Keystone (archivio)
Il provvedimento, approvato da Duma e Senato, entra in vigore immediatamente.
RUSSIA
03.12.2019 - 07:280
Aggiornamento : 09:12

Obbligo di software russi per gli smartphone, ok da Putin

Il presidente russo firma anche la (controversa) legge sugli "agenti stranieri"

di Redazione
ats ans

MOSCA - Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato ieri sera una nuova legge che vieta a partire dal primo luglio la vendita di alcune apparecchiature elettroniche come smartphone e computer se non vi sono preinstallati dei software 'Made in Russia'.

Alcuni osservatori temono che in questo modo le autorità possano aumentare il proprio controllo sugli utenti. I promotori del progetto di legge vogliono sostenere così le tecnologie russe ma l'Associazione delle società che producono e vendono elettrodomestici e attrezzature informatiche (Ratek) ritiene che su alcuni apparecchi non sia possibile installare i software russi e temono che alcune aziende internazionali decidano di abbandonare il mercato russo.

La legge non vieta la vendita di apparecchi in cui sono installati software stranieri, ma oltre a questi dovranno essere presenti anche i software russi. Il governo russo nel prossimo futuro elencherà gli apparecchi in cui dovranno essere obbligatoriamente installati i software 'Made in Russia'.

La norma è stata soprannominata 'legge anti-Apple perché dovrebbe costringere il gigante americano a installare software non propri sui suoi prodotti.

La norma, recita una nota alla legge, «mira a garantire che gli utenti russi di internet e dei servizi di telecomunicazione possano utilizzare l'hardware acquistato (smartphone, computer, schermi tv intelligenti) senza dover installare ulteriori applicazioni mobili e altri software per dispositivi di elaborazione elettronica destinati agli utenti russi di tali dispositivi».

Putin firma la (controversa) legge sugli "agenti stranieri" - Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato ieri sera una controversa legge che permette alle autorità russe di bollare come "agenti stranieri" anche gli individui, compresi i blogger e i giornalisti. La legge prevede che individui o enti giuridici russi che diffondano notizie prodotte da testate inserite nella lista nera degli agenti stranieri o partecipino alla loro creazione possano essere riconosciuti a loro volta come «agenti stranieri». La legge entra in vigore immediatamente.

Il provvedimento era stato approvato in via definitiva dalla Duma il 21 novembre e dal Senato il 25. Per Amnesty International e Reporter senza frontiere si tratta di «un ulteriore passo verso la limitazione dei media liberi e indipendenti» in Russia.

Il marchio di «agente straniero», che tanto ricorda quello di  «spia», è usato dal Cremlino per contrassegnare le organizzazioni che ricevono fondi dall'estero e sono impegnate in non meglio precisate  «attività politiche».

Dal novembre del 2017, dopo che la tv finanziata dal Cremlino Russia Today era stata a sua volta definita «agente straniero» negli Usa, questa definizione in Russia è applicabile anche ai media. Le organizzazioni identificate come "agente straniero" devono presentarsi come tali nei materiali che producono.

Commenti
 
Bayron 1 sett fa su tio
Evviva la democrazia russa!! In Russia ci manderei a vivere tutti i sostenitori di quel pericoloso fantoccio
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 20:29:48 | 91.208.130.87