Keystone
BOSNIA-ERZEGOVINA
24.10.2018 - 14:060
Aggiornamento : 15:16

Migranti: sfondato il cordone di polizia al confine croato

Sono in corso trattative. Ci sono feriti

SARAJEVO - In Bosnia-Erzegovina circa duecento migranti hanno sfondato un primo cordone di polizia di fronte al valico di confine croato di Maljevac, a Velika Kladusa (nordovest). Trattative sono in corso tra le forze dell'ordine e i migranti.

Secondo fonti giornalistiche sul posto, almeno due migranti sono rimasti feriti. Sul luogo degli incidenti è arrivato anche un elicottero con a bordo unità speciali della polizia croata.

Una portavoce della polizia intanto ha confermato che sono tuttora bloccati a bordo di un treno i migranti arrivati a Bihac da Sarajevo alla mezzanotte di ieri, e che anche un pullman è stato fatto tornare verso la capitale dopo che il ministro della sicurezza Dragan Mektic ha vietato l'accesso dei migranti sul territorio del cantone di Bihac.

Intanto a Hadzici, alla periferia di Sarajevo, stanno arrivando i primi migranti alla ex caserma adibita a centro di accoglienza che può ospitare 400 persone.

La Croazia mette le barriere al confine - La polizia croata ha posto oggi delle barriere sulla linea di confine con la Bosnia a Velika Kladusa. Lo ha reso noto l'agenzia di stampa croata Hina.

Le forze dell'ordine croate, ha detto una portavoce del Ministero dell'interno di Zagabria, finora non sono intervenute in alcun modo dopo che circa duecento migranti hanno sfondato un primo cordone della polizia bosniaca, dirigendosi verso il territorio croato, e contro un secondo cordone della polizia bosniaca.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-01 20:33:45 | 91.208.130.85