Keystone
ITALIA
03.06.2020 - 07:260
Aggiornamento : 09:29

Via i confini regionali, l'Italia riparte e «rassicura il mondo»

I contagi però sono tornati a salire. In un giorno sono quasi raddoppiati.

ROMA - Dalla scorsa mezzanotte - oltre alle frontiere - sono riaperti i confini regionali in Italia e dopo circa tre mesi e 33'500 morti per coronavirus gli italiani sono completamente liberi di muoversi nel paese.

Il virus, però, non è sconfitto: a fronte di "soli" 55 morti, infatti, si registra quasi un raddoppio dei contagi, da 178 a 318 casi in un solo giorno. Sei su dieci in Lombardia, seguita da Piemonte e Liguria. Otto le regioni senza nuovi malati.

«Ce l'abbiamo fatta col sacrificio di tutti», afferma il ministro per gli affari istituzionali Francesco Boccia. «Ora è il momento della protezione dell'economia e del lavoro».

«Rassicurazione al mondo intero» - «Quella di oggi è una data molto significativa, da oggi infatti gli italiani potranno muoversi liberamente in tutto il Paese, tra tutte le regioni. Questo è anche un messaggio importante, di rassicurazione, che diamo come Italia al mondo intero». Lo scrive su Facebook il ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio.

«Un Paese che riparte e si appresta a tornare alla normalità. L'apertura totale del Paese ci permette di mostrare agli Stati esteri un'Italia unita e compatta, all'interno della quale è possibile muoversi liberamente».

«Da oggi inizio una serie di incontri con i ministri degli Esteri di Paesi Ue. Nel pomeriggio a Roma arriverà il ministro francese, Le Drian. Venerdì sarò in Germania, sabato in Slovenia e martedì in Grecia. L'obiettivo è mostrare a tutti che l'Italia è pronta ad accogliere turisti stranieri, in sicurezza e con la massima trasparenza dei dati».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 16:35:15 | 91.208.130.87