ITALIA
20.08.2018 - 14:470
Aggiornamento 16:57

Genova, l'istante in cui il pilone si sbriciola

Nuove immagini diffuse dalla Guardia di Finanza mostrano il momento della tragedia dal centro rifiuti situato sotto il ponte Morandi

GENOVA - Un nuovo video, diffuso in queste ultime ore dalla Guardia di Finanza, mostra gli istanti esatti in cui il pilone del ponte Morandi di Genova si sbriciola, crollando su sé stesso.

Il filmato - che riprende la scena dal basso, in corrispondenza del centro di raccolta rifiuti situato sotto il viadotto - è parte della documentazione acquisita dalle Fiamme Gialle per fare ulteriore chiarezza sulla tragedia che martedì scorso ha cancellato 43 vite.

Il ponte scricchiola - La procura di Genova è pronta, in caso di concreto pericolo, ad autorizzare l'abbattimento del moncone di ponte, sequestrato il 17 agosto dopo il crollo della campata, che si trova sopra gli edifici evacuati di via Porro. Ieri sera infatti sono stati segnalati scricchiolii che hanno portato i Vigili del fuoco italiani alla sospensione del recupero beni da parte sei cittadini sfollati.

Nel caso in cui segnalino l'eventualità di concreto pericolo la magistratura genovese si è detta «pronta a dissequestrare e autorizzare l'abbattimento». Tra i reati ipotizzati finora - omicidio colposo plurimo aggravato, attentato alla sicurezza dei trasporti e disastro colposo - i pubblici ministeri (pm) stanno vagliando l'ipotesi di inserire, appena vi siano iscrizioni nel registro degli indagati, anche l'omicidio stradale colposo aggravato. Di questo discuteranno domani in un vertice.

Per ora non ci sono indagati - «Al momento non ci sono indagati. L'attività giudiziaria ha i suoi tempi». Lo ha detto il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, facendo il punto sulle indagini per il crollo di ponte Morandi.

«È troppo presto per parlare delle cause», ha aggiunto Cozzi. «Un incidente probatorio si farà quando la scena dell'indagine penale sarà abbastanza delimitata, quando le possibili cause saranno più delineate. Certamente va fatto in tempi ragionevoli, ma non dall'oggi al domani. Una giustizia che decidesse dall'oggi al domani sarebbe inquietante».

Consegnate 5 case agli sfollati - Consegnate le prime cinque case agli sfollati per il crollo di ponte Morandi. Vanno a cinque nuclei famigliari, per un totale di 21 persone, tra cui bambini piccoli (uno ha 3 mesi) e anziani non autosufficienti.

Le chiavi sono state date dal presidente della Regione Toti e dal sindaco Bucci nel quartiere di Bolzaneto in palazzine con appartamenti di solito destinati alle forze dell'ordine e di proprietà della società pubblica Arte.

 

3 mesi fa Il ponte scricchiola, sospesi i lavori
3 mesi fa «Chi non sa evitare una strage, se ne deve andare»
3 mesi fa Crollo del ponte a Genova, le fake news invadono il web
3 mesi fa «Mi scuso profondamente. Un nuovo ponte entro otto mesi»
3 mesi fa Un ferito non ce l'ha fatta: il numero dei morti sale a 43
3 mesi fa «Ho visto donne e bambini correre scalzi con la paura negli occhi»
3 mesi fa Crolla il ponte sull'autostrada A10
Tags
ponte
genova
ponte morandi
morandi
crollo
indagati
pilone
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-19 06:53:07 | 91.208.130.86