Keystone
Manifestanti brandiscono i ritratti di alcuni dei leader condannati
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
18 min
Che settimana per Trump
Il cosidetto Ucrainagate approdalla alla Camera americana. Giusto in tempo per le primarie democratiche
UGANDA
4 ore
Uganda flagellato dalle alluvioni: almeno 16 morti
I volontari affermano di aver recuperato dei cadaveri che galleggiavano sull'acqua o erano impigliati sugli alberi di cacao
AUSTRALIA
4 ore
Figlia di un ex premier australiano rivela: «Mio padre mi chiese di tacere degli stupri»
La donna denuncia di essere stata molestata da un collega del padre. Bob Hawke è stato primo ministro dal 1983 al 1991
STATI UNITI
4 ore
Morto l'astro nascente del rap Juice Wrld, aveva 21 anni
Colto dalle convulsioni in aeroporto a Chicago, l'artista è deceduto poco dopo essere giunto in ospedale
NEPAL
4 ore
Primo arresto per la morte di una donna in una "casa del ciclo"
Una tradizione secolare indù vuole che durante le mestruazioni le donne dormano fuori dall'abitazione familiare
INDIA
5 ore
L'incendio di New Delhi è stato innescato da un corto circuito
È quanto rivelano le autorità. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri da foto scattate con lo smartphone
REGNO UNITO
7 ore
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
7 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
8 ore
Alta attività esplosiva dello Stromboli
Per gli escursionisti permane il divieto di scalare la montagna oltre quota 290 metri
BRASILE
9 ore
Amazzonia: due leader indigeni uccisi in un attacco
Gli indios brasiliani si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro
REGNO UNITO
9 ore
Dimissioni se non si raggiunge la maggioranza assoluta? Johnson glissa
Una recente rilevazione mette in dubbio la possibilità per i Tory di arrivare all'obbiettivo dichiarato dal premier britannico
ITALIA
10 ore
Torino: madre uccide figlia disabile a martellate
A dare l'allarme è stato il marito della donna, di 87 anni
FOTO
CINA
12 ore
Una marea mascherata manifesta per le strade a Hong Kong
Domenica in piazza per i pro-dem. 11 uomini fermati per possesso di armi, sequestrata un'arma da fuoco
FOTO
INDIA
12 ore
Furibondo rogo in una fabbrica di Nuova Dehli: in 43 perdono la vita
Lo stabile si trovava in una zona particolarmente angusta che ha messo in difficoltà i pompieri, le vittime sorprese nel sonno
COREA DEL NORD
13 ore
"Test importanti", ma non viene svelato il tipo
Pyongyang avrebbe lanciato un missile proprio mentre fa pressione sugli Usa perché presenti entro fine anno una nuova piattaforma negoziale più in linea con le loro richieste
STATI UNITI
13 ore
Sparatoria a Pensacola, a cena video di sparatorie
Una delle tre vittime si chiamava Joshua Kaleb Watson e ha aiutato la polizia a neutralizzare Mohammed Saeed Al Shamrani
ITALIA
13 ore
Due scosse di terremoto a L'Aquila
La prima di magnitudo 3.7, la seconda 3.4
ITALIA
1 gior
Ovazione per Mattarella alla prima della Scala
Un applauso lungo quattro minuti ha accolto il Presidente della Repubblica
REGNO UNITO
1 gior
London Bridge, il papà di una vittima contro Johnson
«È un truffatore, il peggio di noi e vi prende in giro», ha detto il padre di Jack Merritt
AUSTRALIA
1 gior
Decine e decine di incendi: «Bruceranno per settimane»
Particolarmente colpiti Queensland e Nuovo Galles del Sud. Sei persone sono già morte e oltre 1.000 case sono andate bruciate
ITALIA
1 gior
Valanga dal monte Valletto, travolti tre sci alpinisti
Tutti quanti sono stati recuperati nel tardo pomeriggio, sciavano fuori pista
SPAGNA / SVIZZERA
19.11.2019 - 12:010

Le condanne ai leader catalani «minacciano la libertà di espressione»

A poco più di un mese dalla pronuncia dell'alta corte spagnola, Amnesty International chiede la scarcerazione degli indipendentisti imprigionati

BARCELLONA / BELLINZONA - Poco più di un mese fa, il Tribunale Supremo spagnolo condannava 12 leader indipendentisti catalani a pene che andavano da uno a 13 anni. I reati contestati erano, a diverso titolo, di sedizione e malversazione mentre veniva esclusa l'imputazione (ancora più grave) di ribellione. Pene che la stampa internazionale e molti osservatori non hanno esitato a definire particolarmente dure, se si considera che la colpa fondamentale è aver organizzato o promosso un referendum, ancorché dichiarato illecito.

Dopo la pubblicazione di un'analisi sulla sentenza dell'alta corte spagnola, Amnesty International chiede ora il rilascio immediato degli esponenti indipendentisti incarcerati. La pronuncia, sottolinea l'organizzazione in un comunicato, «viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica».

«La condanna di Jordi Sànchez e Jordi Cuixart (a 9 anni ciascuno, ndr) per sedizione viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica e devono essere immediatamente rilasciati», sostiene Amnesty International. «Le pene detentive inflitte ai due leader della società civile e ad altri sette alti funzionari catalani sono il risultato di una definizione vaga del reato di sedizione nel codice penale spagnolo e di un'interpretazione troppo ampia e pericolosa di questa definizione da parte della Corte Suprema», aggiunge.

«Jordi Sànchez e Jordi Cuixart devono essere rilasciati immediatamente e le loro condanne per l'accusa di sedizione devono essere annullate», sottolinea Daniel Joloy, Senior Policy Advisor dell'organizzazione per la difesa dei diritti umani. «Mentre la nostra analisi non ha rilevato alcun fattore che suggerisca nel suo complesso il processo sia stato iniquo, è chiaro che l'interpretazione della Corte Suprema del crimine di sedizione è stata troppo ampia e ha portato alla criminalizzazione di atti legittimi di protesta», aggiunge.

Come privati cittadini e leader delle organizzazioni della società civile, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart avevano il diritto di esprimere le proprie opinioni e di organizzare incontri pacifici per sostenere il referendum e l'indipendenza della Catalogna, continua Amnesty. Anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica, la disobbedienza civile pacifica è anche protetta dal diritto internazionale in materia di diritti umani. Portare accuse eccessivamente severe ad atti di disobbedienza civile limita indebitamente il diritto di riunione pacifica e viola il diritto internazionale.

Dopo aver seguito l'intero processo, Amnesty International conclude che le condanne a nove anni d'attività, la disobbedienza civile pacifica è protetta dal diritto internazionale dei diritti umani, anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica. L'organizzazione constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati.

«Le sentenze pronunciate contro Jordi Sànchez e Jordi Cuixart costituiscono chiaramente una limitazione eccessiva e sproporzionata del loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica», ha dichiarato Esteban Beltran, direttore di Amnesty Spain. L'organizzazione constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati. «Il Parlamento deve rivedere urgentemente la definizione del reato di sedizione per evitare la criminalizzazione di atti pacifici di disobbedienza civile o di limitare indebitamente la libertà di riunione o di espressione pacifica».

Amnesty International è inoltre preoccupata dal fatto che la Corte colleghi la gravità del reato con il fatto che l'opposizione all'esecuzione di un ordine del tribunale è stata «massiccia o generalizzata». Così facendo, la Corte ha aperto la porta alla possibilità per le autorità di imporre un limite illegale al numero di persone che possono contemporaneamente esercitare il proprio diritto di protestare pacificamente.

La mancanza di chiarezza sul reato di sedizione nel codice penale, così come interpretato dalla Corte di giustizia, comporta l'imposizione di indebite restrizioni al diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica. Di conseguenza, un'ampia gamma di azioni dirette non violente viene ingiustamente criminalizzata.

La vaghezza della definizione del reato di sedizione e la sua interpretazione troppo ampia mette in discussione anche le condanne per sedizione imposte ai leader politici catalani.

«Mentre i leader politici catalani potrebbero aver commesso un reato che avrebbe potuto essere legittimamente perseguito in considerazione delle loro posizioni ufficiali, la loro condanna per sedizione - un reato definito troppo vagamente - è in violazione del principio di legalità. Le autorità devono urgentemente rimediare a questa situazione», ha detto Adriana Ribas, coordinatrice di Amnesty International in Catalogna.

«Ogni individuo ha il diritto di sapere se la sua condotta può costituire un crimine. Ma questa sentenza dimostra che la vaghezza della definizione del reato di sedizione ne consente un uso eccessivo. L'interpretazione di questo reato da parte della Corte Suprema spagnola potrebbe avere un effetto agghiacciante che potrebbe impedire alle persone di partecipare a proteste pacifiche senza paura».

Il contesto - Amnesty International ha seguito i procedimenti contro 12 leader catalani in relazione agli eventi verificatisi in Catalogna intorno al referendum del 1° ottobre 2017, anche partecipando a tutte le udienze del processo tenutosi a Madrid.

Le sentenze sono state pronunciate il 14 ottobre. Sette alti funzionari catalani, così come due leader di organizzazioni della società civile, sono stati condannati a pene che vanno dai nove ai tredici anni di carcere e all'interdizione dalle cariche pubbliche per il reato di sedizione. Altri tre alti funzionari sono stati condannati per il reato di disobbedienza e condannati a una multa e alla squalifica dal pubblico ufficio.

Secondo il diritto internazionale in materia di diritti umani, le restrizioni al diritto di riunione pacifica devono essere previste dalla legge, essere necessarie e proporzionate ad un determinato interesse pubblico. Una manifestazione non perde il suo carattere pacifico perché durante il suo svolgimento sono stati commessi atti illegali o a causa dell'uso della violenza da parte di alcuni manifestanti.

Inoltre, mentre il comportamento pacifico nello svolgimento di una protesta può essere soggetto a determinate restrizioni, queste devono essere debitamente stabilite dalla legge.  Qualsiasi reato deve essere formulato con sufficiente chiarezza per consentire alle persone di regolare la propria condotta di conseguenza.

Commenti
 
Zico 2 sett fa su tio
non mi ricordo bene bene chi sia il partito di maggioranza in Spagna e che ai tempi dei fatti era il governo: socialisti per caso...
sedelin 2 sett fa su tio
Hanno ragione! Solo in un regime neofranchista poteva avvenire l’impensabile.
MIM 2 sett fa su tio
@sedelin Non so, ma mi pare che sia un governo socialista..
sedelin 2 sett fa su tio
@MIM Socialisti che hanno tradito il socialismo
volabas 2 sett fa su tio
@sedelin Socialisti che hanno tradito il socialismo, ma forse non erano socialisti gia' di partenza
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 21:39:08 | 91.208.130.89