Keystone (archivio)
Protesta polacca.
POLONIA
01.12.2019 - 18:490

Polacchi in piazza per difendere i propri giudici

Migliaia di persone hanno protestato contro il Governo che non riconosce la validità della recente sentenza della Corte europea sull'autonomia della magistratura: «Uomini liberi, tribunali liberi»

di Redazione
ats ans

VARSAVIA - Migliaia di persone sono scese oggi pomeriggio in piazza a Varsavia, Cracovia, Breslavia, Poznan e in altre 100 città polacche in difesa della magistratura, minacciata dal governo che non riconosce validità alla recente sentenza della Corte europea che impone alla Polonia di rispettare l'autonomia dei giudici dal potere politico.

"Uomini liberi, tribunali liberi" ha gridato la folla a Varsavia, dove dal palco ha preso anche la parola il giudice Pawel Juszczyszyn, recentemente sospeso dal ministro guardasigilli Zbigniew Ziobro proprio per aver sollecitato l'applicazione della sentenza europea.

«Siamo solidali con i giudici, basta con violazioni dello stato di diritto» si leggeva su uno dei tanti striscioni esposti nella capitale insieme alle bandiere dell'Unione europea e della Polonia.

Uno dei procuratori ha rivelato che, negli ultimi anni in Polonia un terzo di loro (114 procuratori) sono stati sospesi dagli incarichi e sostituiti da persone vicine ai partiti al potere.

Nel corso del raduno è stato anche letto un messaggio di solidarietà con i magistrati polacchi dell'Associazione europea dei giudici.

A Breslavia ha parlato Wladyslaw Frasyniuk, uno degli dirigenti storici di Solidarnosc, che ha ringraziato i giudici per il coraggio con il quale difendono la propria autonomia e ha rinnovato l'appello a difendere "libertà, uguaglianza e democrazia" in Polonia.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 20:04:37 | 91.208.130.85