MALESIA
11.03.2014 - 13:380
Aggiornamento : 22.11.2014 - 05:08

Aereo scomparso, "Si tratta di traffico di esseri umani"

L'Interpol fornisce una spiegazione alla presenza a bordo di due persone con falsi passaporti

KUALA LUMPUR  - "Si tratta di traffico di esseri umani". Questa la spiegazione fornita dal segretario generale Interpol Ronald K. Noble sulla presenza a bordo dell'aereo della Malaysia Airlines scomparso sabato scorso di due persone con falsi passaporti europei.

Entrambi i passeggeri che viaggiavano con passaporti rubati sul volo MH370 della Malaysia Airlines scomparso sabato scorso erano iraniani: lo ha reso noto la polizia malese, secondo quanto riporta la Bbc online.

Le autorità hanno identificato i due uomini, sottolineando di non aver trovato apparenti legami con gruppi terroristici. Si tratta di Pouria Nour Mohammad Mehrdad, 18 anni, il quale probabilmente stava emigrando in Germania e - secondo l'Interpol - del 29enne Delavar Seyed Mohammadreza.

Secondo l'ispettore capo della polizia malese, Khalid Abu Bakar, probabilmente Mehrdad non è un membro di un gruppo terroristico. Le autorità, ha aggiunto, sono in contatto con sua madre in Germania, che aspettava suo figlio a Francoforte.

Secondo alcuni esperti, riporta la Bbc online, la presenza a bordo di un aereo di due persone con passaporti rubati è relativamente comune in una regione considerata uno dei grandi punti di snodo della migrazione illegale.

 

ats

 

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:40:24 | 91.208.130.89