keystone-sda.ch/ (Randy Vazquez)
Un residente di San Jose prepara il suo generatore per il blackout
+ 4
STATI UNITI
09.10.2019 - 11:360
Aggiornamento : 10.10.2019 - 09:14

Pericolo incendi in California: per evitarli, tolta la corrente a 800mila famiglie

Si teme che alberi abbattuti dal vento travolgano le linee dell'alta tensione. I residenti fanno scorta di batterie e acqua

SAN FRANCISCO - Temendo incendi boschivi distruttivi e fatali come quelli che hanno tormentato la regione negli scorsi due anni, la società che fornisce energia elettrica al Nord della California ha iniziato un blackout preventivo che toccherà in totale ben 800mila economie domestiche e aziende.

A spingere la Pacific Gas and Electric (PG&E) a una misura tanto estrema sono i forti venti previsti nella zona e l'assenza di precipitazioni importanti negli ultimi mesi. Si vuole in particolare evitare che alberi abbattuti dalle folate possano travolgere le linee dell'alta tensione e innescare roghi nella vegetazione secca.

I blackout interesseranno progressivamente diverse aree del nord della California, tra le quali città importanti dell'area di San Francisco, ma non San Francisco stessa. Come segnala PG&E, «le interruzioni potrebbero durare più di 48 ore». Come riporta il San Francisco Chronicle, la misura solleva grossi dubbi in California sulla capacità dell'azienda di garantire una fornitura sicura di energia elettrica in un contesto di cambiamento climatico.

«Vi invitiamo a trovare fonti alternative di energia per l'illuminazione, per la ricarica dei dispositivi e per altre necessità», hanno comunicato la autorità della Contea di Alameda alla popolazione. Il timore per i blackout ha portato i residenti della California del Nord a fare grandi scorte di acqua e cibi in scatola e a svuotare gli scaffali di torce e batterie dei supermercati.    

L'anno scorso, il "Camp Fire" che ha colpito l'area intorno alla città di Paradise ha causato 86 morti. Come ricorda la BBC, un'indagine ha stabilito che è stata la scarsa manutenzione dell'infrastruttura di PG&E a determinare l'innesco dell'incendio.

keystone-sda.ch/ (Anda Chu)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
SosPettOso 2 mesi fa su tio
That's Ammerica! Invece di tagliare/potare gli alberi lungo le linee elettriche durante il resto dell'anno (creando così anche delle linee tagliafuoco), sospendono la fornitura...
Equalizer 2 mesi fa su tio
Le reti si possono interrare costa ma si può fare, la California è lo stato più ricco degli USA il più green, allora fate le cose come si deve, è dai tempi del telegrafo che continuate a piantare pali per attaccarci cavi, in campagna come in città, è ora di cambiare!
Equalizer 2 mesi fa su tio
Ormai siamo al delirio totale un po' ovunque, lo stato si comporta sempre più da tutore e sempre meno da stato.
SosPettOso 2 mesi fa su tio
@Equalizer "...la società che fornisce energia elettrica al Nord della California ha iniziato un blackout preventivo che..." è la società a sospendere l'erogazione, non lo stato (a cui poi tocca spegnere gli incedi).
fromrussiawith<3 2 mesi fa su tio
Mi domando se il "progressismo" sia davvero un fattore positivo per lo sviluppo sociale o se serva in effetti solo come strumento di "evasione" e "deresponsabilizzazione", una fuga dai problemi di natura umana e ambientale; la California è il simbolo di progresso americano, le sue città intendo, eppure questo stato democratico ha il numero più alto di senza tetto, anche se in termini di tasso di senza tetto per 100'000 abitanti si situa al quinto posto dietro altri quattro stati in mano ai democratici, San Francisco è diventata la capitale Americana degli “escrementi umani e animali domestici”, tanto che qualcuno ne ha fatto un emergenza ambientale. CA è lo stato con più omicidi di massa; otto delle città Californiane sono tra le top ten per inquinamento, e la gestione urbana e ambientale un disastro, etc… ma non potevano tagliarle prima le piante pericolanti? Magari la Svizzera in questo ambito può aiutare CA, inviando un gruppeto dei nostri büschiroo
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 20:44:04 | 91.208.130.89