Deposit
Un falso confine costato un'indagine per frode (foto generica)
RUSSIA
04.12.2019 - 13:490

Costruisce una frontiera finta per truffare i migranti: indagato

La promessa era l'arrivo in Finlandia. Le persone imbrogliate, però, non uscivano nemmeno dalla Russia

di Redazione
Ats

SAN PIETROBURGO - La tratta dei migranti può essere un affare lucroso. Ed è tanto più facile se la frontiera attraverso la quale dovrebbero passare, in realtà, non esiste. O meglio, è un fake.

La truffa - perché di questo si tratta - è stata escogitata da un residente dell'Oblast'  di Leningrado (la regione con capoluogo San Pietroburgo), che aveva deciso di sfruttare il crescente appeal della rotta verso la Finlandia, a quanto pare scoppiata in seguito ai Mondiali di calcio del 2018.

L'uomo ha così costruito una falsa frontiera, completa di filo spinato, attraverso la quale faceva transitare (a pagamento) i migranti, che credevano a quel punto di essere arrivati in Finlandia. Mentre invece si trovavano ancora in Russia. Le guardie di frontiera, riposta Interfax, lo hanno finalmente arrestato mentre si trovava nei pressi del confine con quattro 'clienti' provenienti dall'Asia meridionale.

I migranti sono stati espulsi e l'uomo è ora indagato per frode.

 

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 03:49:12 | 91.208.130.89