keystone-sda.ch/STF (Lefteris Pitarakis)
Le bombe turche continuano a cadere sul confine siriano.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CINA
29 min
Ora è Pechino a mettere in guardia: «Non andate negli Stati Uniti»
La reazione «eccessiva» al coronavirus preoccupa il governo cinese, che teme disparità di trattamento per i cittadini
ITALIA
44 min
Coronavirus, Comune di Milano: «Possibile smart working per tutti»
Le tecnologie applicate al lavoro possono essere utili in casi di emergenza
STATI UNITI
1 ora
Malore dopo la sentenza: Weinstein in ospedale
L'ex produttore è stato riconosciuto colpevole ieri di aggressione sessuale e stupro di terzo grado
STATI UNITI
2 ore
Sono nati i primi cuccioli di ghepardo in vitro da una madre surrogata
Sono i primi a nascere attraverso le tecniche della fecondazione in vitro e il trasferimento di embrioni
ITALIA
2 ore
Lombardia, «la situazione si è stabilizzata»
I contagi in tutta Italia sono 322, 11 i nuovi decessi.
STATI UNITI / CINA
4 ore
Giornalisti espulsi, Trump annuncia: «Risponderemo presto»
Pechino aveva revocato i visti la settimana scorsa per un articolo ritenuto offensivo
STATI UNITI
5 ore
5 italiani soccorsi in Alaska, cercavano il bus di “Into the Wild”
Uno di loro è stato ricoverato con un principio di congelamento
SPAGNA
5 ore
Coronavirus, isolato l'albergo dove alloggiava il medico italiano
Sul posto sono giunte le forze dell'ordine. Primo spagnolo contagiato a Barcellona
ITALIA
6 ore
Coronavirus, in Italia 60'000 impieghi a rischio
Circa 15'000 piccole imprese potrebbero chiudere. «Servono misure straordinarie»
EUROPEA
7 ore
Scontro sulla pesca: accordo da trovare entro il 1° luglio
Il Consiglio europeo ha autorizzato la Commissione ad avviare i negoziati con il Regno Unito
SIRIA
18.10.2019 - 20:320

Fragile tregua in Siria, sul confine cadono ancora le bombe

Il cessate il fuoco concordato ieri da Turchia e Stati Uniti ha subito ripetute violazioni: i raid di Ankara non si fermano. Erdogan però nega: «Disinformazione»

DAMASCO - Una tregua fragile, con ripetute violazioni. Nelle prime ore del cessate il fuoco, concordato ieri sera da Turchia e Stati Uniti nel nord-est della Siria, non si fermano i raid di Ankara e gli scontri sul terreno.

Nonostante una «relativa calma» in gran parte del confine, il conflitto è proseguito di fatto a Ras al Ayn, la località strategica che da diversi giorni è sotto assedio dell'esercito di Recep Tayyip Erdogan. Secondo i curdi e l'Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus), la Turchia ha continuato a bombardare da terra e dal cielo, mentre le milizie locali sue alleate hanno impedito l'ingresso dei convogli di aiuti, fermi alle porte della cittadina. Ma Erdogan bolla le notizie di violazioni della tregua come «disinformazione» e assicura che il ritiro dei combattenti nemici, che dovrà concludersi entro martedì sera, «è cominciato».

«Ho appena parlato con il presidente turco Erdogan. Mi ha detto che c'era un cecchino poco importante e un colpo di mortaio che sono stati eliminati rapidamente. Lui vuole moltissimo che il cessate il fuoco, o pausa, funzioni. Allo stesso modo lo vogliono i curdi», ha twittato Donald Trump, assicurando che "c'è buona volontà da entrambe le parti e un'occasione davvero buona per il successo".

Il leader di Ankara ha ribadito però che tutto dipende dal ritiro dei "terroristi" dalla zona di sicurezza. Se non sarà completato entro i 5 giorni stabiliti, ha minacciato, l'operazione militare riprenderà «in modo ancora più determinato». Nel primo intervento dopo l'accordo, Erdogan ha anche attaccato «l'ipocrisia» dei leader europei («Un'accusa che respingo», gli ha risposto a distanza il premier Giuseppe Conte).

Nel mirino c'è ora il faccia a faccia con Vladimir Putin di martedì a Sochi, proprio poche ore prima della scadenza dell'ultimatum. «Considero l'incontro come un altro elemento di questo processo». La Turchia non avrà problemi se la Russia rimuoverà "i terroristi" anche da Manbij e Kobane, ha assicurato, precisando però che le sue truppe «resteranno per controllare se l'organizzazione terroristica lascerà effettivamente la zona» e gestire la successiva fase di messa in «sicurezza», con il trasferimento iniziale di almeno un milione di rifugiati.

Nell'area saranno anche create 12 postazioni di monitoraggio militare. I soldati turchi, ha aggiunto, hanno intanto catturato 195 miliziani dell'Isis dei 750 che secondo Ankara erano stati liberati dai curdi per seminare il caos.

Nonostante la tregua dichiarata, a Ras al Ayn è stata una delle giornate più drammatiche. Almeno 7 sono i civili rimasti uccisi e 21 quelli feriti nei raid aerei di Ankara, secondo l'Ondus, che riferisce anche di numerosi scontri con vittime tra curdi e milizie filo-turche. Le milizie curde hanno anche rivendicato l'abbattimento di un elicottero turco, non confermato al momento da altre fonti.

Intanto, dopo le denunce curde sull'uso di armi chimiche vietate, seccamente respinte da Ankara ma sotto indagine da parte dell'Onu e dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, arrivano oggi nuove pesanti accuse da Amnesty International, che parla di «crimini di guerra». Secondo l'ong, ci sono stati «omicidi sommari e attacchi illegali» e un «vergognoso disprezzo per la vita dei civili».

Tra i casi segnalati c'è anche la brutale esecuzione sommaria dell'attivista curda Hevrin Khalaf e della sua guardia del corpo da parte di milizie siriane addestrate e armate dalla Turchia. Ci sono «prove schiaccianti di attacchi indiscriminati in aree residenziali - denuncia Amnesty - compresi attacchi a una casa, un panificio e una scuola».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 20:29:39 | 91.208.130.85