Keystone
(Foto d'archivio)
SIRIA
14.10.2019 - 11:460

L'esercito di Damasco è a 50 km dal confine turco

Le truppe di Assad sono giunte ad Ayn Issa. L'Oms: 1,5 milioni di persone hanno bisogno di assistenza sanitaria

BEIRUT - Le forze governative siriane sono avanzate nel nord-est siriano e sono arrivate ad Ayn Issa, tra Raqqa e il confine turco.

Lo riferisce la tv di Stato siriana che mostra le immagini delle truppe di Damasco nella località siriana, 50 km a sud della frontiera turca.

Servono cure per 1,5 milioni di persone - In questo momento nel nord est della Siria, l'area interessata dagli scontri con l'esercito turco, ci sono 200mila profughi e 1,5 milioni di persone che hanno bisogno di assistenza sanitaria, con un forte rischio di malattie infettive.

Lo afferma l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) dicendosi 'gravemente preoccupata' per la situazione, anche per gli attacchi che stanno subendo gli ospedali e le altre strutture sanitarie.

«I servizi sanitari nell'area, già indeboliti, hanno avuto conseguenze gravi dagli ultimi sviluppi», scrive l'Organizzazione. «L'ospedale nazionale di Ras Al-Ain - prosegue l'Oms - è chiuso e l'ospedale nazionale e due centri sanitari a Tel Abyad hanno servizi limitati dal 12 ottobre a causa dell'escalation delle ostilità, che ha impedito l'accesso del personale. Tutte le strutture nei campi profughi ad Ain Issa e Ras al Ain sono state evacuate».

Il danneggiamento della stazione di pompaggio di Ras Al Ain, la principale fonte di acqua per quasi tutta l'area interessata, ha aumentato il rischio di epidemie di malattie infettive, aggiunge il comunicato. «Anche prima dell'escalation, diarrea acuta e febbre tifoide erano due delle malattie più frequenti nel nord est della Siria. L'aumento delle persone sfollate, il sovraffollamento e l'accesso limitato ad acqua e servizi sanitari provocheranno con grande probabilità un aumento delle patologie legate all'acqua. L'Oms - conclude la nota - chiede a tutte le parti del conflitto di preservare il diritto alla salute di centinaia di migliaia di civili innocenti, inclusi gli operatori sanitari e i pazienti».

Commenti
 
Dioneus 1 mese fa su tio
Mai avrei pensato di arrivare a sostenere uno come Assad
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 01:03:11 | 91.208.130.89