keystone-sda.ch (PA Video/Downing Street Pool)
REGNO UNITO
10.05.2020 - 20:360

Boris Johnson parla alla nazione: «Il lockdown rimane in vigore»

Le scuole rimangono chiuse almeno fino al primo giugno

LONDRA - Nel presentare le tappe di una graduale Fase 2, il premier Tory mantiene in sostanza in vigore anche in Inghilterra il lockdown (come già deciso da Scozia e Galles), ma alleggerisce con la più generica raccomandazione a stare in allerta quella che finora indicava di «stare in casa», mantenuta invece dai governi locali scozzese, gallese e nordirlandese.

Johnson ha formalizzato l'introduzione di un nuovo codice di allerta su 5 livelli che dovrà fare da bussola «su quanto duro dovrà essere il distanziamento sociale» nelle prossime settimane e mesi. Un meccanismo basato su un coefficiente legato all'indice R, sul tasso d'infezione, e sul numero dei contagi, ha spiegato.

Piccolo alleggerimento delle restrizioni del lockdown anche per lo svago nel Regno Unito a partire da mercoledì. Non vi saranno più limitazioni all'esercizio fisico individuale all'aperto, si potrà prendere il sole nei parchi, guidare la macchina verso altre destinazioni cittadine, e fare sport di gruppo, ma solo con membri della stessa famiglia. Sempre «nel rispetto del distanziamento» e con controlli e multe più pesanti «per i pochi che violano le regole».

Quanto alle tappe successive della road map verso la Fase 2, il premier Tory ha detto che saranno condizionate dal decremento di contagi da coronavirus. Una possibile «riapertura graduale dei negozi» e delle scuole, a partire dalle elementari, non avverrà prima di giugno. E, non prima di luglio, sarà una possibile «riapertura di alcune strutture dell'industria dell'ospitalità, a patto che siano sicure e garantiscano il distanziamento sociale».

Il Regno Unito cambia poi da domani indicazioni sul lavoro, in particolare nell'edilizia e nell'industria manifatturiera, ha detto Johnson precisando che la raccomandazione non sarà più di andare al lavoro solo se si deve e «lavorare da casa se si può». Coloro che non possono lavorare da casa sono invece ora «incoraggiati» ad andare al lavoro, seppure evitando il trasporto pubblico, cercando di andare in bici o a piedi e con linee guida a per le aziende su sicurezza e distanziamento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
spike3.0 1 anno fa su tio
Meglio tardi che mai...genius
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 12:29:57 | 91.208.130.86