Keystone / AP
IRAN
11.06.2017 - 09:220
Aggiornamento : 10:11

Uccisa la "mente" degli attacchi di Teheran

Lo ha annunciato - secondo quanto riporta Al Jazeera citando l'agenzia iraniana Tsnim - il ministro dell'intelligence iraniano

TEHERAN - Le forze di sicurezza iraniane hanno ucciso la 'mente' degli attacchi, rivendicati dall'Isis, di mercoledì scorso a Teheran in cui sono morte 17 persone.

Lo ha annunciato - secondo quanto riporta Al Jazeera citando l'agenzia iraniana Tsnim - il ministro dell'intelligence iraniano, Mahmoud Alavi: «La 'mente' degli attacchi terroristici al parlamento e al mausoleo di Khomeini è stata uccisa dalle forze di sicurezza», ha detto ieri sera.

Oltre 60 persone sospettate di fiancheggiare il terrorismo sono state arrestate in una serie di operazioni di polizia a Teheran. Lo ha annunciato il capo della polizia iraniana, Hossein Ashtari, precisando che ci sarebbero legami tra gli arrestati e gli attacchi terroristici al Parlamento e al mausoleo di Khomeini.

Salgono così a oltre 110 gli arresti ufficiali effettuati negli ultimi giorni in Iran in relazione agli attacchi di mercoledì scorso.

Nella tarda serata di ieri il ministro dell'Intelligence, Mahmoud Alavi, aveva riferito che gli agenti dell'intelligence sono riusciti a raggiungere e uccidere l'organizzatore degli attentati che era riuscito a fuggire dall'Iran. La 'mente' degli attacchi, ha riferito Alavi, è stata individuata e uccisa «grazie alla collaborazione di servizi di intelligence stranieri amici».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 14:15:09 | 91.208.130.86