Immobili
Veicoli

FINLANDIAPassi avanti per il vaccino che va assunto "per via nasale"

12.03.21 - 06:30
Tuttavia, il finanziamento del progetto risulta essere un problema
IMAGO / XINHUA
Passi avanti per il vaccino che va assunto "per via nasale"
Tuttavia, il finanziamento del progetto risulta essere un problema
Senza una solida base finanziaria, il team di ricercatori non può iniziare i test clinici

HELSINKI - Procede con qualche intoppo, in Finlandia, lo sviluppo del vaccino contro il coronavirus che va somministrato per via nasale.

Lo hanno dichiarato alla radiotelevisione finlandese Yle i tre professori dietro al progetto del "vaccino nasale", Seppo Ylä-Herttuala, Kalle Saksela e Kari Alitalo, che l'anno scorso hanno fondato la ditta Rokote Laboratories, che mira a finalizzare lo sviluppo di questo siero contro il Covid-19.

La decisione di realizzare un vaccino somministrato per via nasale è nata studiando il modo in cui il coronavirus viene trasmesso: attraverso il sistema respiratorio. Infatti, secondo il professore dell'Università della Finlandia orientale Seppo Ylä-Herttuala, «i vaccini nasali producono anche una risposta che protegge le mucose, e noi supponiamo che questo possa impedire a coloro che hanno ricevuto il vaccino di trasmettere ulteriormente il virus».

Gli studiosi sono arrivati al punto degli studi clinici, ma la situazione è tutt'altro che rosea, e il progetto potrebbe non decollare proprio nella sua fase finale.

Servono finanziamenti 

Per procedere con gli sforzi, sono necessarie decine di milioni di euro di finanziamento. Il progetto ha bisogno di circa otto milioni di euro per preparare le domande di autorizzazione e per completare i primi studi clinici. In seguito servirebbero altri 50-60 milioni di euro per l'ultimo test clinico, che coinvolgerebbe decine di migliaia di persone.

Il tempo è fondamentale, come ribadisce Saksela, poiché gli studi clinici richiedono un ambiente in cui le persone sono esposte al virus, e con l'avanzare delle vaccinazioni, questa finestra si sta pian piano chiudendo sempre di più.

Inoltre, il fatto che sia una soluzione open-source (disponibile a tutti, non brevettata), ha ridotto l'interesse di molti investitori, in quanto è più difficile generare profitti, sempre secondo Saksela.

La risposta, però, potrebbe arrivare dal Governo. Mercoledì, il ministro finlandese dell'economia Mika Lintilä (Cen) ha dichiarato che potrebbe essere possibile finanziare il progetto. Anche se non c'è ancora nulla di concreto, Lintilä ha promesso di sollevare la questione all'interno del gabinetto.

«Più vaccini sono necessari»

Sebbene diversi vaccini contro il coronavirus siano già stati sviluppati e distribuiti in tutto il mondo, Ylä-Herttuala è convinto che ne servano ancora di nuovi in futuro. Principalmente a causa dell'espandersi di nuove varianti. 

«Le persone a rischio avranno bisogno di nuovi vaccini contro le nuove varianti nei prossimi anni. I vaccini attualmente in uso forniscono una protezione chiaramente inferiore contro la variante sudafricana, ad esempio, che sarà probabilmente il virus dominante nella prossima ondata» ha aggiunto Saksela.

«Il nostro vaccino tiene già conto delle varianti più importanti, cioè quella sudafricana, quella brasiliana e quella britannica. Ci sarà sicuramente una domanda per questo tipo di vaccino», ha concluso il professore.

COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
Speriamo che non sia come quello per la polio per via orale
gmogi 1 anno fa su tio
L’idea mi piace, se avessi i soldi lo finanzierei io
NOTIZIE PIÙ LETTE