keystone-sda.ch (Kim Ludbrook)
In Africa c'è urgente bisogno di 20 milioni di dosi di vaccino Covid-19.
REPUBBLICA DEL CONGO
27.05.2021 - 23:000

«L'Africa ha urgente bisogno di almeno 20 milioni di seconde dosi»

L'allarme dell'Organizzazione mondiale della sanità: «Il tempo stringe»

BRAZZAVILLE - L'Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato l'allarme per il buon esito della campagna vaccinale in Africa. Il continente «ha bisogno di almeno 20 milioni di dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca nelle prossime sei settimane», per fare in modo che chi ha ricevuto la prima dose possa ottenere la seconda «entro l'intervallo di 8-12 settimane raccomandato dall'Oms.

Due vaccinati ogni 100 abitanti - Questa è la necessità più urgente, ma non l'unica: «Sono necessarie altri 200 milioni di dosi di qualsiasi vaccino Covid-19 elencato per l'uso di emergenza dall'Oms in modo che il continente possa vaccinare il 10% della sua popolazione entro settembre». Allo stato attuale, in Africa sono state somministrate 28 milioni di dosi dei vari vaccini in circolazione. Un'inezia, rispetto agli 1,5 miliardi di dosi iniettate a livello globale. Il rapporto tra dosi e abitanti è sconfortante: sono meno di due per ogni 100 persone che vivono nel continente africano.

«Man mano che le scorte si esauriscono, la condivisione della dose è una soluzione urgente, critica e a breve termine per garantire che gli africani a maggior rischio ottengano la protezione tanto necessaria», ha affermato il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa. «L'Africa ha bisogno di vaccini adesso. Qualsiasi pausa nelle nostre campagne di vaccinazione porterà a vite e speranze perse».

«Il tempo stringe» - «È troppo presto per dire se l'Africa è all'apice di una terza ondata» osserva Moeti. «Tuttavia, sappiamo che i casi sono in aumento e il tempo stringe, quindi chiediamo urgentemente ai paesi che hanno vaccinato i loro gruppi ad alto rischio di accelerare la condivisione delle dosi per proteggere completamente le persone più vulnerabili».

La donazione di dosi - La Francia è la prima nazione che ha condiviso un quantitativo di vaccini destinati all'uso interno: oltre 31mila dosi sono state donate alla Mauritania e poco meno di 75mila sono in imminente consegna. Parigi si è inoltre impegnata a condividere mezzo milione di dosi con sei paesi africani nelle prossime settimane. L'Unione europea e i suoi Stati membri si sono impegnati a oltre 100 milioni di dosi per i paesi a basso reddito entro la fine del 2021. Altri 80 milioni sono stati promessi dagli Usa. 

L'Oms chiede poi di applicare la solidarietà all'interno del continente. «I paesi africani che non sono in grado di utilizzare tutti i loro vaccini li condividono in tutto il continente. Sebbene ciò prevenga lo spreco di vaccino, la ridistribuzione delle dosi è costosa e i paesi devono distribuire tutte le dosi disponibili il prima possibile. L'Oms sta lavorando a stretto contatto con i paesi per migliorare l'implementazione del vaccino ottimizzando le strategie di consegna e aumentando l'assorbimento» delle forniture.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 04:58:33 | 91.208.130.89