Keystone
Svenja Schulze, ministra dell'Ambiente
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MAROCCO
9 ore
Rubava gli orologi al Re, 15 anni alla cameriera
Punizione "esemplare" e un po' esagerata, per una serie di furti ai danni di Mohamed VI del Marocco
CINA
10 ore
Il virus "contagia" anche il Pil cinese
L'epidemia in corso potrebbe costare a Pechino 1,2 punti di prodotto interno lordo. Lo dice Standard&Poor's
TURCHIA
12 ore
Un migliaio di feriti e 29 morti
Sale il bilancio delle vittime del terremoto nell'est della Turchia
CINA
14 ore
Coronavirus: alcuni pazienti non hanno sintomi
L'allarme viene dall'autorevole rivista Lance. Una «brutta notizia» per i virologi. «Situazione più difficile del previsto»
STATI UNITI
16 ore
Sanders vola in Iowa
Quando mancano otto giorni all'avvio dalle primarie democratiche, il senatore del Vermont è dato saldamente in testa dai sondaggi
CINA
16 ore
Xi sul coronavirus: «Situazione grave. L'epidemia accelera»
Le cifre del contagio aumentano di ora in ora. Solo in Cina registrati quasi 1'400 casi
FRANCIA
17 ore
Coronavirus, la Francia vuole «circoscrivere il contagio»
Le autorità sanitarie faranno di tutto per rintracciare tutte le persone che sono state in contatto con i primi tre casi registrati in Europa
STATI UNITI
19 ore
Comportamenti discriminatori, multata Delta Airlines
Il Dipartimento dei Trasporti americano ha sanzionato la compagnia aerea per aver cacciato dai propri velivoli tre passeggeri musulmani
ITALIA
19 ore
Quarta passeggiata tra le stelle per Parmitano
L'astronauta italiano uscirà dalla Stazione Spaziale per completare l'installazione della nuova pompa di raffreddamento del cacciatore di antimateria
GERMANIA
16.01.2020 - 20:500

«L'addio al carbone in Germania inizia da subito»

Lo ha decretato il governo che si è posto come limite il 2038. Ma ma non tutti sono d'accordo, nemmeno gli ambientalisti

di Redazione
Ats ans

BERLINO - La decarbonificazione in Germania «inizia subito, ed è vincolante». Dopo un vertice durato tutta la notte, una ministra dell'Ambiente trionfante dà l'annuncio, col quale ancora una volta un governo Merkel mette la sua bandierina sulle politiche sul clima.

La prima centrale a carbone sarà chiusa già nel 2020 e il processo di dismissione andrà completato entro il 2038. Risultato che segna «una svolta storica», per il navigato ministro dell'economia Peter Altmaier.

La tabella di marcia stabilita fra Bund e Länder, vera novità del summit, solleva però molte critiche. Nell'uno e nell'altro campo. Gli ambientalisti si sono indignati, ad esempio, del fatto che, a fronte della chiusura delle prime centrali (prima le più vecchie e sporche), si preveda comunque di far entrare in azione quella nuova, la Datteln 4, nel Nordreno-Westfalia.

E dal fronte opposto, l'economia teme l'esplosione dei costi energetici per le imprese: anche perché entro il 2022 la Germania sarà fuori anche dal nucleare. E il fabbisogno energetico nei prossimi anni, nelle stime di tutti, tenderà ad aumentare. «Patto dell'irragionevolezza», titola per questo la Faz, il giornale dei conservatori.

«Siamo il primo paese che esce dal carbone», ha commentato invece la delegata all'ambiente, Svenja Schulze. Che poi ha concesso, «abbiamo bisogno di una massiccio ampliamento delle risorse di energia del vento e del sole».

Bisogna cioè aumentare velocemente la quota (oggi ben oltre il 40%) dell'energia prodotta da fonti rinnovabili: entro il 2050, l'energia pulita dovrebbe arrivare all'80. Inoltre il piano sarà molto caro: sono stati già promessi 40 miliardi per le regioni che ne saranno colpite. E oggi il ministro Olaf Scholz ha annunciato oltre 4 miliardi di risarcimenti per i gestori delle centrali. C'è poi da considerare il fattore lavoro: il settore impiega 20 mila persone.

«Sorry, un'uscita dal carbone nel 2038 non è sufficiente. E Datteln 4 è semplicemente assurda», ha twittato Luisa Neubauer, la Greta tedesca dei Fridays for future.

Stando al calendario emerso dall'incontro, la prima centrale chiuderà il 31 dicembre del 2020 ed entro il 2022 saranno dismesse le prime otto.

Tutte nel Nordreno Westfalia. Entro il 2030 ne saranno chiuse altre 11. Il resto entro il 2038. Il piano prevede anche che venga salvata la famosa foresta di Hambach dall'opera di disboscamento avviata dal colosso Rewe.

La rinuncia al carbone, a tutela del clima, è un passo decisivo per la tutela dell'ambiente: nel 2018 si calcola che oltre 1/3 delle emissioni di CO2 prodotte dalla Germania siano derivate dalle centrali.

Commenti
 
Bayron 1 sett fa su tio
Ma sta Greta li ha proprio rincoglioniti tutti... quasi...
Thor61 1 sett fa su tio
@Bayron Stando ad un esperto in realtà sembra che siano l'ONU e l'UE (A guida merdel=tetesca) che usino la greta e soci!!! Basta vedere la fretta che hanno i teteschi di "Buttarsi" nella nuova economia "Verde", economia che alla fine pagheranno TUTTI gli europei, come hanno fatto con le rogne delle loro banche, non i soli teteschi come dovrebbe essere!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 07:38:11 | 91.208.130.89