keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Lo stabilimento di Brega (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
RUSSIA
2 ore
Una "Batmobile" fermata sulle strade di Mosca
La vettura customizzata è stata confiscata nel centro cittadino
ITALIA
2 ore
«Oggi aiutiamo i ticinesi a gestire i casi di coronavirus»
A Milano la vita cerca di tornare alla normalità, riaprirà il Duomo. Parla l'assessore al Welfare di Regione Lombardia
ITALIA
4 ore
Tre tonnellate di cocaina su una nave: valgono 400 milioni di euro
Il sequestro è per quantità il secondo più ingente avvenuto in Italia
GERMANIA
4 ore
Zalando va alla grande e si lancia nell'usato
Dal terzo semestre del 2020 i clienti potranno anche vendere i propri articoli di usato sulla piattaforma online
MONDO
6 ore
Perdita milionaria per i produttori della birra Corona
Anheuser-Busch InBev paga il crollo della domanda cinese.
KENYA
6 ore
Nairobi, possibile attacco in un hotel
L'allarme è stato lanciato dall'ambasciata americana
SPAGNA
7 ore
Aereo dell'aviazione militare precipita in mare
Sono in corso le ricerche del pilota.
RUSSIA
7 ore
Putin non ha un esercito di sosia a disposizione
Il presidente russo non ha mai voluto avere una controfigura per motivi di sicurezza
ITALIA / STATI UNITI
8 ore
La reazione Usa al coronavirus. Italia, i morti sono 17
L’epidemia potrebbe mettere in evidenza alcune falle. L’esperto Pastori: «Da trattare come emergenza nazionale»
SPAGNA
9 ore
Un giornalista sportivo di Valencia ha il coronavirus
L'uomo è stato a Milano per coprire l'incontro di Champions League tra Atalanta e Valencia
FRANCIA
9 ore
Morto in carcere il presunto attentatore di Bayonne
La causa del decesso sarà chiara solo dopo l'autopsia.
GIAPPONE / COREA DEL NORD
11 ore
Tokyo: una donna si è ammalata due volte
Le autorità sanitarie di Osaka hanno comunicato che è il primo caso di questo genere
LIBIA
18.01.2020 - 15:110

La compagnia petrolifera libica blocca i terminal: «Conseguenze devastanti»

Fermate le esportazioni di petrolio da almeno cinque porti. L'Onu mette in guardia sulle conseguenze per i libici e non solo

di Redazione
Ats

TRIPOLI - Dichiarando lo stato di forza maggiore, la Compagnia petrolifera nazionale libica (Noc) ha annunciato la chiusura dei terminal petroliferi del golfo della Sirte.

Lo riporta un post sulla pagina Facebook della Noc precisando che il Comando generale di Khalifa Haftar e le Guardie degli impianti petroliferi hanno dato istruzioni per «fermare le esportazioni di petrolio» da cinque porti tra cui Sidra e Ras Lanuf.

«Noc dichiara la forza maggiore dopo i blocchi Lna» il sedicente Esercito nazionale libico di cui Khalifa Haftar è comandante generale, «delle esportazioni di petrolio dai porti di Brega, Ras Lanuf, Hariga, Zueitina e Sidra», sottolinea il post riferendosi fra l'altro, nel caso di Sidra e Raf Lanuf, ai due maggiori terminal petroliferi libici.

«Il comando generale Lna e le Guardie degli impianti petroliferi delle regioni centrale e orientale hanno dato istruzioni alla dirigenza della Sirte Oil Company, Harouge Oil Operations, Waha Oil Company, Zueitina Oil Company e Arab Gulf Oil Company (AGOCO), controllate della National oil corporation», la stessa Noc, «di fermare le esportazioni di petrolio dai porti di Brega, Ras Lanuf, Hariga, Zueitina e Sidra», precisa il comunicato.

«Ciò risulterà in una perdita di produzione di greggio di 800 mila barili al giorno e perdite finanziarie di circa 55 milioni di dollari al giorno», stima la Noc.

«Le istruzioni sul blocco sono state date dal generale maggiore Nagi al-Moghrabi, Comandante delle Pfg», le «Petroleum Facilities Guard (Guardie degli impianti petroliferi) nominato dallo Lna, e dal colonnello Ali al-Jilani della Sala operazioni Grande Sirte dello Lna».

La produzione di petrolio potrebbe ridursi di «almeno 700mila barili al giorno» per un valore di «oltre 47 milioni di dollari» quotidianamente, scrive l'emittente Libya al-Ahrar sul proprio sito.

I due comandanti haftariani che avrebbero «ordinato ai dipendenti dei terminal petroliferi di sospendere le esportazioni» sono Naji Al-Maghrabi, capo delle Guardie degli impianti petroliferi (Pfg), e un non meglio precisato «comandante della sala operazioni della Sirte».

Fedeli di Haftar ieri avevano chiuso il terminal di Zueitina, nell'est del golfo della Sirte e «hanno minacciato di bloccare le esportazioni di tutti i terminal petroliferi nel Paese», ricorda il sito.

L'Onu: «Conseguenze devastanti in caso di blocco del petrolio» - La missione Onu in Libia aveva già espresso in mattinata «profonda preoccupazione per gli attuali sforzi per interrompere o compromettere la produzione di petrolio» nel Paese.

«Questa mossa avrebbe conseguenze devastanti prima di tutto per il popolo libico che dipende dal libero flusso di petrolio - si legge in un comunicato dell'Unsmil - e avrebbe effetti terribili per la situazione economica e finanziaria già deteriorata del Paese». L'Unsmil reitera «l'importanza di preservare l'integrità e la neutralità della National Oil Corporation».

Di fronte agli appelli e alle minacce di fazioni vicine al generale Khalifa Haftar, che comanda l'est della Libia compresa l'importante 'mezzaluna petrolifera', di bloccare i porti e gli impianti di petrolio della Cirenaica, l'Unsmil - alla vigilia della Conferenza di Berlino - «esorta tutti i libici a esercitare la massima moderazione, mentre i negoziati internazionali continuano a mediare la fine della lunga crisi della Libia, inclusa la raccomandazione di misure per garantire la trasparenza nella distribuzione delle risorse».
 
 

Commenti
 
bobà 1 mese fa su tio
altra scusa per le compagnie petrolifere per aumentare il prezzo della benza
MrBlack 1 mese fa su tio
Beh chi ha deciso di eliminare il regime precedente se ne prenda le responsabilità e ora vada a mettere a posto i casini che ha creato...costi quel che costi...
Bayron 1 mese fa su tio
Devastanti per i libici? .... problemi loro
Bayron 1 mese fa su tio
Era ora!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:05:19 | 91.208.130.85