Ti-Press / Samuel Golay
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Caso Cucchi, due carabinieri: «Non sapevamo del pestaggio, anche noi vittime»
Si sono costituiti parte civile due dei militi a processo per il depistaggio delle indagini: «Abbiamo solo obbedito agli ordini»
TURCHIA
1 ora
Autopsia su Le Mesurier: fondatore dei Caschi bianchi morto per trauma da caduta
Dall'esame non sarebbero emerse tracce di dna estraneo
CINA
2 ore
Xi sostiene Lam: «È molto coraggiosa»
Il presidente cinese ha ricevuto a Pechino la governatrice di Hong Kong: «Il 2019 è stato l'anno più impegnativo e complicato per la Regione amministrativa speciale»
INDIA
3 ore
Più di 100 feriti nelle proteste a Delhi
Scontri tra manifestanti e polizia, che è ricorsa a manganelli e lacrimogeni
REGNO UNITO
4 ore
Colpo grosso in casa Ecclestone: bottino da 50 milioni
L'esclusiva villa londinese della figlia dello storico patron di Formula 1 è stata svaligiata lo scorso venerdì da tre topi d'appartamento. «Sono scioccata»
SCOZIA
5 ore
Battuta all'asta la bottiglia di whisky più grande del mondo
Alta circa un metro e mezzo, è stata venduta online per 15'000 sterline
COREA DEL NORD
5 ore
Usa alla Corea del Nord: «Escludiamo scadenze negoziali»
Gli Stati Uniti hanno offerto «molti modi creativi» per procedere verso accordi equilibrati, ha dichiarato l'inviato speciale Stephen Biegun
STATI UNITI
6 ore
Impeachment, Bolton e Mulvaney a rapporto
«I democratici in Senato credono fermamente che il processo debba essere corretto, debba considerare tutti i fatti rilevanti ed esercitare il potere per l'impeachment del Senato»
STATI UNITI
7 ore
Dopo 43 anni il corpo di quella ragazza ha finalmente un nome
La giovane Judy Gifford era scomparsa nel 1976 all’età di 14 anni. Fu strangolata. Ora gli inquirenti cercano l’autore del delitto
REGNO UNITO
7 ore
La regina Elisabetta II potrebbe essere il tuo capo
La famiglia reale è in cerca di un nuovo responsabile dei social media. L'impiego a tempo pieno promette weekend liberi e pranzi gratuiti
REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO
16 ore
22 civili massacrati col machete dai ribelli islamisti
Lo riferiscono fonti sul posto secondo cui le vittime erano in gran parte contadini
STATI UNITI
17 ore
Impeachment: le audizioni non penalizzano Trump nei sondaggi
Più della metà degli elettori rimane comunque favorevole alla sua messa in stato d'accusa e boccia il suo operato
ITALIA
18 ore
Le valanghe fanno tre morti
Tre distinti incidenti hanno avuto esito letale sulle Alpi italiane: in Sudtirolo, Valle d'Aosta e Piemonte
MONDO
04.09.2014 - 17:150
Aggiornamento : 25.11.2014 - 05:50

95’000 giovani morti per aggressione. Abusi a una ragazza su dieci

L'Unicef ha redatto un rapporto sulla base dei dati rilevati in 190 paesi

ZURIGO – Molti bambini e adolescenti nel mondo giustificano la violenza, la accettano tacitamente nella loro vita quotidiana. Abusi fisici, sessuali e psichici, perpetrata da familiari, vicini, amici e compagni di scuola, di cui l’Unicef ha redatto un rapporto attraverso i dati rilevati in 190 paesi, Hidden in Plain Sight.

I minori esposti regolarmente alla violenza hanno spesso problemi di apprendimento, tendono a non avere fiducia in sé stessi e soffrono sovente di depressione. Come se non bastasse, le strategie apprese in queste situazioni conflittuali verranno poi adottate anche con il proprio partner e i propri figli.

«Si tratta di verità scomode che nessun governo, nessun genitore ama sentirsi dire», afferma Anthony Lake, direttore generale. «Ma se ci rifiutiamo di vedere i fatti nudi e crudi dietro le statistiche, non riusciremo mai a cambiare questo stato di cose e la violenza nei confronti dell’infanzia continuerà a essere normale e ammessa.»

«La violenza nei confronti dei bambini pregiudica il loro sviluppo fisico, mentale e sociale», conferma Elsbeth Müller, Direttrice generale dell’Unicef Svizzera. «Si tratta di un problema onnipresente, alla luce del sole o nell’ombra, spesso tollerato. La protezione dell’infanzia è pertanto tra i compiti più importanti della nostra società e un diritto fondamentale che ogni paese aderente alla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia si è impegnato a garantire.»

Attacchi mortali a bambini e adolescentiNel 2012, nel mondo 95 000 minori di vent’anni sono stati uccisi, la maggior parte nei paesi in sviluppo e soglia. L’America latina e i Caraibi presentano la percentuale più alta di aggressioni letali. Segue l’Africa occidentale. I tre Stati con il tasso di assassinii più elevato sono El Salvador, Guatemala e Venezuela. Nel 2012, la maggior parte degli attacchi mortali a bambini è stata registrata in Nigeria (13 000) e in Brasile (11 000).

Educazione violenta Botte, urla e altre forme di abuso, come la reclusione, sono purtroppo il pane quotidiano di molti bambini nel mondo. L’analisi di dati di 58 Stati dimostra che il 17 per cento dei bambini è regolarmente vittima di punizioni corporali. In Egitto, Yemen e Ciad, la percentuale sale addirittura al 40 per cento.

Accettazione delle pene corporaliNel mondo, tre adulti su dieci sono dell’opinione che le punizioni corporali servano a disciplinare e a crescere bene un bambino. Nella maggior parte dei paesi, queste convinzioni appartengono soprattutto ad adulti senza istruzione e appartenenti a famiglie molto povere. Nello Yemen, per esempio, il 51 per cento delle madri condivide questa opinione.

Violenza tra bambini e adolescenti e nelle relazioniI confronti fisici tra adolescenti sono molto diffusi. In 25 paesi per i quali sono disponibili dati, ciò concerne il 13-15 per cento dei bambini e degli adolescenti. Nel mondo, uno scolaro su tre è regolarmente vittima di mobbing, spesso accompagnato da tormenti fisici. Le ragazze subiscono spesso violenze dal partner: quasi una su tre tra i 15 e i 19 anni (84 milioni) è vittima di abusi emotivi, fisici o sessuali da parte del partner o del marito.

Violenza sessualeCirca una ragazza su dieci è costretta o forzata almeno una volta nella vita ad avere un rapporto sessuale non consenziente. La violenza sessuale è esercitata nella stragrande maggioranza dei casi dal partner, dal marito o da amici. Pur essendo molto diffuso negli Stati poveri o nelle regioni di crisi, questo problema attanaglia anche i paesi industrializzati. Gli abusi esercitati tramite internet sono una forma moderna di violenza sessuale.

Inclinazione alla violenzaLa metà delle ragazze tra i 15 e i 19 anni (circa 126 milioni) è dell’opinione che il marito o il partner sia autorizzato a picchiare occasionalmente la donna. Nell’Africa meridionale e settentrionale, in Medio Oriente e in Asia meridionale, questa percentuale è ancora più elevata. Dati rilevati in trenta paesi attestano che sette ragazze su dieci che hanno subìto violenze sessuali non hanno mai chiesto aiuto. Molte di loro non credevano si trattasse di un abuso e non ne vedevano le conseguenze nefaste. 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 13:55:52 | 91.208.130.89