Jacopo B
I disordini nelle strade di Santiago
+ 3
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
8 ore
Ancora spari in un Walmart: almeno due morti, ucciso il killer
Non si conosce ancora il movente dell'aggressione nel grande magazzino di Duncan (Oklahoma)
AUSTRIA
8 ore
Anziano travolto e ucciso da una frana
L'uomo era salito su un pendio, che sovrasta la sua casa, per controllare una sorgente
FRANCIA
8 ore
Ponte crollato, trovata una seconda vittima
Si tratta dell'autista del Tir, troppo pesante, che sarebbe stato all'origine del crollo della struttura
CINA
9 ore
Hong Kong: decine di studenti sfuggiti alla polizia
Sono scappati dal PolyU calandosi con una corda da uno dei ponti di accesso al campus
GERMANIA
9 ore
Incentivi per l'elettromobilità: anche del 50%
Sono state formulate nuove misure dal governo di Angela Merkel
ITALIA
10 ore
Ruby ter, la testimone: «Berlusconi non mi palpeggiò»
Melania Tumini ha risposto in contro-esame alle domande della difesa del leader di Forza Italia
STATI UNITI
10 ore
Le sedicenti vittime di Michael Jackson presto di nuovo in tribunale?
I protagonisti del documentario-shock "Leaving Neverland" potrebbero riuscire a portare la loro querela a Jacko per pedofilia davanti a un giudice
STATI UNITI
10 ore
Testimoniare sull'impeachment? A Trump l'idea piace
Il presidente apre alla possibilità di una sua deposizione davanti alla Camera e attacca Nancy Pelosi: «La nostra pazza speaker ha suggerito una mia audizione in questa caccia alle streghe»
CINA
11 ore
Cina contro il New York Times per l'articolo sullo Xinjiang
Il giornale americano ha pubblicato documenti in cui Xi Jinping esortava a non usare «alcuna pietà» nella regione a maggioranza musulmana
STATI UNITI
12 ore
Disney+ hackerata a poche ore dal lancio: profili in vendita
Vengono proposti sul dark web per cifre che vanno dai 3 agli 11 dollari
KENYA
12 ore
Silvia Romano nelle mani di un gruppo islamista somalo
La cooperante milanese era stata rapita in Kenya lo scorso 20 novembre
ITALIA
13 ore
Dalla Russia un milione a Venezia, che torna a respirare
Il peggio sembra essere passato. Nelle prossime ore l'acqua alta supererà di poco i cento centimetri
FOTO
RUSSIA
13 ore
Mosca ha restituito le navi sequestrate all'Ucraina
Erano state prese, con l'equipaggio, lo scorso anno al largo della Crimea
EMIRATI ARABI UNITI
14 ore
Emirates ha ordinato 50 Airbus per 16 miliardi di dollari
L'annuncio della commessa è arrivato durante l'airshow di Dubai
GIORDANIA
14 ore
Marito acceca la moglie: proteste ad Amman
I manifestanti invocano leggi molto più severe nei casi di violenze domestiche
FRANCIA
15 ore
Chirurgo accusato di pedofilia: 250 le vittime potenziali
L'ex medico, 68 anni, ha esercitato la sua professione in diverse regioni della Francia fra il 1989 e il 2017
EMIRATI ARABI UNITI
15 ore
Etihad: eco-partnership con Boeing
Un Boeing 787 Dreamliner sarà utilizzato per testare prodotti, procedure e iniziative progettate per ridurre le emissioni di Co2 degli aerei
FOTO E VIDEO
FRANCIA
16 ore
Crolla ponte in Francia: morta una 15enne
Almeno sei i feriti. Imprecisato il numero dei dispersi. La struttura è collassata al passaggio di un camion il cui peso sarebbe stato superiore al limite consentito
CINA
17 ore
Hong Kong: scontri durissimi e decine di arresti vicino al Politecnico
La tregua raggiunta tra manifestanti e polizia è stata rotta nella notte. Intanto, il divieto per i dimostranti di indossare maschere è stato giudicato incostituzionale
FOTO
STATI UNITI
18 ore
Entrano in giardino e aprono il fuoco, è strage a un party californiano
I killer hanno sparato a un gruppo di persone che stava guardando una partita di football alla televisione ieri sera a Fresno. Il bilancio è di quattro morti e sei feriti
SAMOA
18 ore
Epidemia di morbillo nel Pacifico, è allarme a Samoa
L'arcipelago ha dichiarato ieri lo stato di emergenza ordinando la chiusura di tutte le scuole. Da inizio ottobre la malattia ha provocato sette decessi
GIAPPONE
18 ore
Vulcano Shimmoe, sale il livello d'allerta
L'agenzia meteorologica nazionale ha rilevato ben 22 scosse telluriche tra la tarda mattinata di domenica e le prime ore di lunedì. «Non avvicinatevi al cratere»
STATI UNITI
18 ore
Sigarette elettroniche, Trump si tira indietro
Il presidente teme che i fumatori tornerebbero alle sigarette tradizionali, con la chiusura di negozi e personale senza lavoro
FOTO
AUSTRALIA
19 ore
Ancora fiamme, 500 case distrutte e 4 morti
L'area bruciata in New South Wales si estende per più di un milione e 650mila ettari. Nei prossimi giorni sono previste temperature fino a 40 gradi e raffiche di vento
STATI UNITI
20 ore
Due professori di chimica arrestati: producevano metanfetamine
Come in Breaking Bad sfruttavano le loro conoscenze settoriali, ma non avevano fatto i conti con l'odore sgradevole dei composti
BELGIO
1 gior
In rosso sul conto di 100 miliardi di euro
Lo ha scoperto un imprenditore quando si è visto respingere il bancomat mentre cercava di acquistare un sandwich
CHIASSO/ SANTIAGO
07.11.2019 - 23:000
Aggiornamento : 08.11.2019 - 08:32

«Situazione gravissima, qui si arriva a pagare il pane a rate»

Jacopo B., 24enne ticinese, studente di architettura, è testimone delle proteste in corso in Cile. Nei suoi racconti, violenza a non finire e tanta disperazione

CHIASSO/ SANTIAGO - Si chiama Jacopo B., ha 24 anni ed è di Chiasso. Da due mesi si è temporaneamente trasferito a Santiago del Cile per uno stage pratico nell’ambito dei suoi studi di architettura. Vive a 3 minuti a piedi da Plaza Italia, centro nevralgico delle proteste in corso attualmente nel Paese sudamericano. Jacopo, dal suo osservatorio “privilegiato”, racconta quanto sta accadendo nella capitale cilena. «Fa ormai parte della mia quotidianità ritrovarsi nel mezzo di scene di guerriglia urbana abbastanza forti».

Hai paura?
Io e i miei coinquilini cerchiamo di uscire il meno possibile di casa, in quanto la situazione, anche se può sembrare tranquilla, può degenerare da un momento all’altro. 

Da giovane svizzero sei riuscito a darti una spiegazione di ciò che sta accadendo?
Ciò che sta succedendo in Cile, fondamentalmente, è che il rincaro dei prezzi del metro ha mosso qualcosa, inizialmente negli studenti, che è poi esploso in un malessere generale represso da quando nel 1980 è stata scritta la nuova costituzione.

Cosa c’è alla base?
La vita è troppo cara e colpisce tutte le classi sociali. Ultimamente la situazione è diventata insostenibile. Basti pensare che se vai al supermercato puoi pagare a rate il pane. Questo fa capire che la gente non ha più nulla da spendere.

Da lunedì 14 ottobre la tensione pare cresciuta…
Tutte le metropolitane erano sorvegliate dai “carabineiros”, i poliziotti antisommossa. Solo il venerdì 18, però, la situazione è degenerata. Il Cile è abituato a proteste di questo tipo, ma non con questa durata. Nelle piazze della capitale ha iniziato a riversarsi tutto il popolo. Studenti, anziani, bambini, donne incinta, padri di famiglia, giovani, lavoratori… Al grido di “Chile despertó” (Il Cile si è svegliato). 

Qual è l’aspetto che più ti impressiona?
Ciò che più mi ha colpito è che quella che è iniziata come una protesta studentesca è subito diventata una lotta di un popolo intero. Fino al giorno dopo nessuno poteva immaginare si delineasse una situazione così seria. Nel corso di appena 24 ore da una protesta “abituale” si è arrivati a una violenza impressionante, che arrivava da più parti.

Il popolo ha cominciato così a saccheggiare e bruciare svariate attività, iniziando da banche e grandi supermercati per poi arrivare a negozi più piccoli.
In diversi quartieri si registra uno stato di distruzione quasi totale, il che fa pensare che il problema più grande non è il presente, bensì il futuro. Solo vicino a casa mia, nel raggio di un centinaio di metri, sono stati bruciati o saccheggiati due farmacie, un gommista, un hotel, due banche, tre minimarket, un benzinaio, un cantiere, quattro fast food di grandi catene e altri esercizi. Una parte della popolazione ha dunque iniziato a difendersi da sola da quello che sembrerebbe puro terrorismo, vigilando il quartiere anche di notte nonostante il coprifuoco, in seguito ritirato.

Una situazione terribile, dunque.  
Mi ha impressionato inoltre che nella strada laterale alla mia, sono stati incendiati ben cinque bus uno di fianco all’altro. Questo fa capire quanto il popolo sia arrabbiato. Tuttavia la maggior parte della popolazione continua a condurre le proteste in modo pacifico, organizzando barricate e falò in mezzo alle strade, ballando, cantando e suonando intorno a questi ostacoli improvvisati che hanno il compito di bloccare l’intervento delle forze dell’ordine. Nonostante questo stato di rivolta totale, il popolo aiuta sempre l’intervento dei pompieri o del personale sanitario, rimuovendo all’istante le barricate in modo da permettere la circolazione di questi mezzi. Se ne deduce che lotta è solo tra la popolazione e lo Stato, che nelle strade è rappresentato dalle forze dell’ordine.

Vedere tutti i giorni queste scene che effetto fa?
Ho la fortuna di vivere in un quartiere simbolo delle proteste, che resta quindi costantemente sotto i riflettori nazionali e internazionali. Infatti nelle aree più povere la situazione è ancora più grave. Intorno a Plaza Italia non si vedranno mai, per il momento, le stesse scene che si vedono in altre zone. Più povertà si traduce in manifestazioni più violente. Devo dire che negli ultimi giorni la situazione sì è leggermente calmata.

Perché?
Questo è dovuto a diversi fattori. Innanzitutto al ritiro delle forze militari dalle strade. Il ricordo della dittatura è ancora ben ancorato nella gente e il fatto che il presidente abbia schierato i militi in strada e messo il coprifuoco, ha fatto riemergere nella gente la paura che potesse ritornare la stessa situazione. 

E poi?
Un altro fattore sta nell’arrivo degli esponenti dell’ONU e delle organizzazioni dei diritti umani. Questo ha portato a un tentativo di “nascondere la polvere sotto il tappeto” da parte del Governo, tradotto in un minor utilizzo della violenza, mentre esponenti dei gruppi di estrema destra e sostenitori del neo-liberalismo e del presidente Piñera provano invano a ripulire muri e strade della città, per cercare di fare apparire la situazione meno grave di quella che è. 

 Jacopo B
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
Sarah Saretta 1 sett fa su fb
Ana Karina
Lucinda Maurino 1 sett fa su fb
😥❤
Afram Issa 1 sett fa su fb
Siamo lì.....
Massimo Monzani 1 sett fa su fb
Buongiorno , vi scrivo dal Chile pure io . Paese in cui c’ho vissuto in panta stabile per anni . Qui si paga “ en cuotas “ qualsiasi cosa . É sufficiente selezionare detta voce dal pos con in quale di paga , e non necessariamente perché non si hanno i soldi ma poiché fino a 3 rate é senza interessi e qui si usa così . É un po’ come da noi che si ora de l’auto i. Leasing perché i tassi sono bassi Ora vanno bene i titoli sensaZionale ma ...si perde credibilità Saluti
Cinzia Chezzi 1 sett fa su fb
Massimo Monzani ciao. Io vivo in Brasile. Qui é até 10 vezes (fino a 10 rate). Al supermercato sempre 2 domande ti fanno alla cassa: debito o credito? Se scegli credito puoi parcellare. Pero' se paghi debito, quindi a vista, molti posti ti danno il 10% di sconto. Saluti e buona fortuna. Per ora qua in Brasile si sta benone.
Massimo Monzani 1 sett fa su fb
Cinzia Chezzi gentile Cinzia , qui non ti applicano nessuno sconto se paghi tutto e subito ....
Maida Vale 1 sett fa su fb
Alessandro Chiarelli hai deciso se partite?
Alessandro Chiarelli 1 sett fa su fb
Maida Vale sì
Anna Bogialli 1 sett fa su fb
🙏🏼😞
Joelle Piffe 1 sett fa su fb
Qua si pagano beni di lusso a rate. Beni non necessari per forza sopra gli standard. Il popolo cileno paga a rate per sopravvivere. 🙏
Cinzia Chezzi 1 sett fa su fb
Joelle Piffe anche in Brasile. Addirittura l'uovo di Pasqua per il figlio si compra a rate.
Nicole Di Marino Minazzoli 1 sett fa su fb
Caroline Thio Alessia Hässig...
Moreno Rubbi 1 sett fa su fb
Anche in Svizzera se i politici non fanno niente contro le casse malati , si arriva a pagare il pane a rate...
Paolo Longoni 1 sett fa su fb
Moreno Rubbi si, insomma la stessa cosa. 🤦‍♂️
Klime Jakimov 1 sett fa su fb
Più che in Svizzera direi in Ticino!
Moreno Rubbi 1 sett fa su fb
Paolo Longoni le metafore mi sa che a scuola non le hai imparate!
Paolo Longoni 1 sett fa su fb
Le metafore sono un’altra cosa, se l’italiano non é un opinione. Questo é benaltrismo. https://it.wikipedia.org/wiki/Metafora https://it.wikipedia.org/wiki/Benaltrismo Ciao ignoranza.
Moreno Rubbi 1 sett fa su fb
Paolo Longoni 👍👍
Yukti Mandakini 1 sett fa su fb
Paolo Longoni beh in assistenza a 1900 fr non siamo lontani fai un pasto al giorno .... poi grazie al cielo c’è l’assistenza ..
Nunzia Conte Iorio 1 sett fa su fb
Moreno Rubbi carta manor
Nunzia Conte Iorio 1 sett fa su fb
Nunzia Conte Iorio 1 sett fa su fb
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 02:21:57 | 91.208.130.89