ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
4 ore
Nasconde l'Hiv e contagia quattro donne: morta l'ex compagna
PARAGUAY
4 ore
Bruciano le foreste del Paraguay, il Wwf: «È emergenza nazionale»
SVIZZERA
5 ore
La Banca dei regolamenti internazionali sta “torchiando” la criptovaluta di Facebook
LUSSEMBURGO
6 ore
Brexit: «Una nuova estensione solo se ha uno scopo»
STATI UNITI
6 ore
Tour di Michelle Obama: biglietti fino a 4'200 dollari
FRANCIA
7 ore
L'ambiente diventa la prima preoccupazione dei francesi
TUNISIA
7 ore
Presidenziali tunisine: possibile ballottaggio Saied-Karoui
COREA DEL NORD
7 ore
Kim ha scritto una lettera a Trump
IRAN
8 ore
Teheran sequestra una nave emiratina nello Stretto di Hormuz
UNIONE EUROPEA
8 ore
Johnson: «Non chiederò un'estensione, la Brexit resta il 31 ottobre»
STATI UNITI
8 ore
L'attacco ai pozzi sauditi? Arrivava dall'Iran o dall'Iraq, lo dimostrerebbero delle foto
PARIGI
10 ore
Edward Snowden: «La prego Macron mi conceda l'asilo"
ROMA
11 ore
Estorsioni e violenze, arrestati i capi ultrà della Juve
TELEFONIA
11 ore
Ma quale tramonto per Apple, la domanda di iPhone è superiore alle attese
FRANCIA / SIRIA
11 ore
Le famiglie dei jihadisti francesi accusano Parigi di omissione di soccorso
FRANCIA
12.12.2015 - 19:450
Aggiornamento : 20:31

Clima: raggiunto lo storico accordo a Parigi

Approvato dai delegati dei 195 Paesi più la Ue

PARIGI - Via libera all'accordo sul clima dai delegati dei 195 Paesi più la Ue che a Parigi hanno partecipato alla XXI conferenza internazionale dell'Onu sui cambiamenti climatici.

L'approvazione è stata ampiamente celebrata dal presidente della Conferenza, Laurent Fabius, e dai rappresentanti Onu, con calorosi abbracci sul palco. Per sancirla, ha commentato Fabius, "devo battere con il martello, è un piccolo martello ma penso che possa fare molto".

Ecco i punti principali dell'accordo finale della Cop 21 e della decisione che lo accompagna.

* RISCALDAMENTO GLOBALE - L'articolo 2 dell'accordo fissa l'obiettivo di restare "ben al di sotto dei 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali", con l'impegno a "portare avanti sforzi per limitare l'aumento di temperatura a 1,5 gradi".

* OBIETTIVO A LUNGO TERMINE SULLE EMISSIONI - L'articolo 3 prevede che i Paesi "puntino a raggiungere il picco delle emissioni di gas serra il più presto possibile", e proseguano "rapide riduzioni dopo quel momento" per arrivare a "un equilibrio tra le emissioni da attività umane e le rimozioni di gas serra nella seconda metà di questo secolo".

* IMPEGNI NAZIONALI E REVISIONE - In base all'articolo 4, tutti i Paesi "dovranno preparare, comunicare e mantenere" degli impegni definiti a livello nazionale, con revisioni regolari che "rappresentino un progresso" rispetto agli impegni precedenti e "riflettano ambizioni più elevate possibile". I paragrafi 23 e 24 della decisione sollecitano i Paesi che hanno presentato impegni al 2025 "a comunicare entro il 2020 un nuovo impegno, e a farlo poi regolarmente ogni 5 anni", e chiedono a quelli che già hanno un impegno al 2030 di "comunicarlo o aggiornarlo entro il 2020". La prima verifica dell'applicazione degli impegni è fissata al 2023, i cicli successivi saranno quinquennali

* LOSS AND DAMAGE - L'accordo prevede un articolo specifico, l'8, dedicato ai fondi destinati ai Paesi vulnerabili per affrontare i cambiamenti irreversibili a cui non è possibile adattarsi, basato sul meccanismo sottoscritto durante la Cop 19, a Varsavia, che "potrebbe essere ampliato o rafforzato". Il testo "riconosce l'importanza" di interventi per "incrementare la comprensione, l'azione e il supporto", ma non può essere usato, precisa il paragrafo 115 della decisione, come "base per alcuna responsabilità giuridica o compensazione"

* FINANZIAMENTI - L'articolo 9 chiede ai Paesi sviluppati di "fornire risorse finanziarie per assistere" quelli in via di sviluppo, "in continuazione dei loro obblighi attuali". Più in dettaglio, il paragrafo 115 della decisione "sollecita fortemente" questi Paesi a stabilire "una roadmap concreta per raggiungere l'obiettivo di fornire insieme 100 miliardi di dollari l'anno da qui al 2020", con l'impegno ad aumentare "in modo significativo i fondi per l'adattamento"

* TRASPARENZA - L'articolo 13 stabilisce che, per "creare una fiducia reciproca" e "promuovere l'implementazione" è stabilito "un sistema di trasparenza ampliato, con elementi di flessibilità che tengano conto delle diverse capacità".

Commenti
 
moma 3 anni fa su tio
Mi sa che è troppo tardi.
streciadalbüter 3 anni fa su tio
Come dicono i veneti:il tempo,il c.lo e i siori,i fan quel che i vor lori.
Thor61 3 anni fa su tio
A loro interessa SOLO (Frase sotto riportata) questa parte, presumo che nessuno a detto nulla alla cina e india a proposito di come inquinano l'ambiente. Alla fine saranno gli europei a pagare tutto perchè gli usa oltre ad inquinare quasi come india e cina, di norma fanno finta di nulla e non aprono MAI il loro portafoglio. [* FINANZIAMENTI - L'articolo 9 chiede ai Paesi sviluppati di "fornire risorse finanziarie per assistere" quelli in via di sviluppo, "in continuazione dei loro obblighi attuali". Più in dettaglio, il paragrafo 115 della decisione "sollecita fortemente" questi Paesi a stabilire "una roadmap concreta per raggiungere l'obiettivo di fornire insieme 100 miliardi di dollari l'anno da qui al 2020", con l'impegno ad aumentare "in modo significativo i fondi per l'adattamento"] Saluti ;o)
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:11:01 | 91.208.130.85