Keystone
Svenja Schulze, ministra dell'Ambiente
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA/CANADA
59 min
Pare proprio che Alstom si comprerà Bombardier
Creando un vero e proprio colosso del trasporto ferroviario, la cifra dell'acquisizione si aggira attorno ai 6 miliardi di euro
CINA
1 ora
È morto di coronavirus il direttore dell'ospedale di Wuhan
Liu Zhiming dirigeva il Wuchang Hospital, è il primo responsabile sanitario a perdere la vita per la malattia
ITALIA
1 ora
Ordigno della seconda guerra mondiale rinvenuto poco fuori Milano
La bomba è stata scoperta nel Seveso vicino a Paderno Dugnano causando un gran caos, anche per i pendolari
BULGARIA
2 ore
Un'epidemia di aviaria fra le anatre preoccupa la Bulgaria
Il virus è stato rilevato in un allevamento non lontano dalla capitale, le autorità: «Tutto è sotto controllo»
HONG KONG
2 ore
«Serviamo solo i clienti che parlano in cantonese»
Lo staff della catena Kwong Wing Catering «non parla il mandarino». Un escamotage per tenere lontani i clienti cinesi? La decisione fa discutere
STATI UNITI
3 ore
Facebook: «Le nuove norme sui social siano chiare e condivise»
Nel giorno in cui Mark Zuckerberg è a Bruxelles, la piattaforma pubblica il suo libro bianco sui contenuti dannosi
RUSSIA
3 ore
Turisti pazzi per la Russia: nel 2019 è boom di visite
L'aumento dell'afflusso è addirittura superiore al 20%, particolarmente affezionati sono i cittadini cinesi
GERMANIA
3 ore
Gli ascensori di Thyssenkrupp fanno gola
Due gruppi di società d'investimento puntano ad aggiudicarsi il comparto del colosso tedesco. Il prezzo delle azioni potrebbe salire del 20%
SIRIA
3 ore
Scoperta fossa comune a est di Damasco
Conteneva le spoglie di 70 persone. Quell'area era nelle mani dei gruppi armati anti-regime
GERMANIA
16.01.2020 - 20:500

«L'addio al carbone in Germania inizia da subito»

Lo ha decretato il governo che si è posto come limite il 2038. Ma ma non tutti sono d'accordo, nemmeno gli ambientalisti

di Redazione
Ats ans

BERLINO - La decarbonificazione in Germania «inizia subito, ed è vincolante». Dopo un vertice durato tutta la notte, una ministra dell'Ambiente trionfante dà l'annuncio, col quale ancora una volta un governo Merkel mette la sua bandierina sulle politiche sul clima.

La prima centrale a carbone sarà chiusa già nel 2020 e il processo di dismissione andrà completato entro il 2038. Risultato che segna «una svolta storica», per il navigato ministro dell'economia Peter Altmaier.

La tabella di marcia stabilita fra Bund e Länder, vera novità del summit, solleva però molte critiche. Nell'uno e nell'altro campo. Gli ambientalisti si sono indignati, ad esempio, del fatto che, a fronte della chiusura delle prime centrali (prima le più vecchie e sporche), si preveda comunque di far entrare in azione quella nuova, la Datteln 4, nel Nordreno-Westfalia.

E dal fronte opposto, l'economia teme l'esplosione dei costi energetici per le imprese: anche perché entro il 2022 la Germania sarà fuori anche dal nucleare. E il fabbisogno energetico nei prossimi anni, nelle stime di tutti, tenderà ad aumentare. «Patto dell'irragionevolezza», titola per questo la Faz, il giornale dei conservatori.

«Siamo il primo paese che esce dal carbone», ha commentato invece la delegata all'ambiente, Svenja Schulze. Che poi ha concesso, «abbiamo bisogno di una massiccio ampliamento delle risorse di energia del vento e del sole».

Bisogna cioè aumentare velocemente la quota (oggi ben oltre il 40%) dell'energia prodotta da fonti rinnovabili: entro il 2050, l'energia pulita dovrebbe arrivare all'80. Inoltre il piano sarà molto caro: sono stati già promessi 40 miliardi per le regioni che ne saranno colpite. E oggi il ministro Olaf Scholz ha annunciato oltre 4 miliardi di risarcimenti per i gestori delle centrali. C'è poi da considerare il fattore lavoro: il settore impiega 20 mila persone.

«Sorry, un'uscita dal carbone nel 2038 non è sufficiente. E Datteln 4 è semplicemente assurda», ha twittato Luisa Neubauer, la Greta tedesca dei Fridays for future.

Stando al calendario emerso dall'incontro, la prima centrale chiuderà il 31 dicembre del 2020 ed entro il 2022 saranno dismesse le prime otto.

Tutte nel Nordreno Westfalia. Entro il 2030 ne saranno chiuse altre 11. Il resto entro il 2038. Il piano prevede anche che venga salvata la famosa foresta di Hambach dall'opera di disboscamento avviata dal colosso Rewe.

La rinuncia al carbone, a tutela del clima, è un passo decisivo per la tutela dell'ambiente: nel 2018 si calcola che oltre 1/3 delle emissioni di CO2 prodotte dalla Germania siano derivate dalle centrali.

Commenti
 
Bayron 1 mese fa su tio
Ma sta Greta li ha proprio rincoglioniti tutti... quasi...
Thor61 1 mese fa su tio
@Bayron Stando ad un esperto in realtà sembra che siano l'ONU e l'UE (A guida merdel=tetesca) che usino la greta e soci!!! Basta vedere la fretta che hanno i teteschi di "Buttarsi" nella nuova economia "Verde", economia che alla fine pagheranno TUTTI gli europei, come hanno fatto con le rogne delle loro banche, non i soli teteschi come dovrebbe essere!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 19:54:23 | 91.208.130.85