keystone-sda.ch/STR (CHRISTOPHE PETIT TESSON)
Oltre 10'000 persone hanno partecipato oggi a Parigi alla discussa Marcia contro l'islamofobia
+ 16
FRANCIA
10.11.2019 - 19:320
Aggiornamento : 20:09

In 10'000 contro l'islamofobia a Parigi

Il mondo politico si è diviso e il Governo ha condannato la manifestazione avvolta nelle polemiche

PARIGI - Oltre 10'000 persone hanno partecipato oggi a Parigi alla discussa Marcia contro l'islamofobia, che nei giorni scorsi ha spaccato la sinistra e provocato molte critiche dall'interno del governo e dalla destra.

"Sì alla critica della religione, no all'odio del credente", "Stop all'islamofobia" sono alcuni degli slogan letti su striscioni e cartelli del corteo organizzato da diverse personalità e associazioni, come il Collettivo contro l'islamofobia in Francia. L'appello a manifestare era stato lanciato quattro giorni dopo l'attacco contro una moschea a Bayonne, un paio di settimane fa, e mentre la Francia è tornata a dividersi sull'annosa questione del diritto di indossare il velo islamico nei luoghi pubblici.

Il mondo politico si è diviso sul tema dell'islamofobia e sull'opportunità della manifestazione. Una parte degli ecologisti non ha preso parte all'iniziativa, i socialisti hanno fatto sapere di lavorare a una manifestazione contro il razzismo e non hanno aderito all'invito, parlando anche di personaggi "vicini ai Fratelli musulmani" fra gli organizzatori.

Nel corteo parigino c'erano invece diversi esponenti de La France Insoumise di Jean-Luc Melenchon (sinistra radicale). Il leader ha twittato «magnifica giornata» dopo aver preso personalmente parte al corteo. Quanto a Marine Le Pen, che aveva parlato di manifestazione «mano nella mano con gli islamisti», ha anche lei postato un tweet: «Avviso ai manifestanti: l'islamismo ha ucciso molti più musulmani in Francia che l'islamofobia (che non ne ha ucciso nessuno!) Questo rivela l'ampiezza della vostra truffa!».

Condanna del corteo anche dal governo: il sottosegretario per i giovani, Gabriel Attal, l'ha definito «insopportabile», mentre la ministra per la Transizione ecologica, Elisabeth Borne, ha parlato di «ambiguità» di una marcia che mette le persone «le une contro le altre».

keystone-sda.ch/STR (CHRISTOPHE PETIT TESSON)
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 00:18:19 | 91.208.130.87