Keystone / AP
CINA
08.10.2018 - 16:260

L'ex presidente dell'Interpol è indagato per tangenti

Lo annuncia una nota del ministero di Pubblica sicurezza di cui Meng era vice ministro dal 2004

PECHINO - Meng Hongwei, dimessosi ieri dalla presidenza dell'Interpol, è ufficialmente indagato in Cina per aver «intascato tangenti» e per essere sospettato di «aver violato le leggi».

Lo annuncia una nota del ministero di Pubblica sicurezza di cui Meng era vice ministro dal 2004.

Meng è stato messo sotto indagine dalla Commissione nazionale di supervisione, l'agenzia di più alto vertice istituita a marzo in Cina contro la corruzione.

Il ministero della Pubblica sicurezza ha tenuto oggi una riunione sulla vicenda: il ministro Zhao Kezhi ha detto che Meng dovrebbe biasimare se stesso per l'indagine aggiungendo che il ministero sostiene con decisione l'iniziativa.

Meng, salito alla presidenza dell'Interpol nel 2016, si è dimesso dalla carica «con effetto immediato».

Il sudcoreano Kim Jong-yang opererà come presidente fino alla prossima assemblea dell'organizzazione che si terrà a Dubai dal 18 al 21 novembre prossimi.

I media cinesi hanno ricordato che l'uscita anticipata di Meng non è una novità nella storia del coordinamento internazionale delle forze di polizia cresciuto fino a contare 192 Paesi: Jackie Selebi, di nazionalità sudafricana, si dimise prima della fine del mandato nel 2008 subendo 2 anni dopo una condanna per corruzione.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-18 18:52:52 | 91.208.130.89