Keystone
Manifestanti brandiscono i ritratti di alcuni dei leader condannati
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
5 min
Fondi Covid-19: 45mila euro ottenuti dalla 'Ndrangheta
Le indagini della divisione antimafia hanno portato a otto arresti e al sequestro di 7,5 milioni di euro
MAROCCO
1 ora
Otto milioni di montoni selezionati per il sacrificio
È in avvicinamento la Festa del Sacrificio, un appuntamento religioso molto importante per i musulmani
SPAGNA
1 ora
Un virus bancario camuffato in un'app
Migliaia di persone sono state colpite da Cerberus
BRASILE
2 ore
Un nuovo tampone per Bolsonaro
«Attendo con ansia il risultato perché non sopporto più la routine di restare a casa», ha dichiarato
CINA
2 ore
Bus nel bacino idrico, si è trattato di un gesto intenzionale
L'uomo aveva appena perso la casa, rivelano le indagini. Nell'incidente sono morte 21 persone
REGNO UNITO
2 ore
Falso allarme bomba su un volo Ryanair, arrestate due persone
Partito da Cracovia, l'aereo era diretto a Dublino, ma era poi stato deviato su Londra
GIAPPONE
3 ore
Il maltempo oscura il Sol Levante
Il bilancio conta 72 vittime e i danni stimati dal ministero dell'Agricoltura hanno superato i 160 milioni di franchi
MONDO
4 ore
Vaccino, piede sul gas in Australia
La Commonwealth Serum Laboratories è fiduciosa sui test e prepara già la produzione di massa. Obiettivo: gennaio 2021.
CINA
5 ore
Si lancia da un van in corsa per evitare la quarantena obbligatoria
L'uomo stava venendo scortato dalla polizia locale quando ha tentato la fuga
ITALIA
6 ore
Uccide i genitori a coltellate
Il 30enne è stato fermato mentre vagava in stato confusionale e con le mani sporche di sangue
STATI UNITI
7 ore
«Ghislaine Maxwell deve restare in carcere»
I suoi legali chiedono la libertà dietro cauzione di 5 milioni di dollari
STATI UNITI
7 ore
Via libera alla pubblicità del libro della nipote di Trump
Respinto l'estremo tentativo della famiglia
MONDO
7 ore
Nuovo focolaio in un teatro di Tokyo: 30 persone positive
«Non abbiamo chiuso l'intero Paese»: così Fauci spiega il balzo dei casi negli Usa
REGNO UNITO
8 ore
Nel Regno Unito la mascherina entra nei negozi
L'obbligo d'indossarla scatterà il prossimo 24 luglio
MONDO
9 ore
Paesi senza Covid? Ecco quali sono
Sono una dozzina le nazioni che non hanno ancora riportato alcun caso ufficiale di contagio dall'inizio della pandemia
STATI UNITI
15 ore
Pinguini a spasso tra i dinosauri
La coppia ha visitato il Field Museum di Chicago, ancora chiuso al pubblico
STATI UNITI
17 ore
Coronavirus: la California chiude le attività al chiuso
Dovranno abbassare la saracinesca ristoranti, bar, cinema, teatri, palestre, musei e luoghi di culto.
ITALIA
17 ore
Lombardia: da mercoledì mascherina obbligatoria all'aperto solo se non c'è la distanza
È quanto prevede la nuova ordinanza regionale che sarà firmata domani.
GERMANIA
18 ore
Individuo armato e pericoloso nei boschi: è caccia all'uomo
L'uomo si aggirerebbe nella zona di Oppenau e sarebbe armato e pericoloso
BOSNIA ED ERZEGOVINA
19 ore
Accetta una bustarella da 20 euro: doganiere condannato a cinque mesi
Il tribunale di Sarajevo ha anche disposto il sequestro dell'importo della tangente.
ITALIA
19 ore
Covid-19 in Lombardia? «Crimini contro l'umanità»
I parenti delle vittime lombarde hanno inviato una lettera all'Ue e alla Corte europea dei diritti dell'uomo
SPAGNA / SVIZZERA
19.11.2019 - 12:010

Le condanne ai leader catalani «minacciano la libertà di espressione»

A poco più di un mese dalla pronuncia dell'alta corte spagnola, Amnesty International chiede la scarcerazione degli indipendentisti imprigionati

BARCELLONA / BELLINZONA - Poco più di un mese fa, il Tribunale Supremo spagnolo condannava 12 leader indipendentisti catalani a pene che andavano da uno a 13 anni. I reati contestati erano, a diverso titolo, di sedizione e malversazione mentre veniva esclusa l'imputazione (ancora più grave) di ribellione. Pene che la stampa internazionale e molti osservatori non hanno esitato a definire particolarmente dure, se si considera che la colpa fondamentale è aver organizzato o promosso un referendum, ancorché dichiarato illecito.

Dopo la pubblicazione di un'analisi sulla sentenza dell'alta corte spagnola, Amnesty International chiede ora il rilascio immediato degli esponenti indipendentisti incarcerati. La pronuncia, sottolinea l'organizzazione in un comunicato, «viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica».

«La condanna di Jordi Sànchez e Jordi Cuixart (a 9 anni ciascuno, ndr) per sedizione viola il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica e devono essere immediatamente rilasciati», sostiene Amnesty International. «Le pene detentive inflitte ai due leader della società civile e ad altri sette alti funzionari catalani sono il risultato di una definizione vaga del reato di sedizione nel codice penale spagnolo e di un'interpretazione troppo ampia e pericolosa di questa definizione da parte della Corte Suprema», aggiunge.

«Jordi Sànchez e Jordi Cuixart devono essere rilasciati immediatamente e le loro condanne per l'accusa di sedizione devono essere annullate», sottolinea Daniel Joloy, Senior Policy Advisor dell'organizzazione per la difesa dei diritti umani. «Mentre la nostra analisi non ha rilevato alcun fattore che suggerisca nel suo complesso il processo sia stato iniquo, è chiaro che l'interpretazione della Corte Suprema del crimine di sedizione è stata troppo ampia e ha portato alla criminalizzazione di atti legittimi di protesta», aggiunge.

Come privati cittadini e leader delle organizzazioni della società civile, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart avevano il diritto di esprimere le proprie opinioni e di organizzare incontri pacifici per sostenere il referendum e l'indipendenza della Catalogna, continua Amnesty. Anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica, la disobbedienza civile pacifica è anche protetta dal diritto internazionale in materia di diritti umani. Portare accuse eccessivamente severe ad atti di disobbedienza civile limita indebitamente il diritto di riunione pacifica e viola il diritto internazionale.

Dopo aver seguito l'intero processo, Amnesty International conclude che le condanne a nove anni d'attività, la disobbedienza civile pacifica è protetta dal diritto internazionale dei diritti umani, anche se lo scopo di uno qualsiasi di questi incontri o delle loro azioni era quello di impedire l'applicazione di una risoluzione giuridica. L'organizzazione constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati.

«Le sentenze pronunciate contro Jordi Sànchez e Jordi Cuixart costituiscono chiaramente una limitazione eccessiva e sproporzionata del loro diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica», ha dichiarato Esteban Beltran, direttore di Amnesty Spain. L'organizzazione constata inoltre che la Corte suprema non ha dimostrato che l'imposizione di sanzioni così severe era proporzionata agli atti pacifici di cui sono stati accusati. «Il Parlamento deve rivedere urgentemente la definizione del reato di sedizione per evitare la criminalizzazione di atti pacifici di disobbedienza civile o di limitare indebitamente la libertà di riunione o di espressione pacifica».

Amnesty International è inoltre preoccupata dal fatto che la Corte colleghi la gravità del reato con il fatto che l'opposizione all'esecuzione di un ordine del tribunale è stata «massiccia o generalizzata». Così facendo, la Corte ha aperto la porta alla possibilità per le autorità di imporre un limite illegale al numero di persone che possono contemporaneamente esercitare il proprio diritto di protestare pacificamente.

La mancanza di chiarezza sul reato di sedizione nel codice penale, così come interpretato dalla Corte di giustizia, comporta l'imposizione di indebite restrizioni al diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica. Di conseguenza, un'ampia gamma di azioni dirette non violente viene ingiustamente criminalizzata.

La vaghezza della definizione del reato di sedizione e la sua interpretazione troppo ampia mette in discussione anche le condanne per sedizione imposte ai leader politici catalani.

«Mentre i leader politici catalani potrebbero aver commesso un reato che avrebbe potuto essere legittimamente perseguito in considerazione delle loro posizioni ufficiali, la loro condanna per sedizione - un reato definito troppo vagamente - è in violazione del principio di legalità. Le autorità devono urgentemente rimediare a questa situazione», ha detto Adriana Ribas, coordinatrice di Amnesty International in Catalogna.

«Ogni individuo ha il diritto di sapere se la sua condotta può costituire un crimine. Ma questa sentenza dimostra che la vaghezza della definizione del reato di sedizione ne consente un uso eccessivo. L'interpretazione di questo reato da parte della Corte Suprema spagnola potrebbe avere un effetto agghiacciante che potrebbe impedire alle persone di partecipare a proteste pacifiche senza paura».

Il contesto - Amnesty International ha seguito i procedimenti contro 12 leader catalani in relazione agli eventi verificatisi in Catalogna intorno al referendum del 1° ottobre 2017, anche partecipando a tutte le udienze del processo tenutosi a Madrid.

Le sentenze sono state pronunciate il 14 ottobre. Sette alti funzionari catalani, così come due leader di organizzazioni della società civile, sono stati condannati a pene che vanno dai nove ai tredici anni di carcere e all'interdizione dalle cariche pubbliche per il reato di sedizione. Altri tre alti funzionari sono stati condannati per il reato di disobbedienza e condannati a una multa e alla squalifica dal pubblico ufficio.

Secondo il diritto internazionale in materia di diritti umani, le restrizioni al diritto di riunione pacifica devono essere previste dalla legge, essere necessarie e proporzionate ad un determinato interesse pubblico. Una manifestazione non perde il suo carattere pacifico perché durante il suo svolgimento sono stati commessi atti illegali o a causa dell'uso della violenza da parte di alcuni manifestanti.

Inoltre, mentre il comportamento pacifico nello svolgimento di una protesta può essere soggetto a determinate restrizioni, queste devono essere debitamente stabilite dalla legge.  Qualsiasi reato deve essere formulato con sufficiente chiarezza per consentire alle persone di regolare la propria condotta di conseguenza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 7 mesi fa su tio
non mi ricordo bene bene chi sia il partito di maggioranza in Spagna e che ai tempi dei fatti era il governo: socialisti per caso...
sedelin 7 mesi fa su tio
Hanno ragione! Solo in un regime neofranchista poteva avvenire l’impensabile.
MIM 7 mesi fa su tio
@sedelin Non so, ma mi pare che sia un governo socialista..
sedelin 7 mesi fa su tio
@MIM Socialisti che hanno tradito il socialismo
volabas 7 mesi fa su tio
@sedelin Socialisti che hanno tradito il socialismo, ma forse non erano socialisti gia' di partenza
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 15:23:51 | 91.208.130.87