Fotolia
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
TUNISIA
6 min
Kamikaze si fa esplodere nel centro di Tunisi: cinque feriti, morto l'attentatore
EUROPA
12 min
Olio di palma: sempre meno a tavola e di più nel serbatoio
EUROPA
27 min
Sos a tavola: rischi alimentari e sfruttamento minorile
ITALIA
36 min
Coca Cola, energia rinnovabile e imballaggi riciclabili
MESSICO
42 min
Sono morti abbracciati nel Rio Grande, ecco chi erano Oscar e Valeria
GERMANIA
56 min
Paralizzato dopo la sfida a "Wetten, dass …?": Samuel Koch torna in piedi
ITALIA
1 ora
Lampedusa, attesa una "soluzione diplomatica"
GERMANIA
2 ore
Uno degli attentatori del Bataclan è stato arrestato a Dresda
GIAPPONE
2 ore
Renault-Nissan: la struttura azionaria non si cambia
GERMANIA
3 ore
Omicidio Lübcke, due nuovi fermi
GERMANIA
3 ore
Angela Merkel nuovamente scossa da tremori
CINA
4 ore
Hong Kong, la sede della polizia sotto assedio per sei ore
ITALIA
5 ore
La Sea Watch è ancora ferma davanti al porto di Lampedusa
STATI UNITI
5 ore
Al via la corsa dei democratici: sorprende Castro, delude Beto
ITALIA
7 ore
Christo e il lago d'Iseo: c'eravamo tanto amati
GERMANIA
07.08.2018 - 20:350

Violentavano e facevano prostituire il figlio, 12 anni di carcere

La coppia si muoveva sulla darknet. Coinvolte decine di persone, anche uno svizzero

BERLINO - Il giudice ha affermato di avere di fronte una persona incapace di empatia e di capire quello che provano gli altri. Quindi ha pronunciato la sentenza: 12 anni di carcere per una donna, che insieme al compagno ha sistematicamente abusato e violentato il figlio, un bambino di 10 anni, costringendolo anche a prostituirsi, 'vendendolo' ai pedofili, contattati sulla darknet. La "rete scura" sul web, su cui le violenze venivano postate dopo essere state accuratamente riprese.

La decisione del tribunale di Friburgo in Brisgovia riguarda uno dei casi più agghiaccianti di pedofilia che la Germania ricordi, ma il caso non è chiuso. Resta da capire come sia stato possibile che, nonostante le segnalazioni e i sospetti dei servizi sociali, il bambino sia stato riaffidato alla coppia di Staufen (Baden-Württemberg). Sono stati due tribunali di famiglia a rimandarlo in quell'inferno, ritenendo il rischio cui sarebbe stato esposto minimale. Ed è chiaro quindi che qualcosa non ha funzionato anche fra le istituzioni addette al controllo.

La coppia, una donna di 48 anni e il compagno di 39, ha ammesso tutto, e ha fatto sapere di non voler ricorrere all'appello. Ma nessuno dei due ha provato a motivare comportamenti così brutali, documentati anche dal materiale video. Secondo la legale che difende la vittima, Katja Ravat, «la madre non ha mostrato segni di pentimento. Avrei voluto che dicesse qualcosa, per potere riferire al bambino almeno: le dispiace», ha affermato citata dai media tedeschi. In questi mesi, invece, la donna ha spedito solo tre cartoline dal contenuto "superficiale" a suo figlio.

Il bambino, che oggi ha 10 anni e che è stato dato in affidamento a un'altra famiglia, ha subito violenze anche dalla madre, che - come il suo partner - da ora in poi con lui non potrà più avere contatti. Ed è stato costretto alla prostituzione per due anni in ben 60 casi, con uomini intercettati attraverso Darknet dentro e fuori dalla Germania.

Katja Ravat difende anche un'altra bambina, che all'età di tre anni fu violentata dalla stessa coppia. Il processo è durato otto settimane a ha visto condannare anche altre 6 uomini, fra cui uno svizzero e uno spagnolo, per le violenze pedofile connesse a questo caso. Gli inquirenti hanno però nel mirino almeno venti persone.

Il partner della donna, che dovrà scontare 12 anni di carcere e restare sotto sorveglianza anche successivamente, ha affermato di volersi sottoporre a una terapia. Lei invece, colpita da una sentenza di 12 anni e sei mesi - dovrà anche pagare 42'500 euro di risarcimenti danni al figlio - ha semplicemente taciuto. Secondo il giudice, nell'imputata, che oggi masticava una gomma durante la lettura del giudizio, sarebbe mancata ogni traccia di empatia, di coscienza o di capacità di percepire ciò che gli altri provano.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 13:06:31 | 91.208.130.85