Keystone (archivio)
Grazie alla campagna GoFundMe potrà nuovamente dormire sonni tranquilli.
AUSTRALIA
22.11.2019 - 07:440

Più di un milione di dollari per i koala vittime degli incendi

I soldi verranno utilizzati per l'acquisto e l'installazione di punti di abbeveraggio nelle regioni devastate dal fuoco e per in seguito ricostruire degli habitat sicuri per i marsupiali

di Redazione
ats ans

SYDNEY - Mentre continua l'emergenza incendi che si è estesa ormai in tutti gli stati d'Australia, causando un'immensa cappa di fumo che copre chilometri di territorio nelle regioni orientali in New South Wales e Queensland, il pubblico contribuisce generosamente alla campagna per soccorrere ed assistere le centinaia di koala ustionati e dislocati dagli incendi.

I contributi alla campagna GoFundMe raccolti dal Koala Hospital di Port Macquarie a nord di Sydney hanno raggiunto 1,1 milioni di dollari (680 mila euro) e sono diretti all'acquisto e installazione di punti di abbeveraggio nelle regioni devastate dal fuoco, e in seguito alla ricostituzione di habitat sicuri.

Oltre 350 koala sono dati per morti, dopo che gli incendi hanno distrutto migliaia di ettari dei loro habitat nel nord del New South Wales e nel sudest del Queensland. Il Koala Hospital di Port Macquarie ha finora in cura 31 koala recuperati in diverse località, che vengono reidratati, mentre le ustioni vengono trattate con creme e fasciature.

«Questi animali sono estremamente stressati e li dobbiamo sedare per poterli medicare, perché vogliono mordere e attaccarci. Per la nostra sicurezza e per il loro bene, devono essere sedati», ha detto Christeen McLeod di Koalas in Care, un servizio di salvataggio di koala feriti.

Una massa di aria calda ha attraversato vaste aree del continente con effetti catastrofici e ha raggiunto il Victoria e il South Australia, segnando nuovi record di temperature, alimentando le fiamme e diffondendo fumo e polvere con venti pre-ciclonici. La massa di aria calda che ha rafforzato gli incendi in New South Wales e Queensland ha incenerito numerose proprietà in South Australia e ha raggiunto il Victoria, dove si sono registrate le temperature più alte dal 1894.

Sydney è ricoperta da giorni da una coltre di fumo che ha causato una punta di presenze in pronto soccorso con problemi respiratori, ed è stata sostituita oggi da una foschia rossastra portata dal vento dall'entroterra, che ha trascinato polvere dal suolo devastato dalla siccità.

Nel solo New South Wales il numero di abitazioni distrutte dal fuoco è salito a 612 mentre bruciano ancora 50 incendi e il numero di morti è salito a sei.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F.Netri 11 mesi fa su tio
Mi stupisce che non si siano ancora estinti. Alimentarsi con un unico elemento e procreare un solo cucciolo alla volta, è un'ottima via verso l'estinzione. Cercare di salvare questa specie è solo accanimento terapeutico.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-19 18:25:03 | 91.208.130.86