keystone-sda.ch/ ()
+ 2
STATI UNITI
16.09.2019 - 14:460
Aggiornamento : 16:45

L'attacco ai pozzi sauditi? Arrivava dall'Iran o dall'Iraq, lo dimostrerebbero delle foto

Le ha diffuse l'amministrazione statunitense. La sofisticatezza dell'offensiva supererebbero le capacità degli Houthi

WASHINGTON - L'amministrazione statunitense ha diffuso foto satellitari che mostrano gli almeno 17 punti di impatto negli impianti petroliferi sauditi di attacchi provenienti da nord o nord ovest. Elementi che sarebbero coerenti con un raid proveniente dalla direzione del Golfo persico settentrionale, quindi da Iran o Iraq, piuttosto che dallo Yemen, dove gli Houthi, i ribelli locali sostenuti da Teheran, hanno rivendicato gli attacchi. Lo scrive il New York Times.

Stando alla testata, che cita dirigenti americani in un briefing con i giornalisti, gli impianti petroliferi sauditi potrebbero essere stati colpiti da una combinazione di numerosi droni e missili da crociera.

In tal caso il livello dell'obiettivo, la precisione e la sofisticatezza dell'attacco supererebbero le capacità dei ribelli yemeniti Houthi che lo hanno rivendicato.

Mosca condanna gli attacchi, ma dice no conclusioni affrettate - Mosca condanna «fermamente» gli attacchi contro due impianti Aramco in Arabia Saudita, ma invita ad evitare «conclusioni affrettate» su chi abbia perpetrato l'attacco: lo fa sapere il ministero degli Esteri russo. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha incolpato per il raid l'Iran, che però respinge le accuse.

«Riteniamo controproducente - afferma il ministero degli Esteri russo - usare questi eventi per aumentare le tensioni attorno all'Iran in linea con la ben nota politica americana. Le opzioni che prevedono l'uso della forza per ritorsione, e che a quanto si dice sono discusse a Washington, sono ancora più inammissibili».

«Noi - ha dichiarato il ministero degli Esteri russo - condanniamo fermamente i raid contro obiettivi non militari, la distruzione di infrastrutture socio-economiche e ogni azione capace di colpire le forniture e la domanda di carburante provocando una nuova ondata di instabilità nel mercato mondiale degli idrocarburi con le conseguenti ripercussioni negative sull'economia mondiale».

Mosca ha però anche precisato di «consigliare con veemenza» di non giungere a «conclusioni affrettate» su chi abbia compiuto questo attacco contro le raffinerie saudite.

L'Onu: «Non è chiaro chi sia dietro l'attacco ai sauditi» - «Non è interamente chiaro chi sia dietro l'attacco alle strutture petrolifere saudite». Lo ha detto l'inviato speciale dell'Onu in Yemen, Martin Griffiths, durante una riunione del Consiglio di Sicurezza.

«È un incidente estremamente serio, con conseguenze che vanno molto oltre la regione», ha aggiunto, sottolineando che «gli attacchi rischiano di trascinare lo Yemen in una conflagrazione regionale».

Griffiths ha ribadito che «non c'è tempo da perdere» e bisogna trovare una soluzione politica.


 
 

keystone-sda.ch/ ()
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
miba 1 mese fa su tio
Giusto, hai perfettamente ragione. Chissà se tu parli (e scrivi) in tedesco come io scrivo in italiano.... ;)
Dioneus 1 mese fa su tio
Ah beh allora, se parrucchino biondo dice che lo dimostrano le foto allora alzo le mani.
pontsort 1 mese fa su tio
A parte che per una volta un coinvolgimento dell'Iran o di vari alleati (almeno in quanto sostegno tattico) mi sembra almeno credibile, si sono dimenticati che l'arabia saudita é in guerra in Yemen e dei contrattacchi sono la cosa più normale di questo mondo?
albertolupo 1 mese fa su tio
"Uffà! Uffà! ma che scocciatura! questa guerra non mi piace, non la voglio fare! non m'importa del petrolio, sarò un vile, un'anormale ma questa volta alle Crociate non ci voglio, non ci voglio, non ci voglio andare!..." 1980 - Uffa! Uffa!, E. Bennato, citando tra l'altro anche le crociate… 1990 - 1a guerra del Golfo, S.Hussein & G.H.W.Bush il padre (con il secondo - lo si seppe a posteriori - che di fatto lasciò intendere al primo di poter invadere il Kuweit 2003 - 2a guerra del Golfo, S.Hussein & G.W.Bush il figlio (e su chi la raccontava giusta o sbagliata ne sappiamo già qualcosa in più…)
albertolupo 1 mese fa su tio
@albertolupo Uffa. Se il blog non ammette le "e" commerciali e altri caratteri particolari, ditelo! O fate in modo che non si possano usare. Meglio ancora fate in modo che si possano usare. %&ç*[]´¨£$!!!
Thor61 1 mese fa su tio
@albertolupo MAGARI!!! Non puoi nemmeno andare a capo di una frase, immaginarsi i caratteri "Speciali". ;o)))) Saluti
bobà 1 mese fa su tio
@Thor61 effettivamente la "policy" è abbastanza restrittiva; si direbbe d'essere in un convento di francescani
miba 1 mese fa su tio
Chi non ricorda Colin Powell e la famosa provetta che ha servito quale pretesto per l'invasione dell'Iraq? I più grandi guerrafondai della terra non si smentono mai.....
F.Netri 1 mese fa su tio
@miba Quando parli degli americani perdi totalmente il controllo, anche della lingua. Non si dice "si smentono"! Si dice "si smentiscono"!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 22:31:16 | 91.208.130.86