Guardia di Finanza
ITALIA
02.05.2018 - 10:320
Aggiornamento : 11:10

Inseguimento in mare: 2,5 tonnellate di marijuana a bordo di un gommone

Quattro scafisti di nazionalità albanese sono stati arrestati

BRINDISI - Un gommone con a bordo circa 2,5 tonnellate di marijuana è stato bloccato, dopo un inseguimento, al largo di Brindisi dai militari della Guardia di finanza. Quattro scafisti di nazionalità albanese sono stati arrestati.

L'imbarcazione sospetta è stata localizzata, al largo di Brindisi, dalle unità aeronavali della Guardia di Finanza e da un assetto islandese impegnati nell'operazione "Themis 2018" dell'Agenzia Frontex coordinata, a livello nazionale, dall'lnternational Coordination Centre (I.C.C.) istituito presso il Comando Operativo Aeronavale Guardia di Finanza di Pratica di Mare (RM) e in Puglia, dal Gruppo Aeronavale di Taranto.

Gli scafisti quando hanno visto le vedette della Guardia di Finanza, hanno tentato di disfarsi del carico, gettando in mare numerosi involucri contenenti la droga.

Gli equipaggi delle unità navali delle Fiamme Gialle sono riusciti, dopo un breve inseguimento ad elevata velocità, a fermare ed abbordare il gommone.

Con l'aiuto di un elicottero del Corpo, si è poi proceduto al recupero dei pacchi lanciati in mare. Al termine delle operazioni, sono stati ritrovati 10 colli di sostanza stupefacente tipo marijuana in mare e 105 colli rimasti a bordo del gommone, sul quale è stato rinvenuto anche un fucile mitragliatore Kalashnikov completo di caricatore e 30 cartucce.

Il gommone, lungo circa 10 metri, dotato di due potenti motori fuoribordo, è stato sequestrato e condotto agli ormeggi della Sezione Operativa Navale Guardia di Finanza di Otranto (Lecce). Gli scafisti, due 30enni, un 40enne e un 37enne, tutti di nazionalità albanese, sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti, oltre che per possesso di armi da guerra e posti a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Due dei quattro arrestati hanno precedenti specifici in materia di traffico di stupefacenti e risultano essere destinatari di provvedimenti restrittivi.

La marijuana sequestrata dai finanzieri era confezionata in numerosi colli di varie dimensioni, per un peso di circa 2'517 kg., che complessivamente al mercato clandestino avrebbe fruttato al dettaglio - secondo gli investigatori - oltre venti milioni di euro.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 22:32:28 | 91.208.130.89