keystone-sda.ch (Marco Ottico)
ITALIA
29.03.2020 - 18:350

I contagi italiani aumentano più lievemente, nel frattempo scintille tra Governo e Regioni

L'assessore lombardo Caparini ha lanciato pesanti critiche al Governo

MILANO - Sono 10'779 i morti dovuti al coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 756. Sabato l'aumento era stato di 889. Si nota quindi un leggero calo del trend.

Per quanto riguarda i malati, sono complessivamente 73'880, con un incremento rispetto a ieri di 3'815. Sabato l'incremento era stato di 3'651. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 97'689. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile.

Negli ultimi 3 giorni in Italia si è verificato un calo sia del numero delle vittime sia dei ricoveri in terapia intensiva, «grandi cambiamenti nell'ordine del 10-15%" che dipendono dalle "misure messe in atto" e da un "sistema sanitario che sta rispondendo"». Lo ha detto il pneumologo e membro del Comitato tecnico scientifico Luca Richeldi in conferenza stampa. «Non dobbiamo fermarci ai numeri, ma sono dati che devono far riflettere e ci incoraggiano nel messaggio che con i nostri comportamenti salviamo delle vite».

La situazione in Lombardia - In Lombardia sono invece più di 41 mila, esattamente 41'007, i contagiati dal Covid-19, con un aumento rispetto a ieri di 1'592. Leggermente inferiore agli ultimi due giorni il numero dei decessi (416) che in totale sono arrivati a 6'360.

I ricoverati non in terapia intensiva sono 11'613, con un aumento di 461 (ieri erano stati 15) mentre quelli in terapia intensiva salgono a 1'328, solo nove in più rispetto a ieri. Sono in tutto 107'398 i tamponi fatti e sono 9'255 i dimessi. A fornire i dati è stato in diretta Facebook l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Polemica e critiche - Il governo italiano è «incapace di gestire l'ordinarietà, figuriamoci l'emergenza». Così l'assessore lombardo al bilancio Davide Caparini ha replicato al Ministro Francesco Boccia sulla gestione da parte delle regioni della crisi coronavirus.

«Quando Boccia afferma che nessuna regione ce l'avrebbe fatta da sola dice un'eresia. Se contiamo i nostri morti è anche a causa di un Governo che non ha fatto le zone rosse quando e dove gliele abbiamo chieste. Lo abbiamo chiesto con il supporto della scienza: abbiamo implorato di fare lo shutdown, che è arrivato dopo 2 settimane».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 03:26:25 | 91.208.130.87