ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
EUROPA
21 min
I morti in Europa per il coronavirus sono più di 20'000
I paesi più toccati sono Italia e Spagna
CINA
53 min
In Cina la qualità dell'aria è migliorata
La causa, è facile da intuire, riguarda il lockdown per il coronavirus
STATI UNITI
1 ora
A New York una vittima di Covid-19 ogni 17 minuti
L'area metropolitana potrebbe registrare «un'epidemia peggiore di quella di Wuhan e della Lombardia»
CINA
1 ora
Investimenti nel 5G per compensare l'impatto del coronavirus
Per il 2020 ci si attende una cifra che si aggira attorno ai 200 miliardi di yuan
MONDO
4 ore
Pandemia, le ultimissime: dalla Cina 1 miliardo di mascherine per la Francia
Tutte quello che c'è da sapere oggi, riguardo alla pandemia mondiale
STATI UNITI
4 ore
Dagli Stati Uniti un test portatile con risultati in cinque minuti
L'azienda ha ricevuto l'ok dall'Fda, e potrà fornire gli operatori sanitari dalla prossima settimana
ITALIA
6 ore
Fiamme al Palazzo di giustizia di Milano
L'incendio sarebbe partito da un archivio questa mattina presto
SERBIA
7 ore
Non rispetta l'auto-isolamento: condannato via Skype
Per contenere il virus, in Serbia la giustizia ha scelto di utilizzare la tecnologia
STATI UNITI
7 ore
Sempre più contagi e sempre più morti: il triste record degli Stati Uniti
Solo ieri sono decedute 370 persone, e 18'000 sono risultate positive al coronavirus
STATI UNITI
16 ore
Ecco cosa fa ai polmoni il Covid-19
Le immagini virtuali pubblicate dall'ospedale universitario George Washington
BELGIO
19 ore
Coronavirus: gatto contagiato dal padrone
Gli scienziati: «Qui gli animali sono le vittime». È un caso raro, ma, se si è infetti, bisogna proteggerli.
STATI UNITI
20 ore
Coronavirus: il Congresso approva il piano da 2mila miliardi
Già arrivata anche la firma di Trump. La misura, però, si farà sentire sui conti pubblici.
CITTÀ DEL VATICANO
20 ore
Papa Francesco alla piazza vuota: «Non lasciarci nella tempesta»
In un discorso tenuto in un'atmosfera surreale, Bergoglio ha parlato del coronavirus e dato la benedizione Urbi et Orbi.
PAVIA
21 ore
Esiste un paese senza contagi
È Ferrera Erbognone. Ora il caso verrà approfondito, a livello scientifico. Abitanti chiamati a fare l'esame del sangue
MILANO
21 ore
Salta definitivamente il Salone del Mobile
"Si tratta di una decisione dolorosissima, prima di tutto per il contesto drammatico in cui avviene"
ITALIA
22 ore
Lieve calo di contagi e ricoveri in Lombardia
37.298 contagiati, la crescita è di 2.409 in un giorno. Ieri era stata di 2.543
SVIZZERA
01.04.2015 - 02:010
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Allarmante aumento delle condanne a morte

Il rapporto di Amnestey International

LUGANO - Nel 2014 gli Stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna. Si è registrato un importante aumento delle condanne a morte, almeno 2466 (il 28 per cento in più rispetto al 2013), soprattutto a causa di Egitto e Nigeria. Le esecuzioni registrate sono state 607, il 22 per cento in meno del 2013 (con l’esclusione della Cina, che da sola esegue più condanne a morte che il resto del mondo). Le esecuzioni hanno avuto luogo in 22 paesi, lo stesso numero del 2013. Nel suo rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo, Amnesty International ha riscontrato nel 2014 un allarmante aumento del numero dei paesi che hanno usato la pena di morte per contrastare reali o presunte minacce alla sicurezza collegate al terrorismo, alla criminalità o all’instabilità interna. Il numero delle condanne a morte registrate nel 2014 supera di quasi 500 quello del 2013, soprattutto a causa di Egitto e Nigeria, che hanno emesso condanne di massa nel contesto del conflitto interno e dell’instabilità politica che hanno caratterizzato i due paesi.

Nell’analisi sull’uso della pena di morte nel 2014, si trovano però anche buone notizie: il numero delle esecuzioni registrate è stato inferiore a quello del 2013 e diversi paesi hanno intrapreso passi avanti verso l’abolizione della pena capitale. Ancora una volta, la Cina ha messo a morte più persone che il resto del mondo complessivamente considerato. Amnesty International ritiene che in quel paese ogni anno siano emesse ed eseguite migliaia di condanne a morte, il cui numero è però impossibile da determinare a causa del segreto di stato. Della lista dei cinque paesi principali esecutori di condanne a morte, fanno poi parte l’Iran (289 esecuzioni rese note dalle autorità e almeno 454 non riconosciute), l’Arabia Saudita (almeno 90 esecuzioni), l’Iraq (almeno 61) e gli Stati Uniti d’America (35). Escludendo la Cina, nel 2014 sono state registrate almeno 607 esecuzioni. Rispetto alle 778 del 2013, il calo è risultato di oltre il 20 per cento.

Come nel 2013, le esecuzioni hanno avuto luogo in 22 paesi. Nel 1995, 20 anni fa, i paesi che avevano eseguito condanne a morte erano stati 41, a conferma della chiara tendenza globale abolizionista.Decapitazione, impiccagione, iniezione letale e fucilazione sono stati i metodi d’esecuzione impiegati nel 2014. Esecuzioni pubbliche hanno avuto luogo in Arabia Saudita e Iran. Prigionieri sono stati messi a morte per tutta una serie di reati non di sangue, come quelli economici o quelli legati alla droga e le rapine, ma anche per atti che non dovrebbero essere neanche considerati reati, come “adulterio”, “blasfemia” e “stregoneria”. In molti paesi sono state usate vaghe definizioni di “reati” politici per mettere a morte reali o presunti dissidenti.

Panoramiche regionali

Americhe

GliStati Uniti d’America hanno continuato a essere l’unico paese della regione a eseguire condanne a morte, anche se il numero è diminuito: da 39 esecuzioni nel 2013 a 35 nel 2014, a conferma del recente declino della pena di morte a livello nazionale. Le esecuzioni hanno avuto luogo in sette stati (erano stati nove nel 2013) e quattro di questi (Texas, Missouri, Florida e Oklahoma) sono stati responsabili dell’89 per cento delle esecuzioni. A febbraio lo stato di Washington ha introdotto una moratoria. Il numero totale delle condanne a morte è sceso da 95 nel 2013 a 77 nel 2014.

Asia e Pacifico

Nel 2014 vi sono stati sviluppi contrastanti in tema di pena capitale. Esecuzioni sono state registrate in nove paesi, uno in meno rispetto al 2013, ma il Pakistan ha annullato la moratoria sulle esecuzioni di prigionieri civili. In tutta la regione, se si escludono Cina e Corea del Nord i cui dati è impossibile confermare, sono state eseguite 22 condanne a morte. L’Indonesia ha annunciato per il 2015 la ripresa delle esecuzioni, soprattutto nei confronti di trafficanti di droga. L’area del Pacifico ha proseguito a essere l’unica zona del mondo virtualmente libera dalla pena di morte, sebbene i governi di Papua Nuova Guinea e di Kiribati abbiano preso provvedimenti per, rispettivamente, riprendere le esecuzioni o introdurre la pena di morte.

Africa Subsahariana

In questa regione si è assistito nel 2014 a significativi progressi, con 46 esecuzioni registrate in tre paesi (Guinea Equatoriale, Somalia e Sudan) rispetto alle 64 esecuzioni registrate in cinque paesi nel 2013, una diminuzione del 28 per cento. Il Madagascar ha fatto un passo avanti quando, il 10 dicembre, l’Assemblea nazionale ha approvato una legge per l’abolizione della pena di morte. Perché diventi legge dello stato il testo dev’essere ora firmato dal presidente.

Europa e Asia Centrale

In Bielorussia, unico paese della regione a eseguire condanne a morte, almeno tre esecuzioni hanno posto fine a un periodo di assenza di esecuzioni durato 24 mesi. Le esecuzioni sono avvenute in segreto e familiari e avvocati sono stati informati solo dopo.

Medio Oriente e Africa del Nord

Il massiccio uso della pena di morte ha continuato a essere estremamente preoccupante. Iran, Iraq e Arabia Saudita sono stati responsabili del 90 per cento delle esecuzioni registrate nella regione e del 72 per cento delle esecuzioni a livello globale (Cina esclusa). Esecuzioni sono state registrate in otto paesi, due in più rispetto al 2013. Condanne a morte sono state inflitte in 16 paesi, l’ampia maggioranza della regione. Il numero complessivo delle esecuzioni registrate nella regione è calato da 638 nel 2013 a 491 nel 2014. Questo numero non comprende le centinaia di esecuzioni avvenute in Iran e che non sono state ufficialmente riconosciute. Nel 2014, le autorità iraniane hanno riconosciuto 289 esecuzioni ma fonti credibili ne hanno segnalate altre 454, portando il totale a 743.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 16:21:59 | 91.208.130.86