Keystone
Björn Höcke
GERMANIA
17.09.2019 - 06:000

"Lo ha detto lei o Hitler?": politico dell'AfD interrompe l'intervista

Non è piaciuto a Björn Höcke il trattamento ricevuto dalla ZDF. Le sue minacce al giornalista, però, fanno discutere

ERFURT - Un politico del partito tedesco della destra populista AfD, Björn Höcke, ha interrotto un'intervista con l'emittente ZDF dopo essersi alterato con il giornalista e avergli chiesto di ripetere la registrazione minacciandolo di «gravi conseguenze». Questi gli stava mostrando un video che voleva evidenziare le presunte similitudini tra il suo modo di esprimersi e quello di Adolf Hitler.

L'emittente tedesca ha mandato in onda l'intervista completa domenica sera. Vi si vede il candidato di punta dell'AfD in Turingia che, per alcuni minuti, guarda un filmato in cui, ai suoi colleghi di partito, viene chiesto di dire se delle citazioni che vengono loro lette siano estratte dal libro di Höcke "Nie zweimal in denselben Fluß" ("Mai due volte nello stesso fiume") o dal "Mein Kampf" di Hitler. Tra termini come "degenerato" e "corruttore del popolo" nessuno osa sbilanciarsi. 

A un certo punto, Höcke si agita e accusa il giornalista di tirare fuori «vecchie storie» (il suo libro, però, è del giugno 2018). Interviene così il suo responsabile della comunicazione che avanza la richiesta di ripetere l'intervista. Il video, afferma, ha «fortemente emozionato» il suo capo e simili reazioni «non dovrebbero essere trasmesse così in TV». 

Al rifiuto del giornalista di ricominciare tutto da capo, però, i due passano alle minacce di «gravi conseguenze». Quali, chiede l'intervistatore? «Forse anch'io diventerò un interessante personaggio politico in questo Land», gli risponde sibillino Höcke.

In Germania, l'episodio ha acceso il dibattito sull'opportunità di "stanare" la presunta simpatia di Höcke e dell'AfD per il lessico del nazionalsocialismo (è nota, commenta per esempio lo Spiegel) e la gravità delle velate minacce del politico al giornalista della ZDF, che metterebbero in luce il presunto malessere del partito populista di destra per la libertà di stampa. Dal canto suo, l'Associazione tedesca dei giornalisti (DJV) supporta la decisione del collega di rifiutare di ripetere l'intervista per «ammorbidirla».     

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 22:46:50 | 91.208.130.89