AFP
I resti di un pesce, su un tratto della Loira asciutto a causa della siccità, luglio 2019.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
INDONESIA
54 min
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
9 ore
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
ITALIA
13 ore
Treni in tilt, Italia spezzata in due
La causa? Un problema al software che dovrebbe garantire la gestione ottimale della circolazione ferroviaria
STATI UNITI / RUSSIA
13 ore
«Putin pronto a invadere l'Ucraina con 175mila soldati»
Martedì è in programma il summit virtuale tra la Casa Bianca e il Cremlino
IRAN
13 ore
Esplosione a Isfahan, «non collegata all'impianto nucleare»
L'agenzia Fars spiega: è stato un missile sparato durante un test di difesa aerea
FRANCIA
15 ore
Un'altra donna che vuole il posto di Emmanuel Macron
Valérie Pécresse, per i Repubblicani, si è candidata oggi alla presidenza per le elezioni del 2022
GERMANIA
17 ore
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
ITALIA
17 ore
30enne ucciso a colpi d'arma da fuoco a Roma
Gli investigatori al momento non escludono nessuna ipotesi, è caccia al killer
FOTO
GERMANIA
18 ore
In Germania potrebbe esserci un accordo di governo
La conferma dalle consultazioni interne all'Spd che premia un'alleanza a tre con Fdp e Verdi
FOTO
INDONESIA
19 ore
Sull'isola di Giava è di nuovo eruttato il Semeru
Almeno un morto e 41 feriti sull'atollo, dopo la seconda riattivazione in un anno
ITALIA
20 ore
Chi erano i quattro della baby gang di Gallarate
Parteciparono alla maxi-rissa di gennaio ed erano noti per una lunga serie di furti, ora si trovano in comunità
SUDAFRICA
1 gior
Omicron alimenta i contagi in Sudafrica
Il Paese africano ha superato la soglia dei tre milioni di casi di Covid-19
MONDO
23.06.2021 - 16:300
Aggiornamento : 17:11

Allarme ONU sull'emergenza climatica: «È a rischio l'intera umanità»

I toni molto allarmanti di un nuovo rapporto riportano l'attenzione su una minaccia reale ma che ci eravamo dimenticati

Per riuscire a evitare le ripercussioni peggiori una soluzione c'è: «Dobbiamo ridefinire il nostro stile di vita e di consumo».

BRUXELLES - Il cambiamento climatico rimodellerà fondamentalmente la vita sulla Terra nei prossimi decenni, che saranno caratterizzati da carestie, siccità, ondate di calore, malnutrizione, malattie più diffuse ed estinzione delle specie.

È quanto è contenuto in una bozza realizzata dai consulenti scientifici del rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) dell'ONU, visionata dall'agenzia stampa AFP. Si tratta di un rapporto, di 4'000 pagine, su come il cambiamento climatico stia sconvolgendo il nostro mondo.

Pur riducendo le emissioni di gas serra, l'impatto del riscaldamento globale sulla natura e sull'umanità saranno ben visibili e tangibili prima del 2050, sostiene il rapporto. Inoltre, le sfide che ci verranno contro sono profondamente ingiuste: quelli meno responsabili del riscaldamento globale soffriranno «in modo sproporzionato».

L'umanità a rischio

Se la soglia fissata dall'accordo di Parigi - ovvero +1.5 gradi centigradi di aumento della temperatura - venisse superata, l'impatto sui sistemi umani sarà «irreversibile» secondo l'IPCC. L'analisi avverte che i precedenti grandi shock climatici hanno alterato drammaticamente l'ambiente e spazzato via la maggior parte delle specie, sollevando la questione se l'umanità stia seminando i semi della sua stessa fine.

«La vita sulla Terra può riprendersi da un drastico cambiamento climatico, evolvendo in nuove specie e creando nuovi ecosistemi», si legge, «gli esseri umani non possono».

Il mese scorso, lo ricordiamo, l'Organizzazione Meteorologica Mondiale ha proiettato un 40% di possibilità che la Terra superi la soglia di 1,5 gradi per almeno un anno entro il 2026.

Cambiare a tutti i livelli

Ci sono poche buone notizie nel rapporto, ma l'IPCC sottolinea che si può fare molto per evitare gli scenari peggiori e prepararsi alle conseguenze che non possono più essere evitate. Ad esempio, è fondamentale la conservazione e il ripristino dei cosiddetti ecosistemi di carbonio blu.

Ma il rapporto avverte che non è sufficiente sostituire un'auto a benzina con una Tesla o piantare miliardi di alberi per compensare quanto si continua a fare quotidianamente (business-as-usual).

«Abbiamo bisogno di un cambiamento trasformazionale che operi su processi e comportamenti a tutti i livelli: individuo, comunità, affari, istituzioni e governi», spiega il rapporto, «dobbiamo ridefinire il nostro stile di vita e di consumo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 5 mesi fa su tio
È la domanda che deve cambiare. Finché il consumatore vuole cose effimere non cambierà nulla. Quindi siamo spacciati.
Don Quijote 5 mesi fa su tio
IPCC, un nome una garanzia, quante paturnie e quanta volontà di pilotare i consumi delle persone che non capiscono un tubo di cambiamenti climatici. La gente muore di fame e di malattie causate soprattutto dai veleni quali pesticidi, rifiuti sparsi ovunque e dai processi industriali che con la eco-mania peggiora inesorabilmente il consumo (sostituzione precoce del vecchio con il nuovo). Non siete in grado di ridurre gli inquinanti ambientali e pretendete di controllare un cambiamento climatico… non dico altro al pianeta dei boccaloni!
Princi 5 mesi fa su tio
tutto ha un inizio e tutto ha una fine !!!
seo56 5 mesi fa su tio
Ma non diciamo baggianate!! …. Ecoisterici 😡😡
IaM 5 mesi fa su tio
@seo56 È così caro Seo. Quando vuoi ci troviamo e ti spiego, ti chiarisco tutte le ragioni perché è così. Io non sono ecologista, non sono pagato da nessuno epr dire certe cose...0 interessi epr capirci. Sono solo una persona che vive e osserva la natura da sempre. L immagine del Titanic citata del lettore qui sotto è azzeccata. Tutti festeggiano e vivono normalmente (plastica, TV, telefonini, auto, deforestazioni infinite, oceani fiumi ammalati, pesticidi, benzina ecc...) senza capire e accorgersi che tra poco si va a fondo.
IaM 5 mesi fa su tio
@seo56 È così caro seo. Sul pianeta, per milioni di anni fino a poco fa, sono vissute meno di mezzo mia di persone. Poi in un attimo, in 100 anni siamo cresciuti fino a 7mia. E tra pochi anni saremo 9-10. Il pianeta è saturo. Le risorse non abbastanza. Ma il peggio è che l equilibrio è rotto, si sta rompendo in maniera insanabile. È la fine. (Non sono ecologista e non sono pagato per dire ciò.)
Trionfx 5 mesi fa su tio
.. Se si va avanti così il Covid 19 sarà la cosa più bella successa negli ultimi anni.. Auguri..
Trionfx 5 mesi fa su tio
E allora svegliatevi!!!
rexlex 5 mesi fa su tio
la vedo dura ridefinire i nostri stili di vita...
giuvanin 5 mesi fa su tio
E noi stiamo a litigare per qualche centesimo di aumento del prezzo del litro di benzina: come l'orchestra da ballo sul Titanic.
red_monster 5 mesi fa su tio
@giuvanin Pagal ti asan
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 09:47:04 | 91.208.130.85