredibili devastazioni: i grandi marchi del lusso hanno visto i propri punti vendita devastati e saccheggiati, molte agenzie di banche e assicurazioni sono state distrutte, un paio di edifici sono stati invasi.

La polizia, a lungo, è rimasta impegnata a difenderli e ad aprire loro il passaggio prima di potersi dedicare all'ordine pubblico. A fine pomeriggio, l'onda dei teppisti ha investito altri quartieri, i Grands Boulevard, le Tuileries, con un incendio appiccato vicino al museo dell'Orangerie e una pesantissima griglia di ferro divelta, infine la Gare Saint-Lazare: i vicini grandi magazzini Lafayette e Printemps, affollati nel primo weekend di dicembre, sono stati evacuati, la polizia ha faticato a proteggere i passeggeri dei treni, che non si rendevano conto di quanto stesse accadendo attorno a loro.


Keystone

In serata, le parole durissime di Macron da Buenos Aires. Il presidente arriverà domattina a Parigi e sarà subito in riunione con il premier e il ministro dell'Interno. Qualcuno, nel governo, chiede ormai apertamente di aprire il dialogo con i gilet gialli che vogliono meno tasse e più potere d'acquisto. Altri cercano i responsabili di una gestione inadeguata dell'ordine pubblico nella giornata che si annunciava come la più difficile.

I gilet gialli che erano arrivati a Parigi per protestare, in tutto 5500, hanno lasciato in gran parte la capitale mentre era ancora illuminata dai fuochi della battaglia. Delle loro richieste, della tabella di 42 richieste che vogliono presentare al governo, della loro rabbia, oggi si è parlato poco.

Nel resto del paese ci sono stati incidenti a Marsiglia, Nantes, Charleville-les-Mezieres, Saint-Etienne, Nizza. Si sono mobilitate in totale 75'000 persone, 6000 in meno di una settimana fa.

Keystone
Guarda tutte le 8 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 00:15:52 | 91.208.130.85