CORRISPONDENZE - UNGHERIA
13.04.2014 - 14:540
Aggiornamento : 22.11.2014 - 22:17

Una linea d'incanto

Dalla linea Millenio alla nuova M4. Un viaggio nella storia, alla scoperta della metropolitana di Budapest

BUDAPEST - Nonostante le critiche per le ingenti spese, la nuova linea metropolitana M4 ha sorpreso tutti grazie a un’architettura all’avanguardia.         

Pochi giorni fa è stata inaugurata a Budapest la quarta linea della metropolitana cittadina. Tra addetti ai lavori e curiosi, l’evento ha attirato una gran folla che ha potuto approfittare del classico giro di prova gratuito sui nuovi treni. La costruzione della nuova linea, costata oltre 20 miliardi di dollari, è durata dieci anni a causa di una serie di contrattempi che hanno sempre rimandato l’apertura ufficiale. Il progetto non è stato immune ad alcune critiche, soprattutto da parte degli oppositori del Governo. Nonostante tutto, il risultato finale è davvero straordinario e d’ora in poi la città potrà contare su una nuova attrazione che attirerà gente del posto e turisti. La stima di passeggeri giornaliera si aggira sulle 421'000 unità.
 
La nuova tratta verde collega da est a ovest la parte più meridionale delle due antiche città che compongono la moderna capitale ungherese: Pest e Buda. La M4, che si snoda in questa prima fase lungo dieci stazioni, oltre a facilitare gli spostamenti in città ha già avuto l’onore di ricevere un premio per la sua architettura futuristica e molto bella esteticamente. Per il 2017 è prevista l’apertura di due nuove tratte che completeranno la M4 verso est e verso ovest. Nelle foto che accompagnano l’articolo si possono notare i mosaici che decorano la fermata di Szent Gellert, a due passi dai famosi bagni termali, i corridoi che collegano la nuova linea 4 con la M3 a Kálvin tér e l’interno delle stazioni Keleti pályaudvar e Fõvám tér.

L’ultimo arrivo nei trasporti pubblici della città di Budapest chiude momentaneamente un ciclio iniziato nel lontano 1896 quando per festeggiare i primi mille anni dalla fondazione dello stato ungherese si aprì il primo tratto di metropolitana. La storica linea gialla - M1 o linea Millenio che dir si voglia - funziona ancora perfettamente tutt’oggi e nel 2002 è entrata ufficialmente nella lista dei patrimoni dell’UNESCO. Il primo treno sotterraneo cittadino non poteva che installarsi sotto la via di transito più famosa e frequentata di tutta Budapest, il viale Andrassy, attorniata da eleganti edifici di fine Novecento. La tratta originaria, situata nel lato di Pest, collega il parco municipale e la Piazza degli Eroi alla centralissima  Deák Ferenc tér. Scendendo le scalinate il viaggiatore viene scaraventato indietro nel tempo: le eleganti stazioni della linea Millenio si presentano come nel passato, con panchine e biglietteria in legno, e il nome della fermata dipinto su un mosaico di piastrelle.

Dalla linea del Millenio – la seconda più antica del mondo - alla premiata M4, dall’art deco del 1896 allo stile moderno di oggi, passando dalle più anonime ma non meno pratiche linee rosse e blu di progettazione russa degli anni ‘70. Il sistema metropolitano di Budapest ha scritto pochi giorni fa un nuovo capitolo nella storia della città. Sempre puliti e efficenti, i treni e le stazioni trasportano ogni anno più di 300 milioni di passeggeri. Nonostante le critiche ricevute, la nuova M4 e le altre linee sotterranee di Budapest sono senza dubbio un ottimo biglietto di visita per una città che già di per sé offre al turista un’infinità di attrazioni da lasciare a bocca aperta.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-20 11:22:25 | 91.208.130.86