Archivio Keystone
ITALIA
12.07.2018 - 13:190

Migranti, 600 vittime dopo lo stop alle navi delle Ong

La denuncia arriva da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranée che rilanciano l'appello a «fermare queste vergognose morti»

ROMA - Oltre 600 persone, tra cui neonati e bambini, sono annegate o disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale nelle ultime 4 settimane, da quando cioè sono state bloccate le navi di soccorso delle organizzazioni non governative. La denuncia arriva da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranée che rilanciano l'appello a «fermare queste vergognose morti».

Stando ai dati diffusi da Msf e Sos Mediterranée, le 600 vittime delle ultime quattro settimane rappresentano «la metà di tutte le morti registrate quest'anno».

«Le decisioni politiche dell'Europa nelle ultime settimane hanno avuto conseguenze letali - spiega Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf -. È stata presa la decisione a sangue freddo di lasciare annegare uomini, donne e bambini nel Mediterraneo. È vergognoso e inaccettabile. Invece di ostacolare deliberatamente un'assistenza medica e umanitaria salvavita a persone in pericolo, i Governi europei devono attivare un sistema dedicato di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale».

«L'Europa ha la responsabilità di queste morti sulla propria coscienza - le fa eco Sophie Beau, vicepresidente di SOS Mediterranée -. I Governi europei devono reagire immediatamente e garantire che il diritto internazionale marittimo e umanitario, che prescrive l'obbligo del soccorso in mare, sia pienamente rispettato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 16:21:48 | 91.208.130.86