Getty
STATI UNITI
18.05.2021 - 20:480

Vaccini, uno studio sulle persone con problemi immunitari

Dati non ancora analizzati sembrerebbero ipotizzare che i vaccini siano meno efficaci negli immuno-compromessi

NEW YORK - Milioni di persone con un sistema immunitario compromesso a causa di diverse tipologie di malattie rischiano di essere poco protette dai vaccini contro il Covid-19 e per questo l'Istituto Nazionale della Salute (NiH) degli Stati Uniti ha fatto partire un studio al quale parteciperanno individui con malattie autoimmuni al fine di verificare gli effetti dei vaccini Pfizer e Moderna.

I dati al riguardo hanno iniziato ad emergere alla spicciolata negli ultimi mesi, senza un'analisi complessiva della situazione, ma secondo i Centri per il Controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), tra il 15-80% dei malati immuno-compromessi genera un numero insufficiente di anticorpi contro il virus Sars-Cov2 dopo aver ricevuto il vaccino. In particolare, a rischio sarebbero le persone che hanno avuto o hanno in corso un tumore del sangue ed i malati che hanno subito un trapianto di organo.

Una risposta più debole del normale al vaccino anti-Covid, sembrano averla anche i malati di Aids, di artrite reumatoide e di altre patologie che ne hanno indebolito il sistema immunitario.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 19:09:05 | 91.208.130.89