Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ARGENTINA
53 min
Buenos Aires dichiara l'emergenza occupazionale
Tasso di disoccupazione al 10,6%. In caso di licenziamento senza giusta causa i lavoratori colpiti avranno diritto a ricevere il doppio dell'indennità
FOTO
ITALIA
1 ora
Neve, vento, gelate e alberi caduti
La furia del maltempo si è abbattuta sull'Italia. Disagi in tutto il Paese
STATI UNITI
2 ore
Le tasse di Trump sotto la lente della Corte Suprema
Per la Casa Bianca un presidente in carica ha il diritto di non svelare le proprie informazioni finanziarie
REGNO UNITO
13 ore
L'altra faccia del Regno Unito, proteste contro Johnson
Diverse centinaia di persone hanno espresso il loro disappunto a Londra e a Glasgow. Tensioni anche con la Polizia
CINA / STATI UNITI
17 ore
L'accordo prevede una rimozione «graduale» dei dazi
La fase uno dell'accordo tra Cina e Stati Uniti ha congelato i dazi che avrebbero dovuto scattare il 15 dicembre. Trump: «Inizieremo immediatamente le trattative per la fase due»
STATI UNITI
18 ore
La Commissione della Camera dice sì all'Impeachment di Trump
Il presidente è ritenuto responsabile di abuso di potere e ostruzione al Congresso
REGNO UNITO
19 ore
La regina incorona Johnson. Risultati definitivi, ai Tory 365 seggi
Il premier della Brexit è il quattordicesimo capo di governo a ricevere l'incarico da Elisabetta II nei suoi 66 anni di regno
STATI UNITI
19 ore
Apple punta sulle foto, compra Spectral Edge
L'azienda ha sviluppato una tecnologia di fotografia computazionale in grado di fondere i dati catturati da un normale obiettivo con quelli raccolti da un sensore a infrarossi
STATI UNITI
09.11.2018 - 08:110

Immigrazione e asilo: stretta di Trump, speranza per Pelosi

Il tema rimane caldo subito dopo le elezioni

NEW YORK - «È il momento di parlare di una riforma dell'immigrazione». Lo afferma la democratica Nancy Pelosi in un'intervista alla Cnn, dicendosi fiduciosa al 100% che sarà la prossima Speaker della Camera. Pelosi aspira al ruolo ma, nonostante la vittoria dei democratici alla Camera, si trova ad affrontare una dura resistenza da parte degli esponenti del suo stesso partito.

Stretta di Trump sull'asilo, no a chi entra illegalmente - L'amministrazione Trump annuncia la stretta sul diritto di asilo per i migranti in arrivo negli Stati Uniti: chi entra illegalmente non potrà richiederlo. Una mossa dettata da quella che viene definita coma una "emergenza nazionale" e con la quale il presidente americano archivia definitivamente le elezioni di metà mandato, già 'cancellate' dalla cacciata del ministro della giustizia di Jeff Sessions dal governo. E una misura di fatto ad hoc contro la carovana in arrivo al confine tra Usa e Messico.

È proprio il ministro della giustizia pro-tempore Matthew Whitaker, al suo primo giorno di lavoro, a imprimere il marchio sulla nuova misura anti-immigrazione, che arriva a poche ore dallo schiaffo subito dal tycoon sui Dreamers. La Corte d'appello del Nono Circuito ha infatti dato ragione a questi ultimi: l'amministrazione non può cancellare il Deferred Action for Childhood Arrivals (il provvedimento conosciuto come Daca) approvato da Barack Obama che tutela i giovani nati negli Usa da genitori immigrati illegali. Farlo - spiegano i giudici - è probabilmente illegale.

Ma Trump tira dritto con la sua linea dura. In sfida alla legge federale e alle convenzioni internazionali, la sua amministrazione propone di vietare a chi entra illegalmente nel paese di richiedere l'asilo. A loro, al contrario, sarà riservata una procedura di espulsione rapida. Il divieto è rivolto in particolare a chi attraversa il confine americano dal Messico ed è diretto a scoraggiare la carovana di migranti attualmente in Centro America e in movimento verso gli Stati Uniti. ''Il nostro sistema di asilo è sopraffatto da troppe richieste senza merito da parte di stranieri che così mettono sotto un enorme peso le nostre risorse, impedendoci di assicurarle in modo rapido a coloro che meritano l'asilo veramente'', affermano Whitaker e il segretario all'interno Kirstjen Nielsen.

Secondo l'amministrazione, il sistema delle richieste di asilo è infatti abusato da coloro che cercano negli Stati Uniti opportunità economiche o il ricongiungimento familiare, e non sicurezza. Le restrizioni alle richieste di asilo non entreranno in vigore fino a quando il presidente Donald Trump non annuncerà limiti e sospensioni degli ingressi negli Stati Uniti dal Messico, annuncio che è atteso nelle prossime ore.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 11:04:33 | 91.208.130.87