Keystone (archivio)
Il provvedimento, approvato da Duma e Senato, entra in vigore immediatamente.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AUSTRALIA
15 min
Figlia di un ex premier australiano rivela: «Mio padre mi chiese di tacere degli stupri»
La donna denuncia di essere stata molestata da un collega del padre. Bob Hawke è stato primo ministro dal 1983 al 1991
STATI UNITI
16 min
Morto l'astro nascente del rap Juice Wrld, aveva 21 anni
Colto dalle convulsioni in aeroporto a Chicago, l'artista è deceduto poco dopo essere giunto in ospedale
NEPAL
28 min
Primo arresto per la morte di una donna in una "casa del ciclo"
Una tradizione secolare indù vuole che durante le mestruazioni le donne dormano fuori dall'abitazione familiare
INDIA
1 ora
L'incendio di New Delhi è stato innescato da un corto circuito
È quanto rivelano le autorità. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri da foto scattate con lo smartphone
REGNO UNITO
2 ore
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
3 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
4 ore
Alta attività esplosiva dello Stromboli
Per gli escursionisti permane il divieto di scalare la montagna oltre quota 290 metri
BRASILE
5 ore
Amazzonia: due leader indigeni uccisi in un attacco
Gli indios brasiliani si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro
RUSSIA
03.12.2019 - 07:280
Aggiornamento : 09:12

Obbligo di software russi per gli smartphone, ok da Putin

Il presidente russo firma anche la (controversa) legge sugli "agenti stranieri"

di Redazione
ats ans

MOSCA - Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato ieri sera una nuova legge che vieta a partire dal primo luglio la vendita di alcune apparecchiature elettroniche come smartphone e computer se non vi sono preinstallati dei software 'Made in Russia'.

Alcuni osservatori temono che in questo modo le autorità possano aumentare il proprio controllo sugli utenti. I promotori del progetto di legge vogliono sostenere così le tecnologie russe ma l'Associazione delle società che producono e vendono elettrodomestici e attrezzature informatiche (Ratek) ritiene che su alcuni apparecchi non sia possibile installare i software russi e temono che alcune aziende internazionali decidano di abbandonare il mercato russo.

La legge non vieta la vendita di apparecchi in cui sono installati software stranieri, ma oltre a questi dovranno essere presenti anche i software russi. Il governo russo nel prossimo futuro elencherà gli apparecchi in cui dovranno essere obbligatoriamente installati i software 'Made in Russia'.

La norma è stata soprannominata 'legge anti-Apple perché dovrebbe costringere il gigante americano a installare software non propri sui suoi prodotti.

La norma, recita una nota alla legge, «mira a garantire che gli utenti russi di internet e dei servizi di telecomunicazione possano utilizzare l'hardware acquistato (smartphone, computer, schermi tv intelligenti) senza dover installare ulteriori applicazioni mobili e altri software per dispositivi di elaborazione elettronica destinati agli utenti russi di tali dispositivi».

Putin firma la (controversa) legge sugli "agenti stranieri" - Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato ieri sera una controversa legge che permette alle autorità russe di bollare come "agenti stranieri" anche gli individui, compresi i blogger e i giornalisti. La legge prevede che individui o enti giuridici russi che diffondano notizie prodotte da testate inserite nella lista nera degli agenti stranieri o partecipino alla loro creazione possano essere riconosciuti a loro volta come «agenti stranieri». La legge entra in vigore immediatamente.

Il provvedimento era stato approvato in via definitiva dalla Duma il 21 novembre e dal Senato il 25. Per Amnesty International e Reporter senza frontiere si tratta di «un ulteriore passo verso la limitazione dei media liberi e indipendenti» in Russia.

Il marchio di «agente straniero», che tanto ricorda quello di  «spia», è usato dal Cremlino per contrassegnare le organizzazioni che ricevono fondi dall'estero e sono impegnate in non meglio precisate  «attività politiche».

Dal novembre del 2017, dopo che la tv finanziata dal Cremlino Russia Today era stata a sua volta definita «agente straniero» negli Usa, questa definizione in Russia è applicabile anche ai media. Le organizzazioni identificate come "agente straniero" devono presentarsi come tali nei materiali che producono.

Commenti
 
Bayron 5 gior fa su tio
Evviva la democrazia russa!! In Russia ci manderei a vivere tutti i sostenitori di quel pericoloso fantoccio
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 17:23:29 | 91.208.130.85